Top

Isis, appello agli americani: comprate armi e uccidete durante le feste

Un video in inglese da un miliziano chiamato Abu Salih al-Amriki: approfittate del fatto di poter ottenere facilmente pistole e fucili in America e colpite

Il miliziano dell'Isis Abu Salih al-Amriki
Il miliziano dell'Isis Abu Salih al-Amriki

globalist Modifica articolo

28 Dicembre 2017 - 09.33


Preroll

Il problema non riguarda solo gli Stati Uniti ma più o meno tutti: nuove minacce targate Isis sulle festività di fine anno.
A creare allarme un appello lanciato sul web da un uomo che si dichiara combattente dello stato islamico e che invita tutti i musulmani che vivono negli Stati Uniti e i potenziali ‘lupi solitari’ ad agire approfittando della facilità di acquistare legalmente armi.
«Approfittate del fatto di poter ottenere facilmente pistole e fucili in America e colpite», afferma l’uomo identificato come ‘Abu Salih al-Amriki’, probabilmente un cittadino americano per via – spiegano gli esperti – dell’accento newyorkese.
Nelle immagini – girate in un territorio controllato dallo Stato Islamico, Abu Salih (che ha le stampelle e una protesi ad una gamba evidentemente persa) indossa una tunica e un copricapo della tradizione musulmana e attacca direttamente il presidente Donald Trump, descrivendolo un “cane di Roma” e accusandolo di rendere l’America più vulnerabile con la sua “guerra contro l’Islam”. Un riferimento molto probabilmente sia alla stretta sugli ingressi dei cittadini di alcuni paesi musulmani sia alla decisione di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele.

Al momento nessun commento è arrivato dall’Fbi. Mentre in tutte le metropoli Usa, New York in prima linea, le misure di sicurezza in questi giorni cruciali sono già sono ai massimi livelli. Il Dipartimento per la sicurezza nazionale, dal canto suo, afferma di essere consapevole delle numerose minacce terroristiche lanciate ogni giorno sul web. Minacce contro cui l’amministrazione combatte senza sosta nel tentativo di contrastare la propaganda dei gruppi estremisti.
Gli esperti intanto da tempo lanciano l’allarme sul fatto che negli Stati Uniti comprare legalmente armi sul mercato sia molto più semplice che in altri Paesi, e questo anche per i terroristi. Nel mirino anche la mancanza, spesso, dei cosiddetti ‘background check’, quei controlli preventivi su chi vuole acquistare armi da fuoco per cui si è battuta invano l’amministrazione Obama. È questa dunque una delle più grandi preoccupazioni delle forze dell’antiterrorismo Usa.
Proprio la scorsa settimana il direttore dell’antiterrorismo, Nicholas Rasmussen, ha affermato come leggi sulle armi da fuoco troppo permissive siano un incentivo per chi vuole compiere attacchi terroristici o stragi di altra matrice.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile