Top

Assessore no vax senza mascherina al corteo di Trieste: rimosso dall'incarico

Gianfranco Salvatore, contrario ai vaccini e ai tamponi, era stato inquadrato dalle telecamere del Tg regionale tra la folla senza mascherina. Era nella giunta di Casalmaggiore (Cremona)

Corteo No pass a Trieste
Corteo No pass a Trieste

globalist

14 Novembre 2021 - 09.28


Preroll

Mentre l’Europa sta piombando nella quarta ondata della pandemia, c’è chi si permette il ‘lusso’ di partecipare a cortei no-vax, senza mascherina pensando di farla franca: si tratta dell’assessore alle Politiche sociali di Casalmaggiore, Gianfranco Salvatore.
Tuttavia, Filippo Bongiovanni (Lega), sindaco del Comune di Casalmaggiore (Cremona), ha revocato il suo mandato. 
La decisione dopo che l’uomo era finito nella bufera per aver preso parte a una delle manifestazioni No vax a Trieste. L’ormai ex assessore era stato inquadrato dalle telecamere del Tg regionale tra la folla senza mascherina.
Salvatore, che si dice contrario sia alla vaccinazione sia ai tamponi, parla di “ricatto discriminante”.
“Non essendo vaccinato e non sottoponendosi al tampone – spiega il primo cittadino della cittadina in provincia di Cremona – non può svolgere con efficacia e puntualità il suo compito. E per questo, in accordo con la maggioranza, ho deciso di revocargli la delega”. 
“Sì, a Trieste sono andato convintamente – aggiunge Salvatore -. Io non mi sono vaccinato ma quello che contesto in assoluto è il Green pass, uno strumento ricattatorio usato dallo Stato per metterti comunque in un angolo. A Trieste ho incontrato persone assolutamente straordinarie per dignità e confesso che quando ho visto utilizzare gli idranti contro i manifestanti mi sono convinto che la democrazia ormai è finita”.
L’ex assessore ha poi definito la propria posizione senza arretrare di un millimetro: “Io sono un ‘Free vax’, nel senso che trattandosi di un trattamento sanitario ritengo che ci debba essere la libertà di farlo oppure no. E’ inaccettabile l’obbligo del Green pass per lavorare, perché si tratta di uno strumento discriminatorio nei confronti di una minoranza e viola diritti che dovrebbero essere garantiti. Penso anche che se metteranno le mani sui bambini per vaccinarli si renderanno responsabili di un crimine contro l’umanità”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile