Top

Voti da sogno per Anita Iacovelli, l'eroina anti-Dad: pagella piena di 9 e 10

Voti altissimi per la studentessa di Torino che tutti i giorni si piazzava per protesta fuori dalla sua scuola media per chiedere di tornare in classe

Anita Iacovelli
Anita Iacovelli

globalist

21 Giugno 2021 - 09.35


Preroll

Per settimane ha studiato fuori dalla sua scuola per chiedere il ritorno in classe, ma questo non ha inficiato sulla sua resa scolastica.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Nei lunghi mesi delle lezioni a distanza lei era diventata l’eroina anti-Dad, adesso la scuola le consegna una pagella piena di 9 e 10. 
Anita Iacovelli, la studentessa di Torino che tutti i giorni si piazzava fuori dalla sua scuola media per chiedere di tornare in classe, a lezione in presenza, ha ricevuto una pagella di fine anno in cui c’è un solo voto sotto la media, ed è un 8.

Middle placement Mobile

La protesta della ragazzina – La ragazza aveva dato vita alla sua protesta il 6 novembre, scrive la “Stampa”, mettendosi con i suoi libri e quaderni fuori dalla scuola per chiedere la fine della Dad. Ma tutto questo non ha influito sulla sua resa scolastica.

Dynamic 1

“Anita è sempre stata un’ottima studentessa”, dice la preside Lorenza Patriarca. E sul 9 di educazione civica (perché non 10, vista anche la sua attenzione al tema delle lezioni a casa?), la preside replica: “Un tempo l’educazione era un giudizio, il 9 e il 10 rappresentano oggi la stessa valutazione”. 

Voti molto alti – In ogni caso, il suo impegno per un ritorno degli studenti alla didattica in classe e il suo attivismo non ha pesato minimamente sul rendimento a scuola, rimasto su standard molto alti. Nessuna distrazione, nessuna penalizzazione. E il risultato finale è stato ottimo. 

Dynamic 2

Il “bando” da parte della sua scuola – La vicenda di Anita d’altra parte era stata costellata di episodi contrastanti. Se molti avevano appoggiato la sua costanza nel presentarsi ogni giorno a scuola con pc, banco, sedia, libri, oltre alle coperte e ai guanti per resistere al freddo durante l’inverno, c’erano state anche diverse manifestazioni polemiche, con la ragazza accusata di violare “una norma pensata per proteggere tutti e che funziona solo e nella misura in cui tutti la rispettano”. Parole con cui proprio la sua scuola, il 19 novembre, aveva stigmatizzato la protesta di Anita. 

“La scuola deve essere una priorità” – La ragazza però non si era arresa e ogni giorno lanciava il suo messaggio, arrivato fino al Parlamento: la scuola deve essere una priorità. Molti altri ragazzi avevano seguito il suo esempio, andando a fare lezione fuori dai loro istituti per chiedere il rientro in aula. D’altra parte, Anita non si è limitata a contrastare la Dad, ma ha messo in luce anche le forti carenze del mondo della scuola. “La pandemia – ha detto – ha fatto emergere problemi che c’erano già. E se non cambia niente continueranno ad esserci”. 

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile