Salvini ordina la deportazione di massa: via tutti i migranti da Riace

Il ministro della Paura ha ordinato la chiusura di tutti i progetti aperti nella cittadina calabrese. Entro 60 giorni saranno tutti trasferiti,

Mimmo Lucano a Riace

Mimmo Lucano a Riace

globalist 13 ottobre 2018

Una vergogna. Una deportazione con metodi che ricordano altre epoche non per combattere l'illegalità ma per mettersi di traverso a qualsiasi politica di integrazione.
Adesso con una delibera datata 9 ottobre, il ministero dell'Interno ha ordinato la chiusura di tutti i progetti legati all'immigrazione portati avanti a Riace. Tutti i migranti entro 60 giorni saranno trasferiti. Non si sa dove. Magari in mezzo alla strade.
Quella che era considerata una città modello per l'integrazione viene quindi smantellata anche dopo l'arresto del sindaco (sospeso) Mimmo Lucano, in carcere con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.
Evidentissimo l'intento del ministro razzista di rendere tutti clandestini, creare un esercito di disperati per poter cavalcare l'odio che tanto gli sta fruttando in termini elettorali.
Ma la società civile si ribellerà. Gli ordini ingiusti non vanno eseguiti.


Quanto ai maggiordomi grillini, dicevano che la loro presenza doveva salvare il paese dal fascismo. Loro sono diventati complici della peggiore politica xenofoba di estrema destra. Con buona pace di San Francesco.


Già nei mesi scorsi proprio il ministero aveva messo in dubbio, registrando anomalie, la gestione dei migranti posta in essere da Lucano. Nel nuovo provvedimento sono contestate altre 34 irregolarità che vanno dai bonus alle borse di lavoro fino all'eccessivo uso dei permessi dei lungopermanenti, quei migranti che richiedono asilo e sono in condizioni di vulnerabilità.


In generale i progetti Sprar vengono rinnovati ogni tre anni: nel caso di Riace si parla del triennio 2017-2019, ma già dall'estate scorsa il Viminale aveva bloccato alcuni pagamenti per anomalie nella documentazione presentata dall'amministrazione locale. Nel 2018 il comune di Riace non ha ricevuto fondi e il 30 luglio scorso il sindaco era stato avvisato della revoca dei finanziamenti, diventata ufficiale all'inizio di questa settimana. Lo rendono noto fonti del Viminale.


Il comune prepara il ricorso - A essere messa in discussione è tutto il "modello Riace", quell'accoglienza diffusa che aveva rianimato un paese morente. L'uso delle case vuote per ospitare gli stranieri e il mancato aggiornamento delle banche dati sono stati tra gli elementi più contestati dal Viminale. Ma il comune non ha intenzione di piegarsi e già prepara il ricorso al Tar che potrebbe sospendere la delibera.