Dipendente va in pensione: lo festeggiano in un ufficio pubblico con una torta di Mussolini
Top

Dipendente va in pensione: lo festeggiano in un ufficio pubblico con una torta di Mussolini

Ancora una volta i fascisti si sentono impuniti e continuano a offendere la democrazia. E' successo nella sede della Quarta Municipalità di Napoli

Torta di Mussolini
Torta di Mussolini
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Gennaio 2021 - 17.11


ATF

Un’enorme mancanza di rispetto verso la democrazia e l’adorazione per qualcosa che dovrebbe essere morto e sepolto: il fascismo vive ancora proprio grazie a queste cose qui.

Ad una festa per la pensione di un dipendente della Municipalità si è infatti festeggiato con una torta con il volto di Benito Mussolini.

E’ successo nella sede della Quarta Municipalità di Napoli (San Lorenzo, Vicaria, Poggioreale, Zona industriale) di via Gianturco.

Video e foto girati nella circostanza hanno trovato rapida diffusione sul web, scatenando le reazioni indignate di molti.

Tra questi anche il presidente della Quarta Municipalità, Giampiero Perrella, che ha annunciato un’indagine interna assieme alla Direzione amministrativa della Municipalità per accertare i fatti e sanzionare i responsabili.

“E’ inaccettabile e deplorevole quanto accaduto nella sede municipale di Gianturco, dove – ha dichiarato – qualcuno ha pensato bene di violare la sacralità dell’istituzione democratica celebrando una festa di pensionamento con una torta che richiama Benito Mussolini.

Sia io in qualità di presidente che la mia Giunta prendiamo le distanze e condanniamo un gesto oltraggioso e anticostituzionale”.

Leggi anche:  "La Maddalena" di Artemisia Gentileschi: il ritorno a Napoli e la rinascita artistica

Perrella si dice ancor più rammaricato “che il tutto sia accaduto a pochi passi da alcuni luoghi simbolo per il quartiere e per la città della Resistenza al nazifascismo e a pochi giorni dalla Giornata della Memoria che vede questa Amministrazione municipale da sempre impegnata in prima linea per onorare le vittime innocenti della Shoah, di cui il regime mussoliniano si è reso complice e colpevole”.

Native

Articoli correlati