Top

Fassina (Leu): "Altri miliardi a Big Pharma, sul Covid sospendere i brevetti"

Il deputato di Leu: "Il G20 poteva essere un'occasione preziosa, ma il nodo è stato rimosso"

Stefano Fassina
Stefano Fassina

globalist

13 Novembre 2021 - 16.13


Preroll
L’opposizione al governo si fa sentire e ritiene inaccettabile aver finanziato ulteriori risorse in favore delle Big Pharma.
“Tra le sorprese del Ddl di Bilancio, all`art 90, c`è l`ammontare degli ulteriori finanziamenti per l’acquisto dei vaccini: 1,85 miliardi di euro per il 2022, per ora. Sono risorse enormi, analoghe all`incremento per il fondo Sanitario Nazionale. Sommati a quanto già speso per la ricerca e l’acquisto di vaccini anti-Covid, si arriva ad oltre 5 miliardi.
Sono denari dei contribuenti finiti in larga parte a ingrassare gli azionisti di Big Pharma, non a pagare i costi di ricerca, produzione e distribuzione dei vaccini”. Lo ha dichiarato in una nota Stefano Fassina, deputato del gruppo Liberi e Uguali, secondo il quale “va riaperto il capitolo della sospensione dei brevetti”.
“E’ inaccettabile quanto accade, in un contesto – ha sottolineato – dove è di moda la chiacchiera contro le disuguaglianze e l’inclusione sociale. Il G20 poteva essere un’occasione preziosa, ma il nodo è stato rimosso.
Va rimesso in agenda, anche perché la vigenza dei brevetti taglia fuori metà dell’umanità dalla vaccinazione, consolida la presenza del virus e relative varianti e inibisce il superamento dell`emergenza.
Ogni tanto, le destre e i liberisti di complemento potrebbero aprire un fronte con i grandi interessi, invece di alimentare la guerra contro gli ultimi attraverso gli attacchi al Reddito di cittadinanza”, ha concluso Fassina.
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile