Cannes: Il silenzio, il corto prodotto in Italia che punta alla Palma d'Oro
Top

Cannes: Il silenzio, il corto prodotto in Italia che punta alla Palma d'Oro

Il Silenzio è l'unico titolo di produzione italiana - e il primo dal 1997 - in corsa per la Palma d'oro nel Concorso cortometraggi del 69. Festival di Cannes.

Cannes: Il silenzio, il corto prodotto in Italia che punta alla Palma d'Oro
Preroll

Desk2 Modifica articolo

21 Aprile 2016 - 17.12


ATF

Fatma e sua madre sono rifugiate curde in Italia. Durante la loro vista in ospedale, Fatma dovrebbe tradurre ciò che la dottoressa sta dicendo a sua madre, ma continua a restare in silenzio.

Il Silenzio è l’unico titolo di produzione italiana – e il primo dal 1997 – in corsa per la Palma d’oro nel Concorso cortometraggi del 69. Festival di Cannes, la cui giuria sarà presieduta dalla regista giapponese Naomi Kawase.

Nel corso della sua storia, il Festival di Cannes ha ospitato (e spesso premiato) nella sezione dedicata ai cortometraggi i primi lavori di autori come Don Siegel, Luigi Comencini, Agnès Varda, Alain Resnais, Vittorio De Seta, Luciano Emmer, Jiri Trnka, Andrzej Munk, Istvan Szabo, Edgar Reitz, Alex Proyas, Alexandre Aja, Lynne Ramsey, Xavier Giannoli, Emmanuelle Bercot, Jane Campion e Nuri Bilge Ceylan.

Prodotto da Kino Produzioni, Il Silenzio conferma l’ottima annata della società guidata da Giovanni Pompili, una delle più importanti realtà giovani del panorama cinematografico italiano: un risultato, la partecipazione in concorso al Festival di Cannes, che si somma al Nastro d’Argento vinto dal cortometraggio Quasi Eroi di Giovanni Piperno, ai premi conquistati al festival Cortinametraggio da Giro di Giostra di Massimiliano Davoli, con Michele Riondino, Tea Falco e Pippo Delbono, e alla realizzazione del primo lungometraggio, Il più grande sogno mai sognato di Michele Vannucci, con Alessandro Borghi, in fase di post-produzione.

Leggi anche:  Futuramente: il festival tra innovazione e creatività per le nuove generazioni

Con Il Silenzio, Kino Produzioni ha scelto di sostenere due autori legati all’Italia – dove hanno entrambi studiato – ma dal profilo internazionale: Ali Asgari è nato a Tehran e, dopo il diploma in cinema conseguito in Italia, ha diretto i cortometraggi More than Two Hours (in concorso a Cannes nel 2013 e al Sundance nel 2014) e The Baby (in concorso a Venezia nel 2014), presentati in oltre 500 festival di tutto il mondo e vincitori di più di 100 premi. Il Silenzio è la sua prima opera girata fuori dall’Iran. Farnoosh Samadi è nata in Iran e si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Roma: ha iniziato la sua carriera di filmmaker all’Iranian Youth Cinema Society e ha scritto i cortometraggi More Than Two Hours e The Baby, diretti da Ali Asgari. Il Silenzio è la sua prima regia.

Native

Articoli correlati