Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente
Top

Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente

Come si concilia l’”unica democrazia in Medio Oriente”, con un colpo di stato in atto?  Un interrogativo che investe, da tempo, Israele e che sembra essere giunto ad una svolta drammatica.

Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

9 Luglio 2024 - 17.30


ATF

Come si concilia l’”unica democrazia in Medio Oriente”, con un colpo di stato in atto?  Un interrogativo che investe, da tempo, Israele e che sembra essere giunto ad una svolta drammatica.

Colpo di stato a 360 gradi

A lanciare l’allarme è un editoriale di Haaretz: “Il colpo di stato ha permeato ogni angolo: la mancata nomina di un presidente della Corte Suprema, l’indebolimento dello statuto del procuratore generale, gli sforzi per prendere il controllo della Commissione per il Servizio Civile, la politicizzazione della polizia, l’acquisizione dei media, le limitazioni alla libertà accademica e alla libertà di espressione in generale e molto altro ancora.

Ma il disegno di legge che verrà presentato martedì alla Commissione Costituzione, Legge e Giustizia della Knesset, elaborato dal suo presidente, Simcha Rothman, è già il ritorno del colpo di stato dalla porta principale, senza maschera. Secondo la proposta, la selezione del mediatore giudiziario – che oggi viene effettuata dal Comitato per le nomine giudiziarie, in consultazione con il ministro della Giustizia e il presidente della Corte Suprema – sarà completamente politicizzata, eletta dalla Knesset. La situazione attuale, in cui il posto è vacante, è impropria. Ma il motivo è l’ostinato rifiuto del ministro della Giustizia di seguire la consuetudine di assegnare il posto a un giudice della Corte Suprema in pensione, da cui l’impasse con il presidente della Corte Suprema in carica.

Ci sono buone ragioni per nominare un giudice in pensione: Solo un giudice conosce da vicino il lavoro dell’intero sistema, compresa la Corte Suprema, e quindi può gestire i reclami sui giudici in modo etico e professionale.

Il trasferimento dell’autorità di selezione del difensore civico dal Comitato per le Nomine Giudiziarie, in cui le forze politiche e professionali sono equilibrate, a un organo completamente politico, è proprio il principio organizzativo del colpo di stato: il sequestro di un’istituzione apartitica da parte della maggioranza politica, nella speranza di nominare una persona che attaccherà la magistratura, la perseguiterà e ne limiterà l’indipendenza e il principio critico dell’autonomia giudiziaria.

Il disegno di legge contiene delle salvaguardie, come la richiesta di una maggioranza speciale di 70parlamentari, a scrutinio segreto, per evitare che si possa parlare di nomina politica unilaterale da parte dell’attuale coalizione di governo. Ma dobbiamo ricordare che in futuro la legge potrebbe portare a nomine politiche unilaterali da parte di un’ampia coalizione.

Già ora non si sa quali mezzi verranno utilizzati per ottenere la maggioranza richiesta e il disegno di legge potrebbe subire ulteriori modifiche per evitare una situazione in cui non si possano trovare i 70 voti necessari alla Knesset.

Il Primo ministro Benjamin Netanyahu ha recentemente dichiarato: “In una democrazia, i guardiani sono il pubblico e gli elettori”, il che significa che non c’è motivo di avere dei guardiani professionisti. La maggioranza democraticamente eletta può fare ciò che vuole.

Si tratta di un’affermazione pericolosa che svela l’obiettivo del governo golpista. Questo disegno di legge deve essere fermato e per farlo è necessario che l’opinione pubblica si svegli e impedisca fisicamente il ritorno del colpo di stato, ancora una volta”.

Leggi anche:  Israele: come combattere la strategia della negazione

Il golpe investe gli ostaggi

Di grande interesse è il report per Haaretz, di uno dei più autorevoli analisti politico-militari israeliani: Amos Harel.

Annota Harel: “La potenziale svolta nei negoziati sugli ostaggi tra Israele e Hamas è stata raggiunta, innanzitutto, grazie alle pressioni esercitate dagli Stati Uniti sugli altri due mediatori – Egitto e Qatar – e attraverso di loro sulla leadership di Hamas.

La scorsa settimana, la risposta di Hamas all’ultima proposta israelo-americana ha incluso, per la prima volta dopo un po’ di tempo, un certo ammorbidimento delle sue richieste. Questo spiega il relativo ottimismo degli alti funzionari dell’establishment della difesa israeliana sulla possibilità di raggiungere un accordo nelle prossime settimane. Sembra che ogni ulteriore progresso dipenda per molti versi dalla posizione del Primo Ministro Benjamin Netanyahu. È qui che l’ottimismo dei membri dell’establishment della difesa e dei politici svanisce di fronte alle difficoltà e ai punti interrogativi che rimangono. Durante i negoziati degli ultimi sei mesi, Netanyahu ha espresso messaggi contraddittori e alterni, prima promuovendo un accordo e poi rifiutandolo. Questo schema è continuato negli ultimi giorni, con l’intensificarsi degli sforzi di sopravvivenza politica di Netanyahu e l’aggravarsi del timore di un crollo della sua coalizione da parte dei suoi partner di gabinetto di estrema destra – uno scenario che potrebbe anche influire sull’accelerazione del lentissimo calendario del suo processo per corruzione.

