Top

Di Battista sulla crisi nel M5s: "Si vota se restare o meno nel governo Draghi"

L'ex M5S attacca il governo Draghi in un lungo editoriale su Tpi: "Disastro iperliberista"

<picture> Alessandro Di Battista </picture>
Alessandro Di Battista

globalist

30 Giugno 2021


Preroll

E’ un Alessandro Di Battista al veleno quello che si legge in un lungo editoriale su Tpi.
“Il Movimento oggi, per volere del garante Grillo, si appresta, a quanto pare, a votare un Comitato direttivo. Credo che a fronte di questi 4 mesi tragici nei quali chi ha vinto le elezioni del 2018 è risultato politicamente inconsistente, sarebbe doverosa una votazione sulla permanenza o meno del M5S nel governo dell’assembramento. Perché errare humanum est, perseverare è draghiano”. 
Il governo Draghi, ha scritto Di Battista, è “uno dei peggiori governi europei” e “viene quotidianamente incensato dalla peggiore stampa occidentale”.
Un governo “iper-liberista e governa in un momento in cui la pandemia, avendo mostrato la necessità di un forte Stato centrale, ha messo in crisi proprio i dettami del laissez faire, ovvero del trionfo del libero mercato” e “Cingolani, scelto dal Movimento, è riuscito in questi quattro mesi ad affossare il servizio civile ambientale”.
Di Battista ha aggiunto: ″È l’Ancien Régime che brinda lasciando al popoluccio distratto dagli Europei soltanto rabbia e briciole. È la restaurazione tornata, inaspettatamente, dopo il trionfo del più grande movimento anti-establishment dell’occidente”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage