Top

Santori (Sardine) su Zaki: "Draghi non sta facendo nulla sull'Egitto"

Il portavoce del movimento: "L'unica volta che è intervenuto sulla questione, è riuscito solo a glissare dicendo che è un affare del Parlamento"

Mattia Santori
Mattia Santori

globalist

16 Giugno 2021 - 17.46


Preroll

Parole dure ma che non nascondono la verità. Oggi “registriamo che Mario Draghi non sta facendo nulla per rivendicare la sua autorevolezza nei confronti di un partner commerciale come l’Egitto” e che “la politica scompare tra i banchi del Parlamento”. L’affondo arriva dal leader delle Sardine, Mattia Santori, oggi pomeriggio a Bologna per inaugurare la mostra su Patrick Zaki che lo stesso movimento ha contribuito a realizzare insieme al Comune di Bologna, all’Alma Mater, alla Curia e a Coop Alleanza. 
“E’ successo spesso in questo anno e mezzo di ribadire cose dal basso e di trovare una mancata risposta o una sorta di silenzio da parte delle Istituzioni e della politica- attacca Santori- questo è alla base del distacco che c’è tra politica e cittadini”.
Sono passati due mesi dall’ok in Senato alla mozione a favore della cittadinanza italiana a Patrick Zaki. Ma ancora nulla si è mosso. La politica, manda a dire il leader delle Sardine, “dovrebbe rendersi conto che spesso la cittadinanza in Italia è più avanti. Oggi c’è stata una grande mobilitazione a Bologna e in tante città. Ieri 30 ragazzi hanno fatto le tre di notte per montare questa installazione, mentre la politica scompare tra i banchi del Parlamento”
La mostra per Zaki a Bologna vedrà la presenza di 50 manifesti lungo il portico di via Saragozza, dedicati allo studente egiziano e ad altri prigionieri politici.
“Questa iniziativa è nata per ribadire che Bologna non sta dimenticando- spiega ancora Santori- che per noi non è un dolore o una crisi passeggera, ma qualcosa che rimane. E oggi abbiamo voluto dare a Patrick anche dei compagni di viaggio, raccontare una storia che non ricorda solo Zaki, ma che Patrick ci ha insegnato a conoscere. E’ un segno di vicinanza e un grande abbraccio da parte della città”.
Come primo volto, dopo Zaki, è stato scelto quello di Ahmed Samir Santawy, ricercatore e studente 29enne di un master in antropologia all’Università di Vienna, impegnato sui diritti delle donne, detenuto a sua volta in Egitto. 
“Ahmed incarna la poca consapevolezza che si ha da cittadini italiani rispetto ai temi della giustizia e dei prigionieri di coscienza- sostiene Santori- Ahmed è uno Zaki che non abbiamo conosciuto, per il quale tra l’altro il Paese che dovrebbe battersi, cioè l’Austria, non sta facendo quello che sta avvenendo in Italia. Quindi è giusto creare maggiore consapevolezza”, sostiene il leader delle Sardine.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile