Top

Covid, +9,5% di reinfezioni nell'ultima settimana e tornano a crescere i casi di polmonite

L'Iss indica che dal 24 agosto 2021 al 28 giugno 2022 sono stati segnalati 587.347 casi di reinfezione. Preoccupa inoltre l'aumento dei casi di polmonite, causati proprio dall'ultima sottovariante di Omicron.

Covid, +9,5% di reinfezioni nell'ultima settimana e tornano a crescere i casi di polmonite
Terapia intensiva

globalist

2 Luglio 2022 - 16.33


Preroll

I casi di reinfezione da virus SarsCoV2 sono cresciuti in Italia del 9,5% nell’ultima settimana, rispetto a quella precedente, quando l’aumento rilevato era stato dell’8,4%, “dato con tempi di consolidamento”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Lo indica l’Istituto Superiore di Sanità (Iss), nel suo “Report esteso su Covid-19: sorveglianza, impatto delle infezioni ed efficacia vaccinale”, con dati nazionali aggiornati al 28 giugno scorso. L’Iss indica inoltre che dal 24 agosto 2021 al 28 giugno 2022 sono stati segnalati 587.347 casi di reinfezione. Preoccupa inoltre l’aumento dei casi di polmonite, causati proprio dall’ultima sottovariante di Omicron.

Middle placement Mobile

Il consueto report settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) conferma la risalita dei contagi di Covid-19,  in corso ormai da più settimane. Continua a mostrare i suoi effetti la  sottovariante Omicron BA.5: negli ultimi setti giorni – indica l’Iss – sono stati segnalati in Italia 583.029 nuovi casi, a fronte dei 381.250 della settimana precedente, circa 200mila in più.

Dynamic 1

In aumento anche i decessi: questa settimana sono morte 213 persone, nella settimana precedente i morti erano stati 174.
 

Il 118: aumentano i casi di polmonite

Dynamic 2
  • Un altro fattore che preoccupa è la ripresa dei casi di polmonite legati al Covid che richiedono la ventilazione assistita, che tornano ad aumentare. A causarli è proprio la più recente delle sottovarianti di Omicron, BA.5, come spiega il presidente nazionale del Servizio Sanitario di Urgenza 118, Mario Balzanelli. “Ricominciamo a vedere cose che non vedevamo più, le precedenti versioni di Omicron risparmiavano le vie aeree inferiori mentre ora la Omicron BA.5 riesce a raggiungere gli alveoli polmonari”. 

Ma a preoccupare è soprattutto  l’aumento dei casi non notificati. Sono infatti sempre più gli italiani che ricorrono ai tamponi fai-da-te senza poi segnalare la positività. “In questa fase, caratterizzata dalla circolazione di varianti”, specifica l’Iss, “altamente trasmissibili, c’è verosimilmente stato un forte aumento della quota di persone che hanno avuto un’infezione non notificata ai sistemi di sorveglianza per motivi legati a fenomeni di sottodiagnosi o ‘autodiagnosi’. Questo potrebbe portare alla sottostima del tasso d’incidenza, e quindi del rischio relativo, ed efficacia vaccinale”, precisa l’Istituto Superiore di Sanità.
 

A proposito del rischio di reinfezione, analizzato a partire dal 6 dicembre 2021 (data a cui si associa l’inizio della circolazione di Omicron), il report evidenzia un aumento del rischio “nei soggetti con prima diagnosi di Covid-19 notificata da oltre 210 giorni, rispetto a chi ha avuto la prima diagnosi fra i 90 e i 210 giorni precedenti”. Inoltre, il rischio è maggiore nei “soggetti non vaccinati o vaccinati con almeno una dose da oltre 120 giorni, rispetto ai vaccinati con almeno una dose entro i 120 giorni; nelle femmine rispetto ai maschi; nelle fasce di età più giovani (dai 12 ai 49 anni), rispetto alle persone con prima diagnosi in età compresa fra i 50-59 anni; negli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione.

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile