Il tragico paradosso israeliano: e se il successore di Netanyahu fosse peggiore dell'attuale guerrafondaio?
Top

Il tragico paradosso israeliano: e se il successore di Netanyahu fosse peggiore dell'attuale guerrafondaio?

Un paradosso che condensa la deriva della politica israeliana che Globalist ha raccontato ben prima del 7 ottobre 2023, inizio della guerra di Gaza. 

Il tragico paradosso israeliano: e se il successore di Netanyahu fosse peggiore dell'attuale guerrafondaio?
Benjamin Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

17 Giugno 2024 - 13.59


ATF

Il tragico paradosso israeliano: e se il successore del nefasto Netanyahu fosse peggiore del “re” defenestrato?

Paradosso israeliano

Un paradosso che condensa la deriva della politica israeliana che Globalist ha raccontato ben prima del 7 ottobre 2023, inizio della guerra di Gaza. 

A scriverne, su Haaretz, è Odeh Bisharat. “Un amico, di cui apprezzo la saggezza, mi ha scritto che ha la sensazione che Shas si dimetterà dal governo e che la coalizione del Primo Ministro Benjamin Netanyahu si schianterà presto. Ho risposto: “Dalla tua bocca alle orecchie di Dio”. Ma poi, riflettendo un po’, ho avuto una spiacevole sorpresa.

Mi sono chiesto chi sostituirà Netanyahu. Dopo tutto, nell’opposizione ci sono persone che sulla questione diplomatica non sono meno estremiste del ministro delle Finanze Bezalel Smotrich – come i deputati Gideon Sa’ar e Avigdor Lieberman, per esempio.

Almeno nel contesto attuale, il campo soprannominato “anti-Bibi” è molto ampio e, secondo i sondaggi, anche senza i deputati arabi, ha buone possibilità di formare un futuro governo. Ma la verità è che una percentuale rispettabile di questo campo è fortemente nel campo di Bibi in termini di ideologia – a favore del Grande Israele, della continuazione della guerra e dell’uso della forza. Pertanto, con una logica capovolta, la scomparsa di Bibi aiuterebbe il suo campo ideologico ad espandersi. Senza di lui, il campo potrebbe diventare meno corrotto, ma più estremo. In effetti, non dobbiamo aspettare che Bibi lasci la politica. Il deputato Ahmad Tibi ha dichiarato la scorsa settimana dal palco della Knesset: “Oltre l’80% dei voti sono coordinati tra l’opposizione e la coalizione; alle 20 o alle 21 questa assemblea generale si svuota per consenso”. Una situazione simile si può percepire per strada. Nella Giornata di Gerusalemme di due settimane fa, migliaia di fanatici ebrei hanno commercializzato a squarciagola la loro merce antiaraba e antidemocratica, alcuni anche in modo violento. D’altra parte, che sfortuna, la stragrande maggioranza del campo dell’opposizione era assente. Mi aspettavo che tutti i portabandiera della democrazia si alzassero e si opponessero a quest’onda torbida, sfruttando l’occasione per eliminare il pesante fardello chiamato “Giornata della Riunificazione di Gerusalemme” – una riunificazione che sottopone 400.000 palestinesi all’egemonia dello Stato ebraico.

Il problema è che le masse scese in piazza hanno dimenticato di comporre una piattaforma, e la loro nave è carica di ideologia obsoleta, “un dunam qui e un dunam là”, “la nostra terra ancestrale” e così via, e se i passeggeri della nave non gettano subito in mare questo carico dannoso, si ritroveranno nelle profondità dell’oceano; la loro nave affonderà nell’oceano di Smotrich.

Nell’oceano di Smotrich non c’è pietà. In questo oceano si possono sacrificare gli ostaggi per il bene della Grande Israele; in questo oceano torbido il 7 ottobre è un’opportunità per realizzare la visione messianica – “Prima di tutto, buona festa”, ha salutato i ministri il 7 ottobre il ministro delle Missioni nazionali Orit Strock. Chiunque abbia gli occhi in testa sa che coloro che hanno ballato e cantato canzoni orribili davanti alle case arabe sono le stesse truppe fasciste che stanno cercando con tutte le loro forze di affondare la nave degli oppositori della revisione giudiziaria. Coloro che cantano “Che il tuo villaggio bruci” sono nemici di coloro che protestano in Kaplan Street a Tel Aviv e nemici delle famiglie degli ostaggi. Non solo: si può percepire il collegamento tra l’attacco contro gli arabi a Gerusalemme Est e l’attacco della polizia contro ha salutato i ministri il 7 ottobre.

Il problema della protesta è che si tratta di entrambe le cose: democrazia e militarismo. Sia contro Bibi che a favore degli slogan del suo campo. E se c’è qualcosa che distrugge una protesta, qualsiasi protesta, è la sindrome di “entrambi”. Può aver funzionato all’inizio, ma poi bisogna passare a una piattaforma chiara, e soprattutto presentare la filosofia della protesta, o parte di essa, per quanto riguarda il giorno dopo. Senza questo, si dissolverà e perderà il diritto di esistere.

Netanyahu è riuscito a focalizzare la discussione su una questione importante ma marginale: la “condivisione dell’onere [militare]”, e su questo tema dovreste leggere l’articolo di Yagil Levy nell’edizione ebraica di Haaretz di domenica. Ebbene, si tratta di una “discussione da poveri” perché la lotta cruciale si conclude “il giorno dopo”.

Leggi anche:  Starmer chiama Netanyahu per sottolineare la "chiara e urgente necessità di un cessate il fuoco"

Se troveremo la formula giusta, la questione del “fardello” sembrerà minuscola. Ma quando si tratterà di discutere del “giorno dopo” non si sentirà nemmeno un sussurro da parte della maggior parte degli esperti. Al momento l’unica voce che si sente è la terribile filosofia di Smotrich, in altre parole, altri 100 anni di conflitto sanguinoso. Almeno”.

La paralisi dell’opposizione

Spesso in politica la forza di chi vince risiede nella debolezza dei competitori piuttosto che sulla capacità attrattiva della proposta avanzata.

Così è nel caso d’Israele. Rimarca, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Ygal Levy: “Nella guerra di Gaza, la paralisi dell’opposizione è evidente alla luce degli obiettivi della guerra e del modo in cui viene condotta. La vaga e fallita richiesta di liberazione degli ostaggi è l’unica opposizione. È evidente anche l’assenza di una protesta che nasca dalla sensibilità verso i caduti e i futuri caduti.

Una tale protesta potrebbe mettere in discussione la continuità della guerra, e ci sono già state campagne simili: “La famiglia Beaufort” nella Prima guerra del Libano, “Genitori contro il silenzio” nella guerra di logoramento in Libano fino al ritiro del 1985, il movimento “Quattro madri”, nato dopo il disastro dell’elicottero del 1997 e che ha contribuito al ritiro, e, infine, il movimento “Ritorno”, fondato nel 2004 per protestare contro la morte inutile dei soldati nella Striscia di Gaza.

È difficile prevedere lo sviluppo della sensibilità verso i soldati caduti, che emergerebbe dalla protesta attuale in un momento in cui l’opinione pubblica è chiamata a sostenere una guerra percepita come esistenziale. Anche il centro-sinistra sta dando prova di patriottismo, per evitare di essere accusato di essere responsabile del massacro del 7 ottobre a causa della sua protesta contro il golpe giudiziario. Ma c’è un altro fattore chiave, ed è la composizione sociale delle forze di terra.

Una protesta per il lutto che contesti la continuazione della guerra è suscettibile di emergere principalmente dalla classe media laica. Questo è il denominatore comune dei movimenti precedenti. È la classe con le risorse, il coraggio e l’ideologia appropriata. Ma la sua percentuale tra le forze di terra sta diminuendo, come dimostra anche il numero dei caduti: da circa due terzi nella Prima guerra del Libano a circa un terzo nell’operazione di terra a Gaza.

L’assottigliamento della massa di questa classe sulla mappa delle vittime attuali si traduce in un potenziale di protesta più debole. Lo abbiamo visto nella Seconda guerra del Libano, dove, sebbene l’assottigliamento di questa massa sia stato minore, abbiamo visto già allora i primi segni di una crescente protesta da parte di diversi gruppi sociali, affiliati alla destra, una protesta che non contesta gli obiettivi della guerra ma il fallimento della sua esecuzione.

Ora si sta sviluppando anche la protesta di destra, che si riflette nei messaggi combattivi dei riservisti e dei genitori che protestano contro il rischio eccessivo per i loro figli, apparentemente a causa dei coloni di Gaza e delle loro proprietà.

La protesta della sinistra è appena accennata. Ma le circostanze sono diverse, visto il prolungarsi della guerra, nonostante il suo fallimento, e il sospetto che essa serva interessi inaccettabili. Non è forse ragionevole che tra le decine di genitori della classe media laica – che sono ancora un elemento importante dell’élite professionale e istruita di Israele – che hanno perso i figli, ci siano quelli che capiscono che il loro silenzio fino ad ora ha causato la morte inutile di soldati, per non parlare delle morti di massa dall’altra parte?

Non c’è tra loro chi si rende conto che una guerra senza un obiettivo diplomatico è destinata al fallimento e a continui sacrifici in futuro? Forse tra loro c’è chi è colpito dal peccato di omertà che ha permesso alla leadership di trattare le vite dei soldati come risorse pronte e poco costose, in particolare quando la leadership può contare, a ragione, sul fatto che per i genitori di famiglie religiose, immigrate e operaie, la morte militare è fonte di orgoglio, non di resistenza? In queste circostanze, le élite israeliane hanno una responsabilità maggiore.

Leggi anche:  Starmer chiama Netanyahu per sottolineare la "chiara e urgente necessità di un cessate il fuoco"

In un regime di coscrizione obbligatoria, hanno la responsabilità di servire i loro figli e le loro figlie, e i figli e le figlie di altri gruppi sociali, che umilmente, se non con orgoglio, accettano la morte militare”.

L’informazione calza l’elmetto e nega se stessa

Michael Sfard, avvocato, è specializzato in leggi di guerra e diritto internazionale umanitario.

Di grande interesse è la sua analisi su Haaretz: “La divisione giornalistica di una televisione israeliana sta lavorando a un’importante inchiesta che esamina la politica di fuoco aperto dell’esercito israeliano nella guerra di Gaza. I giornalisti stanno cercando di capire come mai così tanti gazesi, tra cui decine di migliaia di bambini e donne, siano stati uccisi dagli attacchi aerei e dall’artiglieria israeliana.

I giornalisti si stanno impegnando al massimo, temendo che il concorrente faccia uno scoop con un’inchiesta a cui i suoi stessi reporter hanno lavorato: Esporre le delibere dello Stato Maggiore e del gabinetto di guerra, che hanno approvato il bombardamento di ospedali, fabbriche di cibo e scuole, nonché di edifici accademici e governativi, per trasformare la Striscia di Gaza in un cumulo di rifiuti edili. È molto probabile che questi reportage d’inchiesta vadano in onda nei prossimi giorni e scatenino un terremoto in Israele.

Beh, non proprio. Nessuna indagine e nessun terremoto. Devo aver avuto le allucinazioni per il caldo pre-estivo. Il massimo trattamento “giornalistico” del bombardamento di Gaza che possiamo aspettarci dai media mainstream israeliani è la storia di un ufficiale di artiglieria che, il 7 ottobre, stava sciando all’estero con i colleghi della sua formazione e ha immediatamente lasciato il resort, attraversato le Alpi a piedi, ha preso un passaggio fino alla riva con dei neonazisti che non sapevano che fosse ebreo, e ha attraversato il Mediterraneo a nuoto per presentarsi alla base di riserva dove presta servizio – senza nemmeno salutare la sua famiglia. Oggi bombarda i gazawi.

Le lacrime degli spettatori sono riservate alla fine della pubblicità, quando vediamo il commovente ricongiungimento dell’ufficiale con la figlia di 3 anni, venuta a trovarlo alla base.

Quando il conflitto israelo-palestinese finirà e saranno istituite commissioni per la verità e la riconciliazione, mi candiderò come procuratore nella commissione che esamina la responsabilità dei media israeliani per i crimini dell’occupazione, dell’apartheid e delle guerre su Gaza. (Non esiste un pubblico ministero nelle commissioni per la verità e la riconciliazione, ma vorrei discostarmi per un momento dal modello sudafricano).

Immagino che, su mia richiesta, la commissione convocherà i redattori e i conduttori dei telegiornali e dei programmi di attualità, così come i reporter e i commentatori militari, per spiegare alcune caratteristiche della loro copertura dell’occupazione, in particolare dell’attuale guerra a Gaza.

Ci spieghino, ad esempio, in che modo la loro etica e la loro deontologia professionale si conciliano con la vergognosa decisione di nascondere agli israeliani la documentazione di ciò che sta accadendo nella Striscia.

Non solo ci vengono nascoste le immagini delle sofferenze dei gazawi, ma non ci sono nemmeno interviste ai gazawi. Sette mesi in cui Israele ha sfollato, bombardato, affamato, ucciso, schiacciato e ammassato circa 2 milioni di persone – e sui canali israeliani non c’è nulla. Assolutamente nulla. Hanno deciso che il pubblico non ha bisogno di vedere e sentire ciò che stiamo infliggendo alla popolazione di Gaza. Poi gli israeliani sono scioccati da ciò che si dice di noi nelle capitali occidentali, dove i media credono ancora che il loro compito sia quello di rivelare, non di nascondere.

Chiederò anche che gli alti esponenti dei media israeliani spieghino perché le opinioni contrarie alla guerra – non solo alla strategia militare ma anche alla distruzione di Gaza come risposta ai crimini del 7 ottobre – sono state completamente escluse dagli studi. Com’è possibile che gli studios si siano assuefatti ai generali in pensione, al portavoce militare e a vari incitatori ai crimini di guerra, ma non si discuta della moralità del tipo di guerra che stiamo conducendo? L’accusa che mi sento di rivolgere è che il consenso, l’acceso nazionalismo e il mero kitsch siano i principi che hanno caratterizzato le loro trasmissioni.

Leggi anche:  Starmer chiama Netanyahu per sottolineare la "chiara e urgente necessità di un cessate il fuoco"

Poi c’è la stupefacente mancanza di copertura dei crimini dei coloni in Cisgiordania. Qualsiasi studente israeliano che si senta guardato in modo strano in un campus all’estero può ottenere un’intervista accattivante, ma 18 comunità palestinesi sradicate dalla loro terra negli ultimi sei mesi da violente bande di terroristi ebrei ricevono zero minuti. La violenza dei coloni, che gode della protezione dell’esercito ed è quindi violenza di Stato, è ai massimi storici, mentre il canale di informazione più popolare si concentra su un attacco populista a un accademico palestinese che è stato arrestato per motivi di cui i sovietici si sarebbero vergognati.

Vorrei anche chiedere ai redattori come mai, quando Hagar Shezaf di Haaretz ha rivelato il 7 marzo che 27 detenuti di Gaza erano morti in custodia presso le strutture militari israeliane dall’inizio della guerra, nessun redattore ha ripreso questa notizia orribile o si è preoccupato di mandare i giornalisti a chiedere all’esercito e al governo perché i gazawi cadevano come mosche nelle nostre strutture di detenzione. E naturalmente nessuno ha esaminato cosa stesse accadendo in una prigione che si sta rivelando una camera di tortura israeliana. Oh, questo è un lavoro per la CNN.

E naturalmente cercherei di capire cosa passa per la testa dei media mainstream quando, invece di lottare come leoni per la libertà di espressione – che è la base di tutto il loro lavoro – e di denunciare la chiusura di al-Jazeera in Israele, le star dei media stanno conducendo una campagna per mettere a tacere questa rete a causa della sua parzialità (una parzialità che, anche se ovviamente opposta, è completamente simmetrica a quella delle stazioni israeliane).

Prendiamo Danny Kushmaro di Canale 12, che ha chiesto più volte: “Com’è possibile che questo canale trasmetta ancora da Israele?”. Oppure Oded Ben-Ami e Amit Segal, che il giorno in cui è stato emesso l’ordine di chiusura di al-Jazeera hanno detto che Israele è un fesso rispetto ai Paesi arabi che hanno bloccato le trasmissioni del network con sede in Qatar molto tempo fa. Vorrei chiedere loro quanto possano mancare di autocoscienza, queste persone dei media che sostengono la chiusura di Al Jazeera, quando loro stessi, i reporter e i redattori del Canale 12, vengono chiamati dai bibi-isti “al- Jazeera 12“.

“Così, anche se alcuni media possono essersi opposti al governo”, ha scritto la Commissione sudafricana per la verità e la riconciliazione sul ruolo dei media nei crimini dell’apartheid, “il sistema sociale e politico creato dall’apartheid è stato sancito dai media. I media hanno analizzato la società dall’interno di quel sistema e non hanno fornito prospettive e discorsi alternativi dall’esterno”.

Siamo in un altro luogo e in un altro momento, ma questa formulazione esprime con precisione anche la responsabilità dei media israeliani nei crimini dell’occupazione israeliana. Traduciamo questo passaggio in israeliano:

“Anche se alcune parti dei media possono essersi opposte al governo e al suo leader, il sistema sociale e politico creato dall’occupazione israeliana e il suo progetto intensivo di insediamento, soprattutto la cancellazione della Linea Verde, l’etichettatura di qualsiasi critica alle mosse di Israele come antisemita, l’affermazione che l’esercito israeliano è un esercito morale e persino “il più morale del mondo” e, in larga misura, la nozione di superiorità ebraica e la disumanizzazione dei palestinesi sono stati sanciti dai media israeliani. I media israeliani hanno analizzato la realtà e la società dalla prospettiva etnocentrica ebraica e non hanno fornito punti di vista alternativi”.

 Siete convinti che i media abbiano molto da spiegare? Aspettate di parlare del sistema giudiziario israeliano”.

Native

Articoli correlati