La cosa che più preoccupa gli americani riguardo a Netanyahu è il suo discorso al Congresso previsto per il 24 luglio. Il primo ministro ha in programma di visitare Washington per qualche giorno e desidera incontrare anche il presidente Joe Biden, che ha evitato di incontrarlo per molto tempo, ad eccezione di una breve visita in Israele durante la prima settimana di guerra.

D’altra parte, è possibile che l’attenzione di Biden per il Medio Oriente, e in realtà per l’intera nazione, sia relativamente bassa, considerando le crescenti richieste di sostituirlo nella corsa presidenziale a causa delle sue evidenti condizioni fisiche e mentali.

I negoziati per il rilascio degli ostaggi, che dovrebbero entrare in una fase critica e includere ulteriori incontri della delegazione israeliana all’estero con i rappresentanti dei mediatori, potrebbero essere influenzati anche dagli sviluppi interni al Partito Democratico. Il grado di pressione che gli americani eserciteranno nelle trattative per il rilascio degli ostaggi è probabilmente legato anche alla situazione politica degli Stati Uniti.

In ogni caso, non è certo che Netanyahu rifiuterà esplicitamente la proposta di Hamas prima del suo discorso al Congresso. Tuttavia, fonti dell’establishment della difesa ritengono che potrebbe far deragliare i colloqui in seguito, come ha fatto più volte negli ultimi mesi in risposta alle proposte. Le domande sulle ragioni dell’apparente ammorbidimento della posizione di Hamas non hanno ancora trovato risposta. L’Idf si è affrettato ad attribuirlo alla pressione militare esercitata sul gruppo durante l’operazione dell’esercito nella città meridionale di Gaza, Rafah, e nel quartiere Shujaiyeh di Gaza City.

È possibile, tuttavia, che la vera spiegazione sia leggermente diversa e si riferisca a diverse altre ragioni, tra cui il logoramento e la stanchezza dei palestinesi e delle unità di Hamas dopo nove mesi di guerra che hanno causato ingenti danni e distruzioni a Gaza.

Leggi anche:  Israele, così è fallita la "Procedura Annibale"

Non è da escludere nemmeno che Hamas sia preoccupato dalla possibilità che il candidato repubblicano Donald Trump vinca le elezioni presidenziali statunitensi di novembre e che, di conseguenza, possa presentare un sostegno più forte per Israele.

L’ex Primo ministro Ehud Olmert ha stimato sabato, durante un’intervista a Channel 12 News, che “Netanyahu farà deragliare l’accordo dopo la sua apparizione al Congresso”.

Se così fosse, forse si scatenerà una protesta più dura da parte dell’opinione pubblica contro il governo, dato che la maggior parte dei sondaggi indica un ampio sostegno all’accordo, anche se a caro prezzo per Israele.

D’altra parte, Netanyahu è già riuscito a etichettare le famiglie degli ostaggi come “di sinistra” e a politicizzare il dibattito pubblico sull’accordo. Anche l’atteggiamento ostile del governo Netanyahu nei confronti dei residenti dei kibbutzim al confine con Gaza, le cui famiglie sono state massacrate, è spesso chiaramente visibile.

A questo si aggiunge l’esasperante indifferenza che molti ministri mostrano nei confronti delle famiglie in lutto, testimoniata dalla scarsa presenza di ministri ai funerali dei soldati caduti in guerra.

Fanno eccezione i morti che appartengono alla comunità religiosa sionista, le cui famiglie i ministri e i legislatori si premurano di visitare. L’assenza di altri ministri è stata particolarmente degna di nota rispetto alla grande affluenza di ministri, legislatori e altri sostenitori alla cerimonia annuale di commemorazione di Yoni Netanyahu, fratello del primo ministro ed eroe dell’operazione Entebbe, tenutasi la scorsa settimana.

Hezbollah non molla un centimetro

Nel nord del paese, domenica mattina Hezbollah ha lanciato decine di razzi contro la Bassa Galilea e la zona di Kinneret. Un giovane è stato ferito dalle schegge dei razzi. L’organizzazione sciita ha annunciato che il fuoco è arrivato in risposta all’uccisione mirata di Meitham Mustafa Altaar da parte di Israele sabato pomeriggio nella Valle della Bekaa settentrionale del Libano. L’uomo è stato ucciso da un drone a 112 chilometri a nord del confine con Israele.

L’attacco di rappresaglia di Hezbollah, che si è esteso fino a 40 chilometri in Israele, fa parte della dottrina dell'”equivalenza” di Hassan Nasrallah. Sembra che l’organizzazione voglia segnalare a Israele che ogni volta che attaccherà obiettivi militari o combattenti lontani dalla regione di confine, risponderà in modo proporzionale e che Israele non potrà limitare il conflitto all’immediata area di confine. Nasrallah continua a operare con relativa cautela e calcolo. Tuttavia, la risposta relativamente severa di Hezbollah, che ha ampliato i confini dei combattimenti, solleva nuovi punti interrogativi sulla politica dell’Idf.

Sembra che i comandanti dell’Idf si stiano attenendo alla politica degli omicidi, anche se non è chiaro quale valore apportino al combattimento. Ci sono ragionevoli timori che questa politica stia aggravando la situazione e possa rendere difficile il ripristino della calma, proprio in un momento in cui c’è un ampio consenso ai vertici dell’establishment della difesa sul raggiungimento di un accordo con Hamas per il rilascio degli ostaggi. Nel frattempo, Nasrallah ha fatto ulteriori accenni alla sua posizione. Il portavoce a lui più vicino, il caporedattore di Al-Akhbar Ibrahim al-Amin, ha scritto nel fine settimana che Hezbollah dichiarerà un cessate il fuoco in Libano non appena ne verrà raggiunto uno nella Striscia di Gaza, ma questo non significa che l’organizzazione accetterà le richieste israeliane di rimuovere i suoi combattenti dal confine. Secondo Amin, Hezbollah accetterà solo il ripristino dello status quo prima del 7 ottobre.

Leggi anche:  Gaza, nuova strage di civili palestinesi durante i raid di Israele: 16 morti e decine di feriti

In altre parole, Hezbollah non ha motivo di discutere l’iniziativa statunitense, che prevede il dispiegamento delle sue forze a nord del fiume Litani. Nei due anni precedenti la guerra, Hezbollah aveva concentrato le sue forze di commando Radwan al confine con Israele e aveva eretto più di 20 installazioni. L’Idf le ha distrutte all’inizio della guerra.

Il parlamento di Halevi

Venerdì il Capo di Stato Maggiore Herzl Halevi ha incontrato un gruppo di 10 alti ufficiali della riserva. Come i suoi predecessori, Halevi organizza questi incontri di tanto in tanto, anche in tempo di guerra.

Gli permettono di consultarsi con gli ufficiali, molti dei quali hanno prestato servizio sotto di lui. Ma le riunioni hanno anche un altro obiettivo: la maggior parte degli ufficiali che vi partecipano rilasciano interviste alla televisione e alla radio e le riunioni permettono a Halevi di trasmettere messaggi al pubblico attraverso un gruppo di persone che sono naturalmente simpatiche all’esercito e al suo leader. Tuttavia, questa volta gran parte della conversazione ha riguardato le critiche dei generali alla gestione da parte dell’esercito di una delicata questione pubblica e politica, ovvero l’arruolamento degli ultraortodossi. Alcuni partecipanti hanno criticato le posizioni del Capo di Stato Maggiore e del Ministro della Difesa Yoav Gallant in seguito alla decisione dell’Alta Corte del mese scorso che ha ordinato l’arruolamento degli Haredim.

Quando verranno emessi gli avvisi di leva e gli Haredim si rifiuteranno di presentarsi ai centri di arruolamento dell’esercito entro 90 giorni, verranno designati come evasori e saranno soggetti a sanzioni, tra cui il divieto di possedere una patente di guida o di lasciare il paese. La yeshiva che frequentano non potrà ricevere il sostegno dello Stato.

L’Idf avrebbe dovuto inviare decine di migliaia di avvisi di leva a tutti gli Haredim di età compresa tra i 17 e i 18 anni e ai ventenni che non avevano ricevuto ordini in passato. In pratica, dopo i colloqui con i rabbini Haredi, l’esercito punta a reclutare solo 3.000 Haredim fino alla fine dell’anno, soprattutto giovani che non studiano davvero nelle yeshiva.

I partecipanti all’incontro hanno detto ad Halevi che l’esercito è quindi connivente con gli ultraortodossi. Accontentarsi di un numero minimo di reclute è incoerente con le affermazioni dell’Idf che ora ha bisogno di oltre 10.000 soldati in più per riempire i ranghi delle unità i cui uomini sono stati uccisi, feriti o hanno subito danni psicologici durante la guerra. Halevi ha risposto che esaminerà la questione con la Divisione Manpower dello Stato Maggiore”, conclude Harel.

Una spina non da poco, conficcata nel cuore di un Paese in guerra. 

Native

Articoli correlati