Per la sorella di Matteo Messina Denaro chiesti 20 anni di carcere: accuse di associazione mafiosa aggravata e ricettazione
Top

Per la sorella di Matteo Messina Denaro chiesti 20 anni di carcere: accuse di associazione mafiosa aggravata e ricettazione

I pm della dda di Palermo Piero Padova e Gianluca de Leo hanno chiesto la condanna a 20 anni di carcere per Rosalia Messina Denaro, sorella del boss ed ex super latitante.

Per la sorella di Matteo Messina Denaro chiesti 20 anni di carcere: accuse di associazione mafiosa aggravata e ricettazione
Matteo e Rosalia Messina Denaro
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Marzo 2024 - 11.46


ATF

Per Rosalia Messina Denaro, sorella del boss ed ex super latitante Matteo Messina Denaro, i pm della dda di Palermo Piero Padova e Gianluca de Leo hanno chiesto la condanna a 20 anni di carcere. La donna è accusata di associazione mafiosa aggravata e ricettazione e si trova in carcere da marzo dell’anno scorso. 

Secondo gli inquirenti avrebbe aiutato per anni il fratello a sottrarsi alla cattura e avrebbe gestito per suo conto la «cassa» della «famiglia» mafiosa e la rete di trasmissione dei `pizzini´, consentendo così al capomafia di mantenere i rapporti con i suoi uomini durante la sua lunga latitanza.

Maggiore delle quattro sorelle di Messina Denaro, Rosalia è la madre di Lorenza Guttadauro, avvocato che, dal giorno del suo arresto ha difeso il capomafia, e la moglie di Filippo Guttadauro che ha scontato 14 anni per associazione mafiosa ed è tuttora in carcere al cosiddetto `ergastolo bianco´. 

Il secondo figlio della donna, Francesco, nipote prediletto del padrino trapanese, sta espiando una condanna a 16 anni sempre per associazione mafiosa. Anche un’altra sorella dell’ex ricercato, Patrizia, è in cella per mafia.

Leggi anche:  Prestò la sua identità a Matteo Messina Denaro: condannato a 14 anni di carcere il geometra Andrea Bonafede

A casa di Rosalia a dicembre del 2022, nella una gamba di una sedia, i carabinieri del Ros trovarono un pizzino, una sorta di cartella clinica del capomafia che li guidò alla scoperta della patologia di cui l’allora latitante soffriva e poi al suo arresto avvenuto il 16 gennaio del 2023 davanti alla clinica La Maddalena di Palermo.

Native

Articoli correlati