Mafia, massoneria e politica: sei condanne per l'operazione "Halycon-Assedio"
Top

Mafia, massoneria e politica: sei condanne per l'operazione "Halycon-Assedio"

Mafia, massoneria e politica: La sentenza della Cassazione arriva dopo l'operazione «Halycon-Assedio» che ha scoperto un intreccio fra mafia, politica e massoneria. Il blitz è scattato fra il luglio e l'agosto del 2019.

Mafia, massoneria e politica: sei condanne per l'operazione "Halycon-Assedio"
Carabinieri
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Luglio 2023 - 10.52


ATF

L’intreccio tra mafia, politica e massoneria in Italia è provato da numerose sentenze. L’ultima ha visto sei condanne, mentre per altri 4 imputati sarà necessario un nuovo processo. La sentenza della Cassazione arriva dopo l’operazione «Halycon-Assedio» che ha scoperto un intreccio fra mafia, politica e massoneria. Il blitz è scattato fra il luglio e l’agosto del 2019.

I giudici hanno annullato le condanne nei confronti di Lucio Lutri, originario di Mistretta, 64 anni, funzionario regionale gran maestro della massoneria, e Angelo Lauria, 49 anni, farmacista di Licata. Entrambi erano stati condannati in appello a 8 anni di reclusione e sono stati adesso scarcerati. Lutri è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Condanne annullate (ma solo limitatamente alla quantificazione della pena) anche per Raimondo Semprevivo, 51 anni, presunto braccio destro del boss Angelo Occhipinti, 69 anni, e per Giuseppe Puleri, 43 anni, ritenuto membro della famiglia mafiosa di Campobello di Licata: la pena andrà ricalcolata tenendo conto delle attenuanti generiche.

Leggi anche:  Giovanni Falcone: l'ultimo discorso di Paolo Borsellino in ricordo del collega ucciso dalla mafia

Diventano, invece, definitive 6 condanne: 20 anni e 4 mesi ad Angelo Occhipinti, ritenuto il nuovo boss di Licata; 8 anni a Vito Lauria, 53enne tecnico informatico, massone, figlio del boss Giovanni (alias «u prufissuri»); Angelo Graci; 35 anni, 2 anni e 6 mesi di reclusione per favoreggiamento personale aggravato; 8 anni e 10 mesi di reclusione a Giovanni Mugnos, bracciante, 56 anni, ritenuto «l’alter ego» del boss Giovanni Lauria; 2 anni e 4 mesi, invece, per l’elettrauto Marco Massaro, 38 anni, accusato di favoreggiamento aggravato per avere rivelato a Mugnos dell’esistenza di microspie all’interno della sua auto.

Nell’inchiesta era rimasto coinvolto anche l’ex consigliere di Licata, Giuseppe Scozzari, condannato e arrestato alcune settimane fa in seguito alla condanna definitiva a 5 anni per scambio elettorale politico mafioso. 

Native

Articoli correlati