Israele e la guerra di Gaza, psicodramma nazionale
Top

Israele e la guerra di Gaza, psicodramma nazionale

La guerra di Gaza, psicodramma nazionale per Israele. Qualcosa che travalica abbondantemente la sfera della politica e entra in una dimensione ancora più complessa, che inerisce alla psicologia di una nazione.

Israele e la guerra di Gaza, psicodramma nazionale
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

5 Giugno 2024 - 13.59


ATF

La guerra di Gaza, psicodramma nazionale per Israele. Qualcosa che travalica abbondantemente la sfera della politica e entra in una dimensione ancora più complessa, che inerisce alla psicologia di una nazione. Un accadimento che chiama in causa, prepotentemente, la sfera dei sentimenti, interroga la memoria storica del popolo ebraico, incrocia problematiche irrisolte sull’identità stessa dello Stato d’Israele.

Psicodramma nazionale

Di grande rilievo, in proposito, sono i contributi di due analisti di Haaretz: Yagil Levy e B.Michaele.

Annota Levy: “Nella guerra di Gaza, la paralisi dell’opposizione è evidente alla luce degli obiettivi della guerra e del modo in cui viene condotta. La vaga e fallita richiesta di liberazione degli ostaggi è l’unica opposizione. È evidente anche l’assenza di una protesta che nasca dalla sensibilità verso i caduti e i futuri caduti.

Una tale protesta potrebbe mettere in discussione la continuità della guerra, e ci sono già state campagne simili: “La famiglia Beaufort” nella Prima guerra del Libano, “Genitori contro il silenzio” nella guerra di logoramento in Libano fino al ritiro del 1985, il movimento “Quattro madri”, nato dopo il disastro dell’elicottero del 1997 e che ha contribuito al ritiro, e, infine, il movimento “Ritorno”, fondato nel 2004 per protestare contro la morte inutile dei soldati nella Striscia di Gaza. È difficile prevedere lo sviluppo della sensibilità verso i soldati caduti, che emergerebbe dalla protesta attuale in un momento in cui l’opinione pubblica è chiamata a sostenere una guerra percepita come esistenziale. Anche il centro-sinistra sta dando prova di patriottismo, per evitare di essere accusato di essere responsabile del massacro del 7 ottobre a causa della sua protesta contro il golpe giudiziario. Ma c’è un altro fattore chiave, ed è la composizione sociale delle forze di terra. Una protesta per il lutto che contesti la continuazione della guerra potrebbe emergere soprattutto dalla classe media laica. Questo è il denominatore comune dei movimenti precedenti. È la classe con le risorse, il coraggio e l’ideologia appropriata. Ma la sua percentuale tra le forze di terra sta diminuendo, come dimostra anche il numero dei caduti: da circa due terzi nella Prima guerra del Libano a circa un terzo nell’operazione di terra a Gaza. L’assottigliamento della massa di questa classe sulla mappa delle vittime attuali si traduce in un potenziale di protesta più debole. Lo abbiamo visto nella Seconda guerra del Libano, dove, sebbene l’assottigliamento di questa massa sia stato minore, abbiamo visto già allora i primi segni di una crescente protesta da parte di diversi gruppi sociali, affiliati alla destra, una protesta che non contesta gli obiettivi della guerra ma il fallimento della sua esecuzione. Ora si sta sviluppando anche la protesta di destra, che si riflette nei messaggi combattivi dei riservisti e dei genitori che protestano contro il rischio eccessivo per i loro figli, apparentemente a causa dei coloni di Gaza e delle loro proprietà.

Leggi anche:  Israele: la Knesset approva una legge che vieta la creazione di uno Stato di Palestina

La protesta della sinistra è appena accennata. Ma le circostanze sono diverse, visto il prolungarsi della guerra, nonostante il suo fallimento, e il sospetto che essa serva interessi inaccettabili. Non è forse ragionevole che tra le decine di genitori della classe media laica – che sono ancora un elemento importante dell’élite professionale e istruita di Israele – che hanno perso i figli, ci siano quelli che capiscono che il loro silenzio finora ha causato la morte inutile di soldati, per non parlare delle morti di massa dall’altra parte?

Non c’è forse tra loro chi si rende conto che una guerra senza un obiettivo diplomatico è destinata al fallimento e a continui sacrifici in futuro? Forse tra loro c’è chi è colpito dal peccato di omertà che ha permesso alla leadership di trattare le vite dei soldati come risorse pronte e poco costose, in particolare quando la leadership può contare, a ragione, sul fatto che per i genitori di famiglie religiose, immigrate e operaie, la morte militare è un motivo di orgoglio, non di resistenza? In queste circostanze, le élite israeliane hanno una responsabilità maggiore. In un regime di coscrizione obbligatoria, essi hanno la responsabilità di servire i loro figli e le loro figlie, e i figli e le figlie di altri gruppi sociali, che accettano umilmente, se non con orgoglio, la morte militare”.

Così Yagil Levy.

Visioni messianiche

Le declina, con pungente acume, B.Michael. “C’è un detto aramaico nel Talmud che dice che, secondo la halakha (la legge religiosa ebraica), bisogna evitare che i credenti siano colti, per carità, da pensieri eretici quando riflettono su atti di Dio in cui non è facile trovare qualcosa di buono: l’Olocausto, per esempio. O i piedi piatti. La leucemia infantile. Il ministro David Amsalem. Hiroshima. Zanzare. Le mafie. Intelligenza artificiale. Non è facile trovare un briciolo di bene divino in nessuno di essi.

Leggi anche:  Cosa c'entra Anna Frank con la guerra di Gaza? Una riflessione da