La cattura e il processo di Adolf Eichmann, il "tecnocrate della Shoah"
Top

La cattura e il processo di Adolf Eichmann, il "tecnocrate della Shoah"

Era l'11 maggio del 1960 e a Buenos Aires in Argentina fu catturato uno dei maggiori responsabili dell'orrore del Terzo Reich, Adolf Eichmann, grazie all'operazione messa a segno dal Mossad

La cattura e il processo di Adolf Eichmann, il "tecnocrate della Shoah"
Adolf Eichmann
Preroll

globalist Modifica articolo

30 Maggio 2023 - 23.49


ATF

Era l’11 maggio del 1960 e a Buenos Aires in Argentina fu catturato uno dei maggiori responsabili dell’orrore del Terzo Reich, Adolf Eichmann, grazie all’operazione messa a segno dal Mossad. Dodici mesi dopo, a Gerusalemme, il processo contro lo “SS-Obersturmbannfuehrer” Eichmann ebbe inizio, rappresentando un capitolo imprescindibile nella vicenda dei crimini all’umanità perpetrati dalla Germania nazista. Eichmann non solo incarna la “banalità del Male”, ovvero il burocrate apparentemente dimesso che con puntigliosa precisione contribuisce a realizzare l’organizzazione dello sterminio hitleriano, ma anche il prototipo del tedesco che s’inscena come semplice ingranaggio di un meccanismo più grande di lui.

La cattura di Eichmann: un’operazione leggendaria del Mossad

Nel 1960, il Mossad si mise alla ricerca di Eichmann, ritenuto uno dei maggiori criminali nazisti di sempre, grazie alla testimonianza di Lothar Hermann, un ex soldato delle SS. Lothar era convinto che Eichmann si trovasse in Argentina con una nuova identità: Riccardo Klement. L’operazione durò circa 10 mesi, durante i quali i membri del Mossad studiarono la vita di Klement e la sua famiglia, cercando informazioni su di lui in ogni modo possibile. Grazie alle informazioni raccolte, si riuscì a individuare l’uomo e il 10 maggio del 1960, un gruppo di agenti israeliani lo catturò in un sobborgo di Buenos Aires, dove viveva sotto falso nome.

Il processo di Gerusalemme contro Eichmann

L’11 aprile 1961, a Gerusalemme, ebbe inizio il processo contro Adolf Eichmann, uno dei maggiori responsabili dell’organizzazione dello sterminio degli ebrei. L’imputato, durante il processo, si presentò come un funzionario privo di potere reale, che non odiava affatto gli ebrei, ma che aveva semplicemente eseguito gli ordini. La sua difesa fu quella di essere stato soltanto un ingranaggio di un meccanismo più grande di lui e che avrebbe fatto soltanto il suo dovere, come un qualsiasi soldato avrebbe fatto durante una guerra.

Il processo, che durò otto mesi, fu caratterizzato da momenti di grande tensione e da testimonianze commoventi da parte di sopravvissuti all’Olocausto. Nonostante la difesa di Eichmann, il tribunale lo riconobbe colpevole e lo condannò alla pena di morte per impiccagione.

L’eredità del processo di Eichmann

Il processo di Gerusalemme contro Eichmann rappresentò un evento senza precedenti nella storia giudiziaria. La sua importanza fu riconosciuta a livello mondiale, poiché Eichmann era stato uno dei maggiori responsabili dell’organizzazione dello sterminio degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale. Il processo venne celebrato in Israele nel 1961, 16 anni dopo la fine della guerra, e rappresentò un momento cruciale per il movimento per i diritti civili degli ebrei e per la memoria storica dell’Olocausto.

Il processo fu seguito da milioni di persone in tutto il mondo, e venne trasmesso in televisione in molti paesi. Fu anche il primo processo penale trasmesso in diretta televisiva. Durante il processo, Eichmann fu accusato di crimini contro l’umanità, di aver organizzato il rapimento e la deportazione di milioni di ebrei verso i campi di concentramento, dove furono uccisi in massa.

Il processo fu particolarmente importante perché rappresentò una rottura con la tradizione giuridica dell’epoca. Fu il primo processo in cui i crimini contro l’umanità furono riconosciuti come tali e il primo processo in cui la giurisdizione penale internazionale fu applicata. Inoltre, fu il primo processo che si occupò della questione dell’Olocausto, che era stata largamente ignorata durante i processi di Norimberga.

Il processo di Gerusalemme rappresentò un momento fondamentale nella storia giudiziaria, non solo per l’importanza dei crimini che vennero giudicati, ma anche per il modo in cui venne condotto. Il processo dimostrò che i crimini contro l’umanità non potevano essere ignorati e che i responsabili dovevano essere portati alla giustizia. Fu un momento di giustizia e di riconciliazione, ma anche un momento di riflessione sulla condizione umana e sulla necessità di proteggere i diritti umani in futuro.

il quale, dopo aver rifiutato l’ultimo pasto preferendo mezza bottiglia di vino rosso secco israeliano, morì per impiccagione pochi minuti prima della mezzanotte di giovedì 31 maggio 1962. Si narra che le leve della corda furono tirate contemporaneamente da due persone: nessuno doveva sapere con certezza per quale mano fosse morto il condannato. “

Native

Articoli correlati