Tutti assolti per Uva: questa sera l'Egitto siamo noi
Top

Tutti assolti per Uva: questa sera l'Egitto siamo noi

Chiediamo giustamente verità e giustizia per Regeni. Ma poi siamo incapaci di tutelare i nostri cittadini.

Giuseppe Uva e Giulio Regeni
Giuseppe Uva e Giulio Regeni
Preroll

Desk1 Modifica articolo

15 Aprile 2016 - 21.41


ATF
di Emanuele Conegliano

Verità per Giulio Regeni. Ci mancherebbe. Non ci fermeremo di fronte a verità di comodo. Ci mancherebbe. Rispondiamo colpo su colpo all’opacità delle autorità egiziane che raccontano frottole e, probabilmente, tentano di depistare. E ci mancherebbe.

Poi uno legge che, mentre urliamo verità e giustizia, non c’è nessuno colpevole per la morte di Giuseppe Uva morto dopo un dopo un trattamento sanitario obbligatorio in una caserma dei carabineri e un successivo trasferimento in un reparto di psichiatria. Tutti assolti.
Noi chiediamo verità per Regeni, ma non c’è giustizia per Giuseppe Uva. E non ci sono ancora colpevoli per la morte di Stefano Cucchi.

Poi uno ci pensa ancora e vediamo che siamo il paese del caso Aldrovandi, nel quale i poliziotti condannati vengono applauditi. Siamo il paese della caserma Diaz, il paese di Bolzaneto il paese in cui alcuni poliziotti (poi sconfessati dalle telecamere) avevano aggredito e picchiato senza motivo un ragazzo in motorino e lo avevano poi fatto pure processare per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Leggi anche:  La polizia carica studenti delle superiori che protestano contro gli Stati Generali della Natalità: ferita una giovane

Certo per raggiungere i livelli di Al Sisi ce ne corre. Ma intanto, proprio perché non ci devono essere figli e figliastri e Uva non è meno di Regeni, mostriamo il volto duro e richiamiamo l’ambasciatore. Non si può? Vero. Questa sera l’Egitto siamo noi.

Native

Articoli correlati