De Falco smentisce Toninelli: "Sulla Sea Watch dice sciocchezze"

Il ministro aveva affermato che una nave da diporto non può preestare soccorso. Ma le convenzioni internazionali affermano il contrario

De Falco

De Falco

globalist 1 febbraio 2019
Lui è stato espulso mentre il senatore Lannutti, quello dei Savi di Sion, sta ancora tra i 5 stelle.
E ora ‘maramaldeggia’ con l’incompetenza dei ministri del governo, a cominciare tra il più improbabile degli improbabili: Toninelli.
"Quanto affermato oggi dal Ministro Toninelli, in merito al presunto fermo amministrativo della Sea Watch, non corrisponde alla verità, poiché questo atto non è stato effettuato". Lo scrive su facebook il senatore Gregorio De falco.
Inoltre, aggiunge, "quanto dichiara lo stesso Ministro circa la non utilizzabilità delle navi da diporto di effettuare soccorsi, è una sciocchezza, a mente dell'articolo 98 della Convenzione di Montego Bay, dell' Articolo 33 Cap.5 della Convenzione Solas e del Cap. 2.1.10 della Convenzione di Amburgo, denominata SAR.
Tutte queste norme, infatti, obbligano gli Stati ad esigere dai Comandanti delle proprie navi, di tutte le navi, indipendentemente dallo scopo per cui esse si impiegano, di effettuare soccorsi in mare, quando possibile".