Steve Bannon andrà in prigione a luglio per non aver testimoniato al Congresso: lui annuncia ricorsi
Top

Steve Bannon andrà in prigione a luglio per non aver testimoniato al Congresso: lui annuncia ricorsi

Steve Bannon, alleato di lunga data dell'ex presidente Donald Trump, dovrà presentarsi in prigione entro il 1° luglio per scontare la sua pena di quattro mesi

Steve Bannon andrà in prigione a luglio per non aver testimoniato al Congresso: lui annuncia ricorsi
Steve Bannon
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Giugno 2024 - 22.44


ATF

Steve Bannon, alleato di lunga data dell’ex presidente Donald Trump, dovrà presentarsi in prigione entro il 1° luglio per scontare la sua pena di quattro mesi per aver sfidato un mandato di comparizione del comitato della Camera che indagava sull’insurrezione del Campidoglio degli Stati Uniti, ha stabilito giovedì un giudice federale.

Il giudice distrettuale americano Carl Nichols a Washington ha accolto la richiesta del Dipartimento di Giustizia di far iniziare la pena detentiva a Bannon dopo che una commissione della corte d’appello federale il mese scorso ha confermato il suo oltraggio alla condanna del Congresso.

Si prevede che Bannon cercherà di sospendere l’ordine del giudice, il che potrebbe ritardare la data della sua consegna.

«Ho ottimi avvocati e, se necessario, andremo fino alla Corte Suprema», ha detto Bannon ai giornalisti fuori dal tribunale. Ha aggiunto: «Non esiste una prigione costruita o un carcere costruito che mi farà mai tacere».

Giovedì, in un post sui social media, Trump ha accusato i pubblici ministeri di voler «disperatamente» incarcerare Bannon. Trump ha ribadito la sua affermazione secondo cui i repubblicani sono perseguitati da un sistema giudiziario motivato politicamente – retorica che si è intensificata sulla scia della condanna del presunto candidato repubblicano alla presidenza la scorsa settimana per 34 accuse di crimini nel suo processo segreto a New York.

Leggi anche:  Bannon esulta per l'avanzata dell'estrema destra in Europa e vede un segnale per la vittoria di Trump

Nichols, il giudice che ha ordinato a Bannon di presentarsi in prigione, è stato nominato giudice da Trump nel 2018.

Bannon è stato condannato quasi due anni fa per due capi d’accusa di oltraggio al Congresso: uno per essersi rifiutato di presentare una deposizione davanti alla commissione della Camera del 6 gennaio e l’altro per essersi rifiutato di fornire documenti relativi al suo coinvolgimento negli sforzi di Trump per ribaltare le sue presidenziali del 2020. sconfitta elettorale contro il democratico Joe Biden.

Native

Articoli correlati