Cisgiordania, le verità scomode del generale Fuchs
Top

Cisgiordania, le verità scomode del generale Fuchs

Globalist lo ha scritto, documentato, denunciato più e più volte. Il vero obiettivo del governo razzista e colonizzatore d’Israele è la giudeizzazione della Cisgiordania. Molto più del sistema di apartheid praticato in West Bank.

Cisgiordania, le verità scomode del generale Fuchs
Il generale israeliano Yehuda Fuchs
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

10 Luglio 2024 - 15.42


ATF

Globalist lo ha scritto, documentato, denunciato più e più volte. Il vero obiettivo del governo razzista e colonizzatore d’Israele è la giudeizzazione della Cisgiordania. Molto più del sistema di apartheid praticato in West Bank. I vari Smotrich, Ben-Gvir e soci, hanno in testa “Eretz Israel”, la Grande Israele dal mare (Mediterraneo) al fiume (Giordano). Si chiama annessione. Unilaterale. In spregio del diritto internazionale e di innumerevoli risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. 

Che il “Re” (Netanyahu) sia nudo lo svela una fonte che certo non può essere tacciata di pacifismo.

Le verità scomode 

Chi sia e cosa abbia asserito, lo spiegano molto bene un editoriale di Haaretz e le considerazioni di due tra i più autorevoli analisti del quotidiano progressista di Tel Aviv.

Così l’editoriale: “Il capo uscente del Comando Centrale dell’esercito, Yehuda Fuchs, ha tenuto il suo discorso di commiato presso la sede del Comando Centrale a Gerusalemme, in occasione della cerimonia in cui ha consegnato le redini al suo successore.

Ma il vero pubblico che ha ascoltato le accurate osservazioni del suo discorso, al termine di un mandato di tre anni pieno di tensioni, è stato il grande pubblico.

Il suo messaggio era destinato alle orecchie degli israeliani, perché devono sentire la verità sul pericolo che sta dilagando in Cisgiordania sotto la protezione di una leadership codarda. Questo è lo stesso pubblico a cui il ministro della Difesa Yoav Gallant si è appellato quando si è disperato per la noncuranza del Primo ministro Benjamin Netanyahu nei confronti degli avvertimenti dell’establishment della difesa sulla minaccia rappresentata dal proseguimento della revisione giudiziaria del suo governo, o per il costante rifiuto di Netanyahu di discutere gli scenari post-bellici per la Striscia di Gaza e per tutti gli irresponsabili discorsi su un governo militare a Gaza. “Negli ultimi mesi e proprio questa settimana l’attività criminale ultranazionalista ha alzato la testa, sotto la copertura della guerra e della brama di vendetta, terrorizzando i civili palestinesi che non rappresentavano alcuna minaccia”, ha dichiarato Fuchs a proposito della situazione in Cisgiordania. Ha puntato il dito accusatore contro la leadership che ha permesso il terrorismo ebraico. “La leadership locale e la maggior parte della leadership religiosa… sono scoraggiate e non riescono a trovare la forza di agire in base ai valori ebraici che insegnano ai loro figli”, ha detto, avvertendo che questo silenzio è pericoloso. Ha poi attaccato il punto di vista che nega la possibilità stessa del terrorismo ebraico affermando che i trasgressori hanno adottato “le vie del nemico” e stanno “seguendo le sue leggi”. Ma i suoi avvertimenti non sono finiti qui. Fuchs ha anche puntato le sue frecce contro il governo e ha smentito la menzogna raccontata da Netanyahu secondo cui non c’è alcuna differenza tra Hamas e l’Autorità Palestinese, e che entrambi sono paragonabili ai nazisti.

Fuchs ha affermato che “la capacità del Comando Centrale di svolgere i propri compiti… dipende da un’Autorità Palestinese forte e funzionante, con agenzie di sicurezza efficaci che facciano rispettare la legge e l’ordine”. Ha chiarito che l’esercito respinge le affermazioni dei ministri di estrema destra Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir che, sotto la copertura della loro “preoccupazione” per la sicurezza, in realtà cercano di incendiare la Cisgiordania per poi prenderne il controllo una volta per tutte.

Fuchs ha detto cose che gran parte dell’opinione pubblica ha già dimenticato, in parte a causa di una leadership marcia e infiammata che ha perso la coscienza.

“La preoccupazione per il benessere dei civili palestinesi che lavorano e sono produttivi… non è solo una responsabilità legale del capo del comando e non è solo un valore morale, ma serve anche agli interessi di sicurezza di Israele”, ha sottolineato.

Ma gli interessi di sicurezza di Israele non sono quelli che interessano a Benjamin Netanyahu e alla banda di nazionalisti messianici del suo governo. In pratica, il nostro attuale governo sta lavorando contro gli israeliani comuni e sta mettendo in pericolo il loro futuro. L’opinione pubblica deve svegliarsi prima che sia troppo tardi”.

Leggi anche:  Israele: come combattere la strategia della negazione

Il j’accuse che inchioda il governo

Rimarca Zvi Bar’el: “Con parole schiette e per lo più accurate, il Magg. Gen. Yehuda Fuchs, comandante uscente del Comando Centrale dell’esercito, ha descritto il crimine nazionalista ebraico contro i palestinesi che ha “alzato la testa” negli ultimi mesi. Ma solo in gran parte è stato accurato, perché anche lui, come molti ipocriti bigotti di sinistra, centro e destra, è caduto con sicurezza in quella nota trappola chiamata “non dobbiamo generalizzare”.

Con nobile cortesia, come se volesse ammorbidire il colpo che stava per assestare, Fuchs ha detto che “la stragrande maggioranza dei residenti dell’area è composta da cittadini rispettosi della legge e dei valori, che cercano di vivere la propria vita e di crescere la propria famiglia e che meritano ogni apprezzamento”. Ma subito dopo, poiché non è possibile fare altrimenti, si è contraddetto. “Anche se gli autori dei crimini sono una minoranza, coloro che tacciono e non li escludono portano critiche a tutti i coloni”, ha detto. Dopo tutto, è impossibile conciliare l’affermazione che “la stragrande maggioranza” è “rispettosa della legge” con il loro silenzio di fronte ai crimini che vengono commessi sotto i loro occhi. Ma anche il “silenzio” è un eufemismo. I coloni non solo tacciono di fronte a questo crimine, ma lo incoraggiano. La guerra di annientamento che i loro rappresentanti nella Knesset e nel gabinetto stanno conducendo per liberare i criminali degli insediamenti dalla minaccia della detenzione amministrativa; le loro imprecazioni contro gli ufficiali – tra cui lo stesso Fuchs, a proposito del quale il Ministro del Patrimonio Amichai Eliyahu una volta disse: “Qualcuno che vede i membri del proprio popolo come bersagli legittimi da lanciare come il nemico, che vede i coloni come criminali e l’Autorità Palestinese come un partner legittimo, non è degno di comandare i nostri soldati”; l’affermazione che i “giovani delle colline” radicali dei coloni sono “di guardia alla nostra terra”, per citare il velenoso parlamentare Limor Son Har-Melech – tutto ciò non è semplicemente quello che ci si aspetta da funzionari eletti che vedono il crimine nazionalista come uno strumento legittimo e persino necessario per attuare la loro visione del controllo israeliano sull’intera Terra d’Israele.

Si basa anche sul silenzio attivo dei coloni, quella “grande maggioranza” che sono “cittadini rispettosi della legge”.

Questo silenzio garantisce sostegno e incoraggiamento alla criminalità nazionalista e costruisce i suoi rappresentanti come “rappresentanti eletti dal popolo”. Inoltre, nasconde la pericolosa menzogna alla base della distinzione tra la minoranza che viola la legge e la maggioranza normativa, una menzogna volta a nascondere il fatto che gli insediamenti – tutti – sono illegali. Si tratta di gravi violazioni del diritto internazionale.

Non si tratta solo degli avamposti selvaggi o delle fattorie che sfruttano la terra (che saranno presto “legalizzate”); lo stesso vale per gli insediamenti veterani come Kiryat Arba, Ariel ed Efrat. Ma grazie a quella minoranza criminale violenta, i residenti degli altri insediamenti beneficiano dell’illusione di essere rispettosi della legge.

La correttezza intellettuale e politica afferma che “non dobbiamo generalizzare”. Ma in realtà è proprio l’eccessiva paura di generalizzare a proteggere la violazione della legge, che è diffusa e istituzionalizzata, mentre noi proclamiamo che le nostre mani sono pulite e ci arrovelliamo la lingua.

E questa non è l’unica menzogna. Un’altra distorsione demagogica, elemento cruciale e inseparabile della stessa paura di generalizzare, consiste nell’affermare che solo negli ultimi mesi i crimini contro i palestinesi hanno “alzato la testa”. In realtà, questi crimini sono vecchi come l’occupazione.

Leggi anche:  Cosa c'entra Anna Frank con la guerra di Gaza? Una riflessione da Israele

Gli scontri violenti tra coloni e palestinesi sono iniziati molto prima che nascesse il termine “giovani delle colline”. I coloni non hanno iniziato a impossessarsi illegalmente di terreni ed edifici palestinesi di proprietà privata, a picchiare i pastori, a vandalizzare chioschi e negozi, a dare fuoco alle proprietà palestinesi, a fare violente “visite a domicilio” e a bloccare l’accesso ai terreni agricoli solo negli ultimi mesi.

Alcune di queste attività, che per decenni non sono mai state indagate, punite o fermate dall’esercito, dalla polizia o dai governi che si sono succeduti, hanno fornito le basi per l’insediamento di quella maggioranza che ora è immune dall’inclusione nella comunità dei coloni criminali.

Solo negli ultimi mesi, tuttavia, si è sviluppata la paura dei tribunali internazionali e delle sanzioni americane ed europee contro una manciata di singoli coloni e alcune organizzazioni. Ma non c’è da preoccuparsi. I deboli muscoli che la comunità internazionale sta mostrando contro i criminali degli insediamenti stanno già ricevendo una “risposta sionista adeguata”. Presto sorgeranno decine di nuovi insediamenti, adeguatamente finanziati dal governo, e i loro residenti si uniranno alla “grande maggioranza” di “cittadini rispettosi della legge”, conclude Bar’el.

Sguardo dall’interno

Annota Amos Harel: “Il discorso di commiato tenuto lunedì dal Magg. Gen. Yehuda Fuchs, capo uscente del Comando Centrale dell’esercito, ha fornito uno sguardo interno sugli eventi di questi nove mesi di guerra. Fuchs non si è nascosto dietro le offese, ma ha piuttosto descritto i suoi sensi di colpa – come parte dell’alto comando delle Forze di Difesa Israeliane e come ex capo della Divisione di Gaza alla fine del decennio precedente – di fronte al clamoroso fallimento dell’esercito nel prevenire il massacro del 7 ottobre.

Non c’è stato alcun tentativo di coprire i suoi sentimenti e le sue esperienze di persecuzione da parte dei coloni estremisti, che lo hanno a lungo etichettato come un ufficiale indipendente che si rifiutava di inchinarsi a loro, diventando così un bersaglio per le loro calunnie e incitazioni. L’esempio più eclatante si è verificato lo scorso ottobre, quando gli estremisti di destra hanno manifestato davanti a casa sua, sostenendo che lui li stesse mettendo in pericolo – alcuni di loro hanno addirittura minacciato la sua famiglia. Il capo del Comando Sud, il Magg. Gen. Yaron Finkelman, ha sperimentato un atteggiamento completamente diverso da parte dei residenti della regione di confine con Gaza, che sono stati vittime di una vera e propria atrocità.

Proprio quando l’Idf stava per entrare per la prima volta nella Striscia di Gaza, i membri del Kibbutz Nir Oz, che l’esercito aveva effettivamente abbandonato – purtroppo non esiste una parola più gentile – il giorno del massacro, inviarono a Finkelman una lettera di incoraggiamento. Non pensare ora a quello che è successo, dicevano, ma concentrati sul successo dell’offensiva e sulla liberazione degli ostaggi. Fuchs poteva solo sognare un atteggiamento simile da parte degli israeliani che vivono in Cisgiordania. Un’eco di ciò si può sentire anche nel suo discorso di addio: “Ho fatto tutto ciò che potevo per proteggere i residenti dello Stato e i residenti della regione”, ha detto. “Ho preso sul serio ogni pietra e bottiglia lanciata e mi sono ritenuto responsabile per ogni persona ferita nel corpo o nell’anima. A volte ho fallito. Porterò per sempre con me il prezzo del loro sangue”.

Ha detto che la “grande maggioranza dei coloni” sono cittadini rispettosi della legge che “vivono all’ombra della minaccia del terrore”. Ma, ha aggiunto, “purtroppo, negli ultimi mesi, il crimine nazionalista ha rialzato la testa sotto la copertura della guerra e ha portato alla vendetta e ha seminato calamità e paura nei residenti palestinesi che non rappresentano alcuna minaccia. Con mio grande sgomento, la leadership locale e quella spirituale per la maggior parte non hanno visto la minaccia come noi. È intimidita e non ha trovato la forza di uscire allo scoperto e di agire secondo i valori dell’ebraismo”.

Leggi anche:  Smotrich chiede a Netanyahu di annettere la Cisgiordania se l'Aia dichiarerà illegali le colonie israeliane

E ha proseguito: “Anche se i colpevoli sono pochi, coloro che sono rimasti in silenzio non sono riusciti a isolare loro e le loro azioni dalla maggioranza. Questo non è l’ebraismo ai miei occhi – almeno non è quello con cui sono cresciuto nella casa di mio padre e mia madre”. È difficile dire queste cose, tranne quando si ricorda che l’allora tenente generale Nitzan Alon disse cose simili una dozzina di anni fa, alla fine del suo mandato come comandante della Divisione Giudea e Samaria. Da allora la situazione è solo peggiorata.

Contrariamente alle affermazioni fatte contro di lui, Fuchs ha attuato una politica di uso della forza estremamente aggressiva contro il terrorismo palestinese durante la guerra di Gaza, che comprendeva centinaia di raid di arresto e decine di operazioni a livello di brigata nei campi profughi e nelle città della Cisgiordania. Lo ha fatto utilizzando sempre più spesso i droni d’attacco per gli omicidi, una pratica che fino all’estate scorsa era quasi del tutto tabù.

Ciononostante, va detto che nel suo discorso Fuchs ha sottolineato la necessità di non danneggiare i civili palestinesi in Cisgiordania e che è nell’interesse della sicurezza nazionale dello Stato di Israele preservare lo status dell’Autorità Palestinese nonostante le ripetute richieste dei partiti della coalizione di estrema destra di provocarne il crollo.

“Seminare la paura tra i cittadini del Paese all’ombra degli eventi del 7 ottobre è un errore pericoloso”, ha avvertito Fuchs. “La capacità del Comando Centrale di adempiere ai suoi compiti, di proteggere i residenti di Israele e i residenti dell’area sotto il suo comando, dipende dall’esistenza di una Autorità Palestinese funzionante e forte, con meccanismi di sicurezza efficaci che mantengano la legge e l’ordine. Questo è il punto di partenza per chiunque sia a capo di questo comando e si basa su una decisione del gabinetto”.

Riguardo al Capo di Stato Maggiore dell’Idf Herzl Halevi, con il quale i rapporti di Fuch nell’ultimo anno sono stati tesi, ha dichiarato: “Come comandante, ma prima di tutto come cittadino, mi vergogno e mi sento ferito dai barbari attacchi che avete subito. È un metodo che alcuni hanno adottato anche qui: vengono dette cose terribili e poi arrivano delle deboli scuse fino al prossimo attacco irresponsabile”.

Ciò che è stato solo accennato nel discorso riguarda il dramma politico che si sta svolgendo dietro le quinte, ovvero l’acquisizione da parte dei coloni, attraverso i loro rappresentanti nel governo, dell’amministrazione civile della Cisgiordania. Bezalel Smotrich, in virtù del suo doppio ruolo di ministro delle Finanze e ministro della Difesa, sta accumulando sempre più potere e autorità, a spese del ministero della Difesa, dell’Idf e del Coordinatore delle attività governative nei territori. Ora è lui a dettare la politica israeliana in Cisgiordania.

Questo si manifesta nell’espansione delle aree di insediamento e nella legalizzazione degli avamposti illegali, ma anche nello sforzo calcolato di Smotrich di strangolare finanziariamente l’Autorità Palestinese nella speranza di provocarne il collasso. Non c’è da stupirsi che un altro membro del partito di Smotrich, il Ministro delle Missioni Nazionali Orit Strock, parli di un'”atmosfera di miracoli” che la circonda dopo la guerra scoppiata a Gaza. L’estrema destra riconosce che si è aperta una finestra di opportunità sotto gli auspici della guerra e agisce di conseguenza.

Hagai Segal, l’editore del settimanale di destra Makor Rishon, ha scritto venerdì scorso che Smotrich è “un emissario pubblico che sta cercando di sfruttare un’opportunità politica unica nella vita, convinto che sia nell’interesse del Paese”, conclude Harel.

Ecco a chi è in mano oggi Israele: una banda di criminali messianici per cui una guerra di annientamento è manna piovuta dal cielo. 

Native

Articoli correlati