I paradossi del Coronavirus: un senzatetto denunciato per essere fuori casa

Quando è stato raggiunto dalla volante, l'uomo si trovava in via Crescenzago, nella periferia del capoluogo lombardo.

Senzatetto

Senzatetto

globalist 12 marzo 2020
L'effetto più negativo dei nuovi decreti per il contenimento del Coronavirus è sicuramente patito da chi non ha una casa in cui stare, come i senzatetto. Se poi la giustizia diventa cieca, allora si prospetta un periodo in cui, con la 'scusa' delle misure, si accantoneranno i diritti umani. È quello che è successo a un senzatetto ucraino, con regolare permesso di soggiorno, è stato denunciato da una volante del commissariato di polizia di Lambrate. 
"Evidentemente una persona che vive in strada non ha una casa dove stare - dice a La Repubblica Milano Magda Baietta, presidente dell'associazione Ronda della carità - Di solito il senzatetto denunciato viene al nostro centro diurno, ma da questa settimana siamo chiusi anche noi".
Quando è stato raggiunto dalla volante, l'uomo si trovava in via Crescenzago, nella periferia del capoluogo lombardo.
"Come questo cittadino, decine di altri senza dimora rischiano di subire una denuncia penale. È assurdo, bisognerebbe aiutare chi in questo momento è più esposto e in pericolo, non causargli danni giudiziari", aggiunge Baietta, che non è l'unica a segnalare problemi simili.
La Croce Rossa, infatti, dichiara: "Si sono spostati dal centro e stanno più in periferia. Facciamo anche più fatica del solito a rintracciarli e a spiegare loro che cosa sta succedendo. Ovviamente loro hanno una percezione molto strana della realtà, non si rendono conto dei pericoli e spesso non credono nemmeno a quello che diciamo. In più non c'è cibo, non ci sono aiuti per loro, non ci sono più punti di riferimento".