A Lampedusa 500 sbarchi in 24 ore, la Croce Rossa: "Non cali il silenzio sulle donne migranti"
Top

A Lampedusa 500 sbarchi in 24 ore, la Croce Rossa: "Non cali il silenzio sulle donne migranti"

Migranti, la Croce Rossa: "Il nostro pensiero va a loro e a tutte le donne migranti che cercano spesso di trovare quella vita e quella libertà di cui noi dovremmo saper essere all'altezza. Sulle donne migranti non cali il silenzio".

A Lampedusa 500 sbarchi in 24 ore, la Croce Rossa: "Non cali il silenzio sulle donne migranti"
Migranti
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Novembre 2023 - 17.01


ATF

A Lampedusa sono sbarcate più di 500 persone nelle ultime ore, nell’hotspot ora si trovano circa mille migranti, di cui una settantina sono donne. Già in serata 400 di loro verranno trasferiti. A raccontare la situazione è Serena Corniglia, operatrice della Croce Rossa Italiana. 

«Purtroppo, nella notte abbiamo assistito a un nuovo naufragio nel quale ha perso la vita una giovane donna. La Croce rossa italiana sta supportando i 46 superstiti, fra cui i familiari della vittima, anche attraverso un aiuto psicologico dedicato. Particolare attenzione viene rivolta, attraverso un’equipe multidisciplinare, anche ai 7 minori e alle 13 donne che fanno parte del gruppo dei superstiti». 

Debora Diodati, vicepresidente della Croce Rossa Italiana, aggiunge: «A distanza di poche ore due barchini sono naufragati al largo di Lampedusa. Prima una bambina di appena due anni e oggi una giovane donna sono morte, eppure sembriamo tutti assuefatti e anestetizzati. C’è il rischio che queste notizie diventino quasi normali e fatti inevitabili». 

«Le migrazioni, per come le conosciamo oggi, sono di per sé un fatto tragico, ma le donne, il più delle volte, vivono queste tragedie in modo ancora più marcato. Sin dalla condizione di vita loro riservata spesso nei Paesi di origine, per non parlare delle violenze subite durante il viaggio».

Leggi anche:  I vescovi contro il governo Meloni: "Quelli dell'accordo Italia-Albania sono soldi buttati al mare"

«Pensare alla morte di questa donna oggi che era quasi giunta sulle nostre coste, o alla bambina dell’altro recente naufragio, fa rabbrividire. Il nostro pensiero va a loro e a tutte le donne migranti che cercano spesso, nel disperato viaggio attraverso il Mediterraneo, di trovare quella vita e quella libertà di cui noi dovremmo saper essere all’altezza. Sulle donne migranti non cali il silenzio».

Native

Articoli correlati