Top

Di Segni sul falconiere sospeso dalla Lazio dopo il saluto fascista: "Ci riserviamo azioni legali"

La presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane: "Il mondo del calcio è stato spesso lacunoso. Troppi silenzi, troppe sottovalutazioni. Adesso basta. E' il momento di agire". 

Juan Bernabè, falconiere della Lazio
Juan Bernabè, falconiere della Lazio

globalist

20 Ottobre 2021 - 18.20


Preroll

Parole durissime che dovranno essere uguali fino a quando l’ultimo segnale di apologia del fascismo non sarà sparito.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 “La vicenda relativa al falconiere della Lazio propagandista allo stadio di fascismo è di una gravità sconcertante. A prescindere dall’esito della giustizia sportiva, ci riserviamo la possibilità di intraprendere un’azione legale. Speriamo di non essere soli in questa battaglia. Dalle parole bisogna passare ai fatti. Il mondo del calcio, in questo senso, è stato spesso lacunoso. Troppi silenzi, troppe sottovalutazioni. Adesso basta. E’ il momento di agire”. 

Middle placement Mobile

Lo ha detto la presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni dopo la decisione della Lazio di sospendere il falconiere. 

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage