Top

Scuola, un altro prof che insulta le studentesse. Su Facebook scrive: "Mandano le figlie vestite come tro..."

Bufera sull'insegnante del liceo scientifico romano Augusto Righi che ha pubblicato su Facebook una frase sessista e offensiva. "Oggi facciamo una preghiera, anche laica, per tutti quelli che mandano le figlie a scuola vestite come troie"

Scuola, un altro prof che insulta le studentesse. Su Facebook scrive: "Mandano le figlie vestite come tro..."
Sessismo, scuola

globalist

21 Febbraio 2022 - 11.30


Preroll

Si tratta di un caso di misoginia e sessismo tra i banchi di scuola che ci lascia del tutto sconcertati quello avvenuto nei giorni scorsi al liceo scientifico romano Augusto Righi, dove una docente aveva rimproverato un’alunna a pancia scoperta dicendole “Non sei sulla Salaria”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Un ex insegnante dello stesso istituto, ora supplente in un altro, ha pubblicato su Facebook una frase sessista e offensiva. “Oggi facciamo una preghiera, anche laica, per tutti quelli che mandano le figlie a scuola vestite come troie”, ha scritto, facendo una chiara allusione alla vicenda avvenuta al Righi. Ora rischia dalla sanzione fino a un procedimento penale e al licenziamento.

Middle placement Mobile

La protesta degli studenti
Gli studenti del collettivo dell’Orazio, l’istituto dove ora il prof insegna, hanno subito preso posizione: “Nel 2022 e in un contesto scolastico, è inaccettabile un così inadeguato uso delle parole, peraltro da parte di un professore, che dovrebbe istruirci e ‘aprirci la mente’ e invece esprime i suoi pensieri sessisti e retrogradi”, dicono. E ancora: “Siamo stufi di pregiudizi del genere, mirati a svalutarci come studenti ed individui, come se il nostro abbigliamento fosse causa e ritratto del nostro intelletto”.

Dynamic 1

I presidi: “Sia sospeso dall’insegnamento”
La dirigente dell’Istituto, Maria Grazia Lancellotti – racconta uno degli studenti del Collettivo – ha confermato che il post è stato scritto da un supplente che sta insegnando all’Orazio e si è dissociata da quelle espressioni. Il presidente di Anp (Associazione nazionale presidi) di Roma, Mario Rusconi, non ha dubbi: “Se è vero che il docente ha postato sui social quella frase, non solo ha commesso una grave scorrettezza ma dovrebbe essere sospeso dall’insegnamento. Il preside poi dovrebbe avviare un procedimento disciplinare, a quel punto l’Ufficio scolastico regionale mette sotto accusa il prof ed è prevista la rimozione dall’incarico fino al licenziamento. Se poi ci sono profili penali, il preside deve mandare tutto alla procura della Repubblica e avviare un procedimento penale. Io mi muoverei così”. Cristina Costarelli, a capo dei presidi di Anp Lazio fa notare come le vicende del Righi e dell’Orazio sono diverse ma collegate e se è vero che nella scuola “esiste un dress code non scritto che rientra nella sfera dell’opportunità, del buon senso e del buon gusto” questo non significa che un docente debba esprimersi in quella maniera rispetto al genere femminile, è una cosa intollerabile e grave”.

Iniziativa contro il prof e le sue frasi sessiste
Per Maddalena Gissi, segretaria Cisl Scuola “la nostra professione non ci consente queste indecenze; noi dobbiamo essere un modello per i nostri studenti nei modi e nei comportamenti. Questo dell’Orazio è uno dei casi indifendibili; se confermato da circostanze reali non avrà mai un sindacato serio al suo fianco”. E secondo Roberta Fanfarillo, a capo dei dirigenti della Flc Cgil, le frasi di questo prof “sono -se possibile- ancora più gravi e inaccettabili” di quelle della docente del Righi. Intanto i ragazzi dell’Orazio si stanno organizzando per mettere in atto una iniziativa a livello scolastico all’inizio della prossima settimana.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage