Firenze apre ai musei gratis nel weekend, l'ira di Burioni: "Il Coronavirus ringrazia"

Risponde il sindaco di Firenze Nardella: "Nessuno pensa alla calca nei musei: abbiamo previsto ingressi contingentarti e tutte le precauzioni del caso. Firenze non chiude"

Roberto Burioni

Roberto Burioni

globalist 2 marzo 2020

Polemica feroce di Roberto Furioni contro la città di Firenze e il suo sindaco Dario Nardella, che su SkyTg24 ha annunciato due iniziative per aiutare i commercianti di Firenze colpiti dall'effetto Coronavirus, ossia la scadenza della tassa della Cosap e poi - ed è questa la misura contestata dal virologo - la gratuità dei musei comunali nel prossimo fine settimana. 

“Venite a teatro, andate al cinema o a un concerto, frequentate i nostri spazi culturali: a Firenze è tutto aperto e non c’è da aver paura. La paura, non il Coronavirus, è il nostro peggior nemico”. Lo afferma l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi.
Risponde polemico Burioni: "Complimenti a Firenze, il modo migliore per combattere la diffusione di un virus estremamente contagioso. Tanta gente tutta insieme dentro al museo. Il coronavirus ringrazia". 
Nardella comunque non è stato a guardare e ha risposto su Facebook: "Professore ha tutta la mia stima, ma questa volta invece di fare polemica le propongo di incontrarci e lavorare insieme. Nessuno pensa alla calca nei musei: abbiamo previsto ingressi contingentarti e tutte le precauzioni del caso. Non si tratta degli Uffizi, ma dei musei civici che sono già gratuiti per i fiorentini un giorno al mese. Ciò che vogliamo dire al mondo è che Firenze non chiude. Con tutte le cautele e le attenzioni che questa emergenza ci impone e nel rispetto delle ordinanze di regione e ministero, dobbiamo affrontare anche un’altra emergenza pesante, quella economica e dei posti di lavoro".