Israele prigioniero del "governo Nightmare"
Top

Israele prigioniero del "governo Nightmare"

Non è il titolo di un nuovo episodio della saga horror. È una realtà politica. Che Uri Misgav tratteggia efficacemente per Haaretz

Israele prigioniero del "governo Nightmare"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

4 Luglio 2024 - 17.13


ATF

Israele prigioniero del “governo Nightmare”.

L’incubo che si è fatto realtà

Non è il titolo di un nuovo episodio della saga horror. È una realtà politica. Che Uri Misgav tratteggia efficacemente per Haaretz: “Dopo la devastazione del 7 ottobre, i membri del governo dell’incubo erano in totale stato di shock. Era difficile per loro mostrarsi in pubblico, venivano accolti con urla e imprecazioni.

In quel momento, un nuovo giro di parole è arrivato nelle loro mani: “Non sono disposto a tornare al discorso del 6 ottobre”. L’obiettivo era dichiarare che ora dovevamo essere uniti, insieme vinceremo; in realtà, il significato era che il campo di governo non era disposto a subire critiche sulla sua disastrosa traiettoria. Persino il presidente Isaac Herzog si è affrettato a usare il cliché coniato per servire il regime. Anche la maggior parte dei media ha adottato la narrazione. Gli studios furono investiti da un’atmosfera di consenso e di mainstreaming. Il disaccordo era percepito come un indebolimento della nazione in tempo di guerra. Questo è stato eccellente per il blocco bibi-ista, ultraortodosso, religioso-nazionalista e kahanista, che ha ottenuto una respirazione artificiale, bocca a bocca: sia politicamente, grazie ai nebulosi legislatori Benny Gantz e Gideon Sa’ar, sia pubblicamente dai media. Naturalmente, nessuno nel campo del Primo Ministro Benjamin Netanyahu lo intendeva seriamente per un solo istante. Dal loro punto di vista, “il discorso del 6 ottobre” non si è espresso in una galoppata verso la “riforma” giudiziaria, il saccheggio del tesoro, la distruzione della polizia, l’incitamento, la divisione e l’indebolimento di Israele al punto che i suoi nemici esterni hanno visto che i tempi erano maturi.

Il 6 ottobre ha simboleggiato solo una cosa: un’epoca in cui le forze della sanità mentale sono sorte per bloccare, con i loro corpi, la trasformazione di Israele in una dittatura sotto le spoglie di una pseudo-democrazia.

Sono passati nove mesi dalla devastazione del 7 ottobre e dalla sconfitta dell’8 ottobre nella Striscia di Gaza e nel nord di Israele. Siamo tornati al punto di partenza, o più precisamente a qualcosa di peggiore. I membri della coalizione sanno che il prossimo governo sarà molto diverso. Nei sondaggi di opinione, fanno parte di un governo di minoranza che, secondo le stime, otterrà solo 47 seggi su 120 alla Knesset. Questo li esime da una lotta per il cuore dell’opinione pubblica e da qualsiasi desiderio di una parvenza di governo decente o semplicemente di prendersi cura di tutti gli israeliani.

Al contrario. Stanno correndo all’impazzata. Saccheggiano, saccheggiano e nominano. Piazzano compari e cortigiani in ogni posizione che si libera e creano nuove posizioni per loro. Il colpo di stato giudiziario sta galoppando di nuovo, con gli steroidi. Yinon Magal di Channel 14 twitta che il cappio sta aspettando il procuratore generale Gali Baharav-Miara. Il ministro David Amsalem dichiara che il viceprocuratore generale Gil Limon è “la persona più pericolosa del Paese”. Il ministro della Giustizia Yariv Levin continua a rifiutare la nomina di giudici e di un presidente della Corte Suprema. Tutto questo è diretto dall’alto da Netanyahu. Questa settimana ha dichiarato: “In una democrazia, i guardiani sono il pubblico e gli elettori”. Non solo un imbroglione e un bugiardo, ma anche un fascista. Ai suoi ordini, i suoi ministri e i suoi portavoce stanno esaltando lo Shin Bet e lo Stato Maggiore dell’Idf. Lui stesso li accusa di esprimere “uno spirito di sconfitta”, nella migliore tradizione dei leader megalomani che spiegavano le loro sconfitte sui campi di battaglia con il disfattismo e il tradimento di generali senza spina dorsale.

Leggi anche:  Gaza, nuova strage di civili palestinesi durante i raid di Israele: 16 morti e decine di feriti

Il gabinetto di guerra è stato smantellato. Il gabinetto si riunisce solo per approvare le nomine e aggiornare i regolamenti di emergenza per limitare ulteriormente la democrazia e i diritti individuali. La Knesset si è ritirata per tre mesi (!). Gerusalemme e Cesarea sono diventate siti fortificati, con barricate e blocchi di cemento e cancelli di ferro.

All’esterno delle proprietà private della famiglia Netanyahu sono stati eretti alti muri e torri di avvistamento. Nuove recinzioni sono state erette intorno all’Ufficio del Primo Ministro e alla Knesset. Le forze di polizia calpestano violentemente il diritto di manifestare e la protesta antigovernativa.

Sotto la copertura della guerra infinita, in cui Netanyahu sta sacrificando i soldati, gli ostaggi e i residenti del nord, Israele non è più una vera democrazia. Il campo democratico deve quindi smettere di giocare. Dimettersi dalla Knesset. Scioperare l’economia e l’intero Paese. Passare alla disobbedienza civile, senza scuse. Imporre un assedio pubblico ai farabutti, finché non finiranno nel bidone della spazzatura della storia e non saranno processati per i loro crimini e le loro colpe. Altrimenti, non sopravviveremo.”

Attacco allo stato di diritto

A lanciare l’ennesimo allarme rosso, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, è Sami Peretz. Annota Peretz: “Questa settimana il Primo ministro Benjamin Netanyahu ha fatto una dichiarazione che spiega tutto dell’attuale governo: “In una democrazia, i guardiani sono il pubblico e gli elettori”. Ha fatto queste osservazioni durante una riunione di gabinetto alla quale hanno partecipato il procuratore generale Gali Baharav-Miara e il suo vice, Gil Limon. Il gabinetto stava discutendo la nomina del prossimo commissario del Servizio Civile.

Baharav-Miara ha detto che Netanyahu non poteva fare la nomina unilateralmente, ma doveva ottenere l’approvazione di un comitato di ricerca. Ciò è dovuto alla natura dell’incarico, che dovrebbe essere ricoperto da un funzionario indipendente e che lavori nell’interesse pubblico – non come yes-man del Primo Ministro. Le osservazioni di Netanyahu rivelano il suo vero desiderio, ovvero che i politici agiscano a loro piacimento, almeno per quanto riguarda le questioni che gli stanno a cuore. Non vuole un procuratore generale e un’Alta Corte di Giustizia che lo costringano a redigere un progetto per gli ultraortodossi; o un controllore dello Stato che gli chieda documenti sulla sua politica di rafforzamento di Hamas; o una commissione d’inchiesta statale guidata da un giudice che esamini i fallimenti che hanno portato al 7 ottobre; o un ragioniere generale o un procuratore generale che gli pongano domande sui soldi spesi dal governo per migliorare la sua casa privata. Soprattutto, non vuole che la polizia o la procura statale indaghino su di lui e presentino accuse penali contro di lui.

I costanti tentativi di questo governo di indebolire i guardiani sono iniziati fin dal momento in cui ha assunto il potere. Sono stati una caratteristica centrale del colpo di stato giudiziario che continua a perseguire, anche se Israele sta combattendo una guerra difficile e complicata da nove mesi e il governo ha perso da tempo la fiducia del pubblico. Sta agendo in totale opposizione all’interesse pubblico nel tentativo di approvare una legge che esenti gli ultraortodossi dal servizio di leva.

Leggi anche:  Una lettera di due pacifisti israeliani ai pacifisti europei su cui riflettere

Questo è l’uomo che ha detto “dobbiamo indagare sugli investigatori”, che si è presentato al suo processo accompagnato da un gruppo di ministri del Likud e di legislatori della Knesset in una dimostrazione di forza di stampo mafioso per intimidire i giudici, e che permette ai suoi cani da attacco verbale di tormentare i funzionari pubblici con l’affermazione antidemocratica che la maggioranza parlamentare è la cosa fondamentale. Egli sa benissimo che senza guardiani Israele diventerà un Paese del Terzo Mondo arretrato e corrotto, ma le sue considerazioni personali, legali e politiche superano questa preoccupazione. Sta facendo tutto ciò che è in suo potere per indebolirli.

Sa anche che, in assenza di guardiani efficaci, Israele sarà sottoposto a una maggiore supervisione internazionale e che il ruolo di guardiano si sposterà all’estero. Ciò che può decidere se il procuratore della Corte penale internazionale andrà avanti con il suo piano di emettere mandati di arresto per Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Gallant è il modo in cui la Corte valuterà la forza dei guardiani in Israele. Ma non si tratta solo della Corte dell’Aia; imponendo sanzioni ai coloni violenti, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti è diventato un altro guardiano per Israele, perché il sistema di applicazione della legge sotto il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir è visto come troppo pronto a guardare dall’altra parte.

Quando Netanyahu dice che “i guardiani sono il pubblico e gli elettori”, sta mentendo. Quando i membri del pubblico si schierano contro di lui e contro il suo golpe giudiziario, li chiama anarchici e suo figlio in esilio li paragona ai nazisti. La macchina del veleno lavora 24 ore su 24 per diffamare i manifestanti, comprese le famiglie degli ostaggi. Questo governo ha portato Israele a un livello terribilmente basso in ogni settore: diplomazia, sicurezza nazionale, economia e società. L’agenda è piena di problemi che il suo governo non ha idea di come risolvere: cosa succederà il “giorno dopo” a Gaza, come affrontare Hezbollah e l’Iran, il progetto ultraortodosso e l’alto costo della vita.

La coalizione di Netanyahu ha la maggioranza parlamentare, ma invece di usarla per rafforzare Israele, si impegna in rovinosi tentativi di aumentare il proprio potere sulle istituzioni statali e sui guardiani. La maggioranza dell’opinione pubblica vuole che il governo se ne vada. La stragrande maggioranza è interessata all’istituzione di una commissione d’inchiesta statale e all’uscita di scena di Netanyahu. Al primo ministro non resta che mettere in pratica le sue parole e lasciare che sia l’opinione pubblica a decidere con un’elezione”.

Il cinismo al potere

A rappresentarlo alla massima potenza distruttrice e discriminatoria è il ministro della Sicurezza nazionale e leader della destra più estrema: Itamar Ben-Gvir. Così un editoriale di Haaretz: A metà di quest’anno, 111 arabi israeliani sono stati uccisi. Nello stesso periodo del 2022 erano stati 46. I numeri parlano da soli e attestano un fallimento massiccio e irreversibile da parte della polizia e dell’uomo che ne è responsabile, il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir.

Leggi anche:  Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente

È difficile comprendere la situazione apocalittica delle città arabe, che è peggiorata all’ombra della guerra nella Striscia di Gaza. Ogni comunità ha una storia che incarna l’impotenza e la profondità della crisi. Le organizzazioni criminali hanno preso il controllo della vita nelle città arabe e hanno imposto un regno di terrore su di esse.

Ad esempio, a Jadeidi-Makr, le organizzazioni criminali stanno cercando di appropriarsi dell’appalto del governo locale per la raccolta dei rifiuti. Gli autisti dei camion che inizialmente si occupavano della rimozione della spazzatura hanno subito minacce da queste organizzazioni e sono stati colpiti da proiettili. “Temo per me stesso, perché i criminali non hanno più confini”, ha dichiarato il sindaco Sohil Malaham. “Se non vengono per te, verranno per tuo fratello” (Josh Breiner, Haaretz, 1° luglio).

Come Malaham, in varia misura quasi tutti gli arabi in Israele temono per la propria vita. Israele e il suo governo devono chiedersi come la comunità araba si sia trasformata in una zona di guerra in cui il ciclo di spargimento di sangue non ha fine. Non siamo a Baghdad, nell’Iraq in disgregazione, o a Idlib, nella Siria martoriata. La comunità araba di Israele non ha mai sperimentato il tipo di violenza e l’alto tasso di omicidi degli ultimi due anni.

Ancora peggio, il modo in cui questi omicidi vengono commessi è da brividi. A giugno, Rabia Araidi – il figlio di Naim Araidi, ex ambasciatore di Israele in Norvegia – è stato ucciso e il suo corpo smembrato è stato trovato in una città del nord. Questo ricorda il tipo di omicidi commessi dallo Stato Islamico. Le organizzazioni criminali si sono assunte la responsabilità di decapitarlo in una dichiarazione pubblicata sui social media.

Ben-Gvir è il principale responsabile di questo fallimento professionale e morale. La sua promessa di governabilità si è rivelata vuota. Con la sua ossessione di contare quante pitas ricevono i detenuti, ha lasciato un vuoto che è stato riempito dal crimine organizzato.

Ma il dito accusatore va puntato anche contro la polizia, la procura, i tribunali, altri ministeri e lo Shin Bet. Nel giugno 2022 è stato raggiunto un accordo sulle raccomandazioni del Ministero della Sicurezza Nazionale (allora Ministero della Pubblica Sicurezza) per “proteggere le persone minacciate nella comunità araba”. Da allora, però, non è stato fatto nulla.

Gli arabi sono cittadini dello Stato e hanno il diritto di sentirsi al sicuro nelle loro comunità e nelle loro case. I ministeri del governo e il Primo Ministro Benjamin Netanyahu hanno la responsabilità di porre fine a questa disfunzione. Senza una comprensione del problema della criminalità e senza un’attenzione professionale approfondita e persistente, questa è una condanna a morte per la comunità araba”.

Una condanna in atto, aggiungiamo noi, che ha come “giudice” un uomo che invece che ai margini della politica di quella che si considera ancora l’”unica democrazia in Medio Oriente”, ne è uno dei dominus. Un fascista di nome Itamar Ben-Gvir. 

Native

Articoli correlati