Gosling-Crowe: siamo come Bud Spencer e Terence Hill
Top

Gosling-Crowe: siamo come Bud Spencer e Terence Hill

I due attori a Cannes presentano Nice Guys diretto da Shane Black, che ha conquistato pubblico e critica sulla Croisette

Russel Crowe e Ryan Gosling alla conferenza stampa di Nice Guys al festival di Cannes 2016
Russel Crowe e Ryan Gosling alla conferenza stampa di Nice Guys al festival di Cannes 2016
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Maggio 2016 - 19.50


ATF

Scherzano e ridono Russell Crowe e Ryan Gosling, protagonisti a Cannes con ‘The Nice Guy’: «Chimica tra noi? La macchina da presa ha una nuova funzione: l’alchimia. Lo fanno in post-produzione. Russell ha fatto tutto il suo lavoro in Nuova Zelanda, grazie alla Weta de ‘Il Signore degli Anelli’», con Crowe che aggiunge: «Sono stato tutto il tempo al telefono, ho lavorato così». E pure il regista Shane Black non si lascia sfuggire l’occasione: «Ecco, se avete una app simile per sistemare questa conferenza stampa sarebbe grandemente apprezzato».

Star divertite e divertenti sulla Croisette, Ryan Gosling e Russel Crowe sono i protagonisti di ‘The Nice Guys’, diretto da Shane Black e ambientato nella Los Angeles anni ’70, dove interpretano un detective dalle maniere forti e un investigatore privato ugualmente improbabili, Jackson Healy (Crowe) e Holland March (Gosling), alle prese con una serie di omicidi e la sparizione di una ragazza. Fuori Concorso a Cannes 69, ‘The Nice Guys’ sbeffeggia film quali ‘Arma letale’, sceneggiato dallo stesso Blake, grazie a questi due ‘cattivi ragazzì, ovvero ‘bad men’ come vengono apostrofati nel film: «Io sono badman e lui è Robin», ironizza Gosling, mentre Crowe, tornando per un attimo serio, spiega che «la chimica scatta quando semplicemente impari ad ascoltare l’altro».

Leggi anche:  "L'illusione della distanza" è il tema del Giffoni Film Festival 2024

L’attore australiano rivela anche di aver usato «il Metodo Russell Crowe», ovvero di non essere «mai stato a una scuola di recitazione o arte drammatica: semplicemente si migliora di ruolo in ruolo». Gosling, al contrario, loda Angourie Rice, 15enne che interpreta la figlia del suo personaggio: «Sapeva subito esattamente chi era la sua Holly e che cosa avrebbe potuto o non potuto fare: mi ha molto colpito. Una istantanea professionista, un giorno Angourie comanderà tutti noi». Infine, sulla possibilità di un sequel a ‘The Nice Guys’, che arriverà nelle sale italiane il 1° giugno con Lucky Red, Crowe adduce troppi impegni, Gosling conclude: «Potrei farlo da solo. Del resto, è quel che ho già fatto».

Native

Articoli correlati