Top

Zingaretti contro un nuovo lockdown: "Non ce lo possiamo permettere. Ampliare l'obbligo vaccinale"

Il presidente della Regione Lazio: "Bisogna andare avanti con delle decisioni che a mio giudizio devono avere un doppio passo"

<picture> Nicola Zingaretti </picture>
Nicola Zingaretti

globalist

17 Novembre 2021


Preroll

Più che nel governo, la discussione sull’introduzione di nuove misure per contrastare la quarta ondata di Covid passa nella Conferenza delle Regioni.
“Da una parte non dobbiamo rinunciare a convincere le persone a vaccinarsi, ma se questo non bastasse per me vanno bene tutti gli incentivi alla vaccinazione. Per esempio, si potrebbe ampliare la fascia dell’obbligo vaccinale. 
Oggi vale per medici e personale sanitario. Ma va aperta una riflessione su altre funzioni pubbliche molto importanti. Non per ledere la libertà di qualcuno, ma per garantire la libertà di tutti”. A sottolinearlo, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
In merito alla posizione di alcuni presidenti di Regione di pensare a restrizioni solo per non vaccinati Zingaretti sottolinea: “Secondo me è un risultato straordinariamente positivo, perché non era scontato il fatto che ormai tra di noi ci sia unanimità sull’obiettivo principale, che è quello di difendere la libertà di tutti. 
Questo significa prosciugare il più possibile il bacino dei potenziali contagi e l’area dove il virus sopravvive, che è quella dei non vaccinati. Quindi se siamo d’accordo su questo indirizzo ora bisogna andare avanti con delle decisioni che a mio giudizio devono avere un doppio passo”.
Per Zingaretti, “la più grande negazione della libertà individuale e collettiva sarebbe quella di essere costretti a tornare al lockdown. Chi in questo momento non si vaccina è un privilegiato che gode del fatto che altri milioni di persone per fortuna si sono vaccinate – sottolinea – nessuno si permettesse di fare lezione sui concetti di libertà perché nel non osservare le regole e nel mettere a rischio le vite degli altri non c’è nessuna libertà. Anzi, è la negazione della libertà in nome di un privilegio individuale”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage