Top

Gasparri vuole la rimozione del professore di Siena: ma sulla 'bambola gonfiabile' alla Boldrini taceva...

L'ex senatore missino è uno degli esponenti che hanno tollerato Salvini e la Bestia e sono fan di Libero e non hanno nulla da dire se Senaldi e Feltri vanno in tv

Salvini e Gasparri
Salvini e Gasparri

globalist

21 Febbraio 2021 - 16.40


Preroll

Che il professor Gozzini sia indifendibile è evidente. E che i suoi insulti non possano rimanere senza conseguenze è pacifico.
Quello che però non si può accettare è che alcuni dei moralisti di oggi hanno fino a ieri tollerato cose ben peggiori che provenivano dal loro campo. E che si svegliano solo quando fa loro comodo e, quindi, sono gli ultimi a poter parlare.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Mara Carfagna, tanto per fare un esempio, ha sempre e con forza condannato le campagne di odio e sessiste. E a buon ragione ha la credibilitàò anche in questo caso. Ma tanti altri no, compresi quelli che scatenavano la Bestia mediatica.
Vediamo il caso dell’ex missino e senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri: “Bene ha fatto il Presidente della Repubblica Mattarella a telefonare a Giorgia Meloni per esprimere solidarietà dopo gli inauditi insulti del sedicente professor Gozzini, che insegnerebbe storia, come e a chi?, all’università di Siena. Ma farà meglio l`Università ad allontanarlo immediatamente dall’insegnamento. Una persona che usa quelle parole, in quel modo, dimostrandosi intollerante e portatore di odio e di rancore, non può sedere un secondo di più su una cattedra universitaria”.
“Assumerò anche – annuncia Gasparri- iniziative parlamentari e credo che se cittadini e studenti in maniera pacifica, democratica e civilissima facessero capire che un docente del genere deve stare a casa e non all’università, ne avrebbero tutto il diritto. Il dissenso pacifico nei confronti degli intolleranti è una misura di salvaguardia della democrazia e della libertà. L`Università di Siena deve provvedere entro domani mattina e anche il ministro deve assumere tutte le iniziative di sua competenza, che gli chiederemo in sede parlamentare. E voglio anche rilevare che se una cosa del genere fosse accaduta ad una donna di sinistra, avremmo perfino lo sciopero degli autobus e un minuto di silenzio in tutte le fabbriche italiane. Non vorremmo che l’appartenenza politica, come successo nel passato, portasse a sottovalutare la vicenda. E credo che Giorgia Meloni farà bene ad agire nelle sedi giudiziarie perché Gozzini deve essere anche condannato in tribunale. Le sue tardive scuse sono flatulenze”.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage