Top

Donetsk, scambio di prigionieri: 110 russi in cambio di 110 ucraini

L'esito del negoziato è stato annunciato dal capo della autoproclamata Repubblica del Donetsk (che ora Mosca ha annesso) Denis Pushilin.

Donetsk, scambio di prigionieri: 110 russi in cambio di 110 ucraini
Guerra in Ucraina

globalist Modifica articolo

17 Ottobre 2022 - 17.14


Preroll

Uno scambio di 110 prigionieri russi con 110 ucraini è stato annunciato dal capo della autoproclamata Repubblica del Donetsk (che ora Mosca ha annesso) Denis Pushilin.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Oggi si svolge – ha detto Pushilin – uno scambio secondo la formula 110 per 110. Noi diamo a Kiev soprattutto donne . Dalle prigioni del regime ucraino, riportiamo a casa 80 marinai civili tenuti in ostaggio. Inoltre, 30 militari della Repubblica del Donetsk, della Repubblica Popolare di Lugansk e di altre regioni della Federazione Russa ricevono la libertà”.

Middle placement Mobile

Il più importante scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia era avvenuto a fine settembre. Trattativa che aveva riportato in patria decine di soldati appartenenti ai due eserciti in guerra. La liberazione di un gruppo di 215 combattenti ucraini, che comprendeva anche alcunbi vertici del battaglione Azov impegnati nella difesa dell’acciaieria di Mariupol nei primi mesi del conflitto, aveva fatto scattare il rilascio da parte di Kiev di 55 soldati russi e dell’imprenditore Victor Medvedchuck, capo politico del partito filorusso in Ucraina ora messo al bando.

Dynamic 1

In quel caso era stata decisiva la mediazione di Turchia e Arabia Saudita che avevano facilitato anche la liberazione di alcuni combattenti stranieri che si erano uniti alle truppe ucraine.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile