Gaza: se Israele e Hamas hanno un interesse comune...
Top

Gaza: se Israele e Hamas hanno un interesse comune...

Per motivi diversi ma Israele e Hamas hanno l’interesse comune di contenere la Jihad islamica

Gaza: se Israele e Hamas hanno un interesse comune...
Bambino palestinese in un rifugio
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Agosto 2022 - 17.17


ATF

“Il nemico del mio nemico è mio amico”. Applicate questo vecchio assunto allo scenario di Gaza e scoprirete che Israele e Hamas hanno l’interesse comune di contenere la Jihad islamica.

Interesse comune

Illuminante a tal proposito è l’analisi di una delle firme storiche di Haaretz: Zvi Bar’el.

“Il leader della Jihad islamica Ziad Nakhaleh ha definito chiaramente la sfida che la sua organizzazione deve affrontare con Hamas: ‘Oggi è un giorno storico di prova; o lo affrontiamo uniti o pagheremo il prezzo della nostra divisione’, ha dichiarato venerdì al sito di notizie libanese Al-Mayadeen. Nakhaleh ha ribadito più volte il principio dell’unità della lotta – non a caso la Jihad islamica ha chiamato questa battaglia ‘Unità delle Arene’.

Il nome intende rafforzare il concetto strategico per cui, per il Jihad islamico, la Cisgiordania e Gaza costituiscono un’unica arena e qualsiasi tentativo israeliano di differenziarle fallirà. Allo stesso tempo, questo è anche un chiaro segnale ad Hamas di non voltare le spalle alla Jihad islamica e di non lasciarla sola nella guerra contro Israele. Nakhaleh ha ragione di preoccuparsi. Finora Hamas si è accontentato di una retorica di sostegno e ha evitato il coinvolgimento militare. La Jihad islamica ha annunciato che non intende smettere di combattere, ha smentito le notizie secondo cui avrebbe chiesto all’Egitto di mediare un cessate il fuoco e ha dichiarato: ‘Non abbiamo linee rosse… Non ci sarà nessuna tregua e nessuna mediazione’. Hamas ha espresso una posizione più flessibile che rivela le sue perplessità. Il gruppo sta ancora tenendo colloqui con i mediatori egiziani, ai quali ha chiesto di non chiudere il confine di Rafah, e vuole che questi sforzi lo sollevino dalla necessità di confrontarsi pubblicamente con la Jihad islamica. Lunedì, una delegazione di Hamas si è recata al Cairo per discutere i piani egiziani di ricostruzione nella Striscia. La delegazione ha anche cercato di esaminare ulteriori aspetti dello scambio di prigionieri e prigionieri, soprattutto per quanto riguarda la definizione dell’elenco dei prigionieri che scontano l’ergastolo in Israele e che Hamas vuole liberare in questo scambio. Originariamente la delegazione era attesa per una data successiva. Ma la data iniziale è stata anticipata a causa della tensione e della consapevolezza che Israele avrebbe potuto intraprendere un’operazione militare prima dell’arrivo della delegazione. Ciò avrebbe significato che le discussioni si sarebbero necessariamente concentrate sui modi per fermare il deterioramento e calmare la Jihad islamica. Secondo quanto riportato dai media arabi che si basano su fonti egiziane di alto livello, Israele ha trasmesso ad Hamas, attraverso l’Egitto, il messaggio che considera Hamas responsabile di qualsiasi sviluppo sul terreno e che non c’è alcuna differenza tra lui e la Jihad islamica, perché Israele considera Hamas il dominatore della Striscia di Gaza.

Venerdì, poche ore prima dell’inizio degli assalti israeliani, Nakhaleh ha comunicato all’Egitto di rifiutare i messaggi provenienti da Israele e che tutti gli sforzi di mediazione sono ‘una perdita di tempo’. Secondo una fonte egiziana, le figure politiche in Israele hanno chiesto all’Egitto di evitare un’escalation, ma poi ‘sono state sorprese dall’azione militare’. Questa fonte ha detto che l’Egitto non sapeva in anticipo dell’azione, nonostante l’accordo tra i due Paesi che prevede che Israele informi l’Egitto di qualsiasi azione pianificata a Gaza, specialmente quando ci sono squadre egiziane a Gaza.

Leggi anche:  Smotrich chiede a Netanyahu di annettere la Cisgiordania se l'Aia dichiarerà illegali le colonie israeliane

Hamas e la Jihad islamica mantengono un quartier generale operativo congiunto in cui le decisioni militari e politiche dovrebbero essere prese insieme. A prima vista, le due organizzazioni hanno un obiettivo ideologico-nazionale comune: porre fine all’occupazione e spazzare via Israele. Tuttavia, le divisioni ideologiche impediscono loro di unirsi. Hamas, come ramo della Fratellanza islamica, si è costruito come un movimento sociale populista basato sulla conquista di cuori e menti che porterà all’istituzione di uno Stato governato dalla legge religiosa islamica. L’ideologia della Jihad islamica è quella di continuare a combattere e di rimuovere i regimi indegni, e solo allora stabilire uno Stato di diritto islamico.

Politica confusa

Questa rivalità vincola anche Israele e lo porta a intraprendere azioni contrarie che si traducono in una politica confusa. Da un lato, Israele vede Hamas come l’entità suprema responsabile di tutto ciò che accade a Gaza, e quindi ritiene che Hamas debba pagare il prezzo di qualsiasi azione militare ostile, anche se proveniente da altri gruppi. Allo stesso tempo, affinché Hamas possa esercitare il suo controllo – e sia l’unico a cui Israele si rivolge per tutte le sue richieste, soprattutto quando si tratta di mantenere la quiete – deve ricevere gli strumenti necessari per poter gestire gli affari civili. Ciò include il trasferimento di denaro per pagare gli stipendi e ricostruire la Striscia, e quindi per rafforzare il sostegno pubblico ad Hamas.

Le radici di questa contraddizione risiedono nella decisione di Israele di utilizzare la forte rivalità tra Fatah e Hamas, e tra l’Autorità Palestinese e la leadership delle organizzazioni nella Striscia di Gaza, per ostacolare qualsiasi possibilità di negoziati diplomatici. Secondo Israele, poiché l’Autorità palestinese non è in grado di controllare Hamas o di impedire il suo terrore, non rappresenta in ogni caso l’intero popolo palestinese e non può quindi essere un partner negoziale. Questa politica ha finora raggiunto i suoi obiettivi, ma allo stesso tempo non solo rafforza la posizione di Hamas nella Striscia di Gaza, ma gli garantisce anche un potere di veto su qualsiasi mossa diplomatica.

La necessità di destreggiarsi tra queste considerazioni contraddittorie pone Israele e Hamas di fronte allo stesso dilemma, il cui cuore è come rispondere in modo da non costringere Hamas a collaborare con la Jihad islamica. Finora Israele non ha danneggiato le infrastrutture civili, né le basi e gli impianti di produzione di armi di Hamas. Non ha minacciato di uccidere i suoi leader e continua a comunicare attraverso l’Egitto che il gruppo non è nella sua lista di obiettivi. Ironicamente, questa posizione impone a Israele la necessità di differenziare le organizzazioni e di concentrare le proprie capacità militari solo contro un’organizzazione secondaria, in contrasto con la sua dichiarazione che Hamas è quella che comanda, perché Israele ora ha bisogno di Hamas per limitare la portata della battaglia. Hamas, da parte sua, è sottoposto a forti pressioni per unirsi alla mischia ed è stato persino accusato di essere neutrale, cioè di cooperare con Israele e di schiacciare ‘l’unità dei ranghi della resistenza nazionale’. D’altra parte, l’ingresso nell’arena militare mette in pericolo i risultati di Hamas a causa del regolamento di conti ‘privato’ di Israele da parte della Jihad islamica – che non sa bene se sia stato coordinato con Hamas in anticipo. Una tale decisione può servire all’interesse nazionale e dimostra un fronte unito da parte dei gruppi di resistenza, ma eroderà notevolmente la capacità autonoma di Hamas di prendere decisioni. Nei prossimi giorni e forse nelle prossime ore, Hamas dovrà prendere una decisione che ha cercato di evitare. Molto dipende ora dal modo in cui il governo israeliano vorrà mettersi alla prova”.

Leggi anche:  C'è una Corte che fa giustizia in Palestina: per questo è oltraggiata da Israele

Così Bar’el

Guerra e calcoli elettorali

Un intreccio diventato assai usuale in Israele. E’ accaduto anche nelle ultime due guerre di Gaza, e accade anche oggi, visto che gli israeliani andranno a votare l’1 novembre prossimo, per le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni.

Di questo intreccio scrive un’altra grande firma del quotidiano progressista di Tel Aviv: Anshel Pfeffer.

“A un giorno dall’inizio dell’Operazione Breaking Dawn, Yair Lapid si trova nella posizione nota nelle Forze di Difesa israeliane come tzalash o tarash: o si riceve un encomio per il coraggio, o si viene retrocessi al grado più basso. Non c’è una via di mezzo. A cinque settimane esatte dal suo insediamento, il Primo Ministro sta affrontando la sua prima crisi di sicurezza e a questo punto potrebbe essere la spinta perfetta alla credibilità di un leader che non ha un vero e proprio curriculum militare o esperienza in posti di sicurezza di alto livello. Oppure potrebbe fatalmente bollarlo come un eterno civile che dovrebbe lasciare queste questioni ai veri professionisti.

Al momento in cui scriviamo, sembra ancora che la decisione di agire preventivamente contro la Jihad islamica palestinese, prima che i suoi combattenti potessero lanciare i missili che stavano pianificando sulle comunità israeliane vicino al confine con Gaza, sia stata azzeccata. Finora le ostilità non si sono intensificate oltre il fronte di Gaza e il più grande movimento armato palestinese, Hamas, non si è unito a loro.

Se le cose rimarranno così – se Hamas non si unirà alla battaglia e se le ostilità non si estenderanno a Gerusalemme, alla Cisgiordania e alle città e ai quartieri arabo-israeliani all’interno di Israele, e se questo round di guerra si concluderà in pochi giorni senza grandi obiettivi civili o un gran numero di vittime a Gaza o in Israele – sarà un risultato per Lapid. In altre parole, ha bisogno che l’Operazione Breaking Dawn si concluda in modo simile all’Operazione Black Belt del novembre 2019, il confronto di tre giorni tra Israele e la Jihad islamica palestinese in cui nessun israeliano è stato ucciso, nonostante il lancio di 450 razzi verso obiettivi israeliani.

Leggi anche:  Israele: la Knesset approva una legge che vieta la creazione di uno Stato di Palestina

I principali indizi che giocano a favore di Lapid sono l’inazione di Hamas finora e una dichiarazione del suo partner di coalizione, il leader della Lista Araba Unita Mansour Abbas, secondo cui ‘siamo pronti a essere partner di decisioni per la calma e la pace e il nostro approccio è che il nostro ruolo come membri della Knesset è quello di occuparci di questioni che riguardano direttamente il pubblico arabo e i suoi diritti’. In altre parole, per ora sembra che gli eventi siano stati contenuti e che solo la relativamente piccola Jihad islamica sia in lotta questa volta. A prima vista, un altro round di guerra a Gaza è la prova che ‘ridurre il conflitto” non funziona. Ma questo dipende dalla lunghezza e dall’ampiezza di questo round. Se i combattimenti si concluderanno in pochi giorni, resteranno contenuti all’interno di Gaza e coinvolgeranno solo la relativamente piccola Jihad islamica sostenuta dall’Iran, i sostenitori di questo concetto potranno affermare che questa è in realtà la prova che Israele sta combattendo l’Iran, in questo caso rappresentato dalla sua Jihad islamica per procura completamente finanziata.

Nell’ultimo anno, il governo ha concesso oltre 14.000 permessi ai gazawi per lavorare in Israele e intende aumentarne il numero a 20.000. Il governo si aspetta che queste ‘leve’, insieme ad altre misure che alleggeriscono la chiusura della Striscia di Gaza che dura da 15 anni, facciano pressione su Hamas affinché non inasprisca la situazione e metta a repentaglio i mezzi di sostentamento dei gazawi, per non parlare della sua parte di denaro che entra nella Striscia.

Il governo uscente è stato più aggressivo rispetto alle precedenti amministrazioni di Netanyahu nel rispondere alle piccole provocazioni di Gaza, rispondendo con attacchi aerei anche contro palloni che lanciavano ordigni incendiari verso Israele. Nonostante ciò, non c’è stata un’escalation come quella attuale da quasi 15 mesi a questa parte. Se tutto questo finirà tra un paio di giorni – conclude Pfeffer – Lapid potrà affermare che la politica da lui condotta insieme a Bennett è stata più efficace di quella dell’uomo che sta cercando di sostituirlo nell’ufficio del primo ministro”.

Un paio di giorni. Una eternità per chi “gioca” con la guerra.

E lo è ancor più se si tiene ben presente che la “resistenza palestinese” è influenzata, se non eterodiretta, da attori esterni che dei diritti e delle sofferenze dei palestinesi interessa punto. Zero. Iran, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Egitto, Turchia, Marocco. E’ lunghissimo l’elenco dei fratelli-coltelli arabi e musulmani che intendono usare in proprio la carta palestinese a fini di potenza regionale. Se si continuerà a combattere o se si arriverà all’ennesima hudna (tregua) non si deciderà a Gaza, tanto meno a Ramallah. 

(seconda parte, fine)

Native

Articoli correlati