Il leone da tastiera diventa agnellino: chiedo scusa a Mattarella
Top

Il leone da tastiera diventa agnellino: chiedo scusa a Mattarella

Manlio Cassarà aveva scritto: "La mafia ha ucciso il #Mattarella sbagliato". Poi dopo l'arrivo della polizia se l'è fatta sotto: ho scritto una minchiata...

Sergio Mattarella soccorre il fratello Piersanti ucciso dalla mafia
Sergio Mattarella soccorre il fratello Piersanti ucciso dalla mafia
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Maggio 2018 - 16.51


ATF

Un leone da tastiera che diventa un agnellino quando si trova davanti la polizia: è sparito in un batter d’occhio dai social network, Twitter ha bloccato il suo profilo, ma il suo nome sta per essere iscritto sul registro degli indagati per attentato alla libertà e offesa all’onore e al prestigio del Presidente della Repubblica. Tutto per una frase twittata contro Sergio Mattarella: “La mafia ha ucciso il #Mattarella sbagliato”. Ciò è bastato a Manlio Cassarà, 40enne palermitano, per finire nel mirino della Procura di Palermo. “Ho scritto un’enorme minchiata”, è ora la sua difesa dalle colonne de La Repubblica, dove pubblicamente si scusa.
“Chiedo scusa a tutti, in primis al presidente Mattarella, poi ai miei familiari, ai miei amici e a tutti quelli che ho offeso con le mie stupide parole”, si prostra nell’intervista a La Repubblica. “Ho scritto quel tweet senza rifletterci, è la giustificazione, arrivata, però troppo tardi. Manlio Cassarà è infatti indagato con altri due palermitani, Michele Calabrese ed Eloisa Zanrosso, per le frasi ingiuriose apparse sui social network contro il presidente della Repubblica.
Il pentito del web le prova tutte, però, pur di scagionarsi dalle accuse. “Non volevo mancare di rispetto – assicura – al dolore del presidente e alla sua storia personale; la mafia mi fa schifo e maledico quel momento in cui non ho acceso il cervello. Ero arrabbiato, sì, quando ho saputo che Mattarella non aveva fatto partire il governo Lega-Cinquestelle, ma questo non giustifica quello che ho scritto”. “Ora finirò in carcere? – chiede, infine, preoccupato. – Potrò avere un avvocato d’ufficio? Perché io non ho molti soldi”.

Leggi anche:  Prestò la sua identità a Matteo Messina Denaro: condannato a 14 anni di carcere il geometra Andrea Bonafede
Native

Articoli correlati