Conte sull'accordo per la giustizia: "Non è la nostra riforma ma l'abbiamo migliorata"

Così il leader del M5s, Giuseppe Conte, in merito al via libera del Cdm alla proposta di mediazione sulla riforma del processo penale.

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte

globalist 29 luglio 2021
Il leader del M5s, Giuseppe Conte, in merito al via libera del Cdm alla proposta di mediazione sulla riforma del processo penale si è espresso dicendo: "Non è la nostra riforma, ma abbiamo contribuito a migliorarla".
L'ex premier ha sottolineato: "Abbiamo detto che non si può transigere sui processi di mafia e terrorismo e lo abbiamo ottenuto". Poi la stilettata alla Lega: "Sono rammaricato per la sua opposizione ad allungare la prescrizione per i reati di mafia".
Lega: "Bene cosi su mafia, droga, stupro"
Ha espresso soddisfazione per la riforma della Giustizia la Lega. "Come chiesto dalla Lega, non rischieranno di andare in fumo i processi per mafia, traffico di droga e violenza sessuale. E ora avanti tutta con i referendum che completeranno il profondo cambiamento chiesto dai cittadini", hanno affermato Matteo Salvini e Giulia Bongiorno.
Iv: "Archiviata la riforma Bonafede, contentini utili a Lega e M5s per non perdere la faccia"
"Nonostante i tentativi di Conte, perpetrati fino all'ultimo minuto, per bloccare la riforma, anche delegittimando i suoi stessi ministri, oggi il giustizialismo di Bonafede e dei 5 Stelle è stato finalmente archiviato e si torna al rispetto delle garanzie costituzionali. E' un passo nella giusta direzione".
Lo ha dichiarato la deputata di Italia Viva Lucia Annibali, capogruppo in Commissione Giustizia. "Non è una riforma perfetta, ma torna la prescrizione, abolita dall'ex ministro Bonafede, e cambiano importanti fasi del processo penale, a riprova - ha sottolineato la Annibali - che i tentativi di stravolgere la Riforma Cartabia non hanno avuto successo e Lega e M5s hanno avuto i contentini utili a non perdere la faccia". 
Pd: "Cartabia ha trovato il giusto equilibrio senza scadere nell'impunità"
Entusiasta il leader del Partito democratico, Enrico Letta, che su Twitter ha scritto: "Riforma della giustizia che si avvicina all'Europa e fa compiere grandi avanzamenti in termini di modernità ed efficacia. Cartabia ha trovato il giusto equilibrio per superare la riforma precedente senza scadere nell"impunità. Ci siamo spesi per l'accordo. Ne siamo contenti".