Top

Piersanti Mattarella, assassinato perché dava fastidio al sistema di potere politico-mafioso

Piersanti Mattarella presidente della regione siciliana venne ucciso il 6 gennaio del 1980. Pietro Grasso, che allora avviò le indagini: "c'è un blocco di potere politico economico mafioso che nasconde ancora tanti segreti".

Piersanti Mattarella, assassinato perché dava fastidio al sistema di potere politico-mafioso
Piersanti Mattarella

globalist

4 Gennaio 2020 - 11.24


Preroll

Il 6 gennaio del 1980 veniva ucciso il Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella, fratello del Presidente della Repubblica, e Pietro Grasso, che allora avviò le prime indagini, ha dichiarato: “Piersanti Mattarella, l’uomo che voleva cambiare la Sicilia, dava fastidio al sistema di potere politico mafioso che governava l’isola da Lima ai cugini Salvo, a Ciancimino. Io non credo alla pista dei killer neri, non vedo elementi concreti. Non ci credeva neanche Falcone fino in fondo. E oggi abbiamo ulteriori elementi su cui riflettere”. 

OutStream Desktop
Top right Mobile


“Nel processo per mafia a Giulio Andreotti, che ha ormai il crisma della Cassazione – afferma – il pentito Francesco Marino Mannoia ha riferito degli incontri fatti dal suo capomafia, Stefano Bontate, che probabilmente era anche un massone a capo di una loggia segreta. Aveva saputo di un viaggio a Roma del presidente Mattarella, per andare a lamentarsi con qualcuno”.

Middle placement Mobile


E “nell’estate 79 convocò una riunione”: “c’era anche Giulio Andreotti, a cui fu chiesto di intervenire per fermare Mattarella. Due mesi dopo l’assassinio, Mannoia fu testimone di un nuovo incontro fra Andreotti, Bontate e altri mafiosi. Quella volta, il presidente del Consiglio era sceso in Sicilia per chiedere chiarimenti sulla morte di Mattarella. E la risposta del boss fu severa: ‘In Sicilia comandiamo noi, se non volete cancellare la Dc dal Sud sappiatevi regolare'”.

Dynamic 1


Grasso evidenzia le preoccupazioni di Mattarella espresse ai suoi collaboratori: “In questa storia le omissioni e i depistaggi sono la chiave” e “credo che la verità stia dentro quel blocco di potere politico economico mafioso che nasconde ancora tanti segreti: i soldi della vecchia mafia continuano a spostare molti affari”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage