Il Papa visita l'Aquila: "Impegno per una ricostruzione lungimirante"
Top

Il Papa visita l'Aquila: "Impegno per una ricostruzione lungimirante"

Il Papa ha anche rivolto un pensiero a tutte le vittime delle carceri e ricordato che la Chiesa dovrebbe essere libera da logiche mondane.

Il Papa visita l'Aquila: "Impegno per una ricostruzione lungimirante"
Il Papa in visita all'Aquila
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Agosto 2022 - 11.51


ATF

Papa Francesco, in un incontro nel capoluogo abruzzese con un gruppo di familiari delle vittime del terremoto del 2009, afferma che per ricostruire l’Aquila servano: “collaborazione, sinergia e un impegno lungimirante. C’è bisogno dell’impegno di tutti”. Il Pontefice ha quindi ringraziato gli aquilani per la loro forza che “ha consentito di reggere l’urto del sisma e di avviare subito il lavoro coraggioso e paziente di ricostruzione”.

Il Papa ai familiari: il dolore c’è, non bastano le belle parole – “Il dolore c’è, le belle parole aiutano ma il dolore rimane. Con le parole non se ne va il dolore. Soltanto la vicinanza, l’amicizia, l’affetto, camminare insieme, aiutarci come fratelli e andare avanti. O siamo un popolo di Dio – ha sottolineato Francesco – o non si risolve i problemi e i dolori come questo”.

“Nelle carceri troppe vittime” – Papa Francesco ha salutato quindi i detenuti presenti alla sua visita a L’Aquila. “Voglio salutare e ringraziare la delegazione del mondo carcerario abruzzese, qui presente”, ha detto Bergoglio. “Anche in voi saluto un segno di speranza, perché anche nelle carceri ci sono tante, troppe vittime. Oggi qui siete segno di speranza nella ricostruzione umana e sociale”.

Leggi anche:  Il Papa sull'intelligenza artificiale: "Nessuna macchina dovrebbe mai scegliere se togliere la vita a un essere umano"

“La Chiesa sia libera dalle logiche mondane” – Nel corso dell’omelia della messa celebrata sul sagrato della Basilica di Santa Maria in Collemaggio, il Papa ha quindi detto che “la forza degli umili è il Signore, non le strategie, i mezzi umani, le logiche di questo mondo i calcoli. In tal senso, Celestino V è stato un testimone coraggioso del Vangelo, perché nessuna logica di potere lo ha potuto imprigionare e gestire. In lui noi ammiriamo una Chiesa libera dalle logiche mondane e pienamente testimone di quel nome di Dio che è la Misericordia”.

“La pace si costruisce solo sul perdono” – “L’Aquila, da secoli, – ha detto ancora – mantiene vivo il dono che proprio Papa Celestino V le ha lasciato. È il privilegio di ricordare a tutti che con la misericordia, e solo con essa, la vita di ogni uomo e di ogni donna può essere vissuta con gioia.  È così, infatti, che si costruisce la pace: attraverso il perdono ricevuto e donato”.

Native

Articoli correlati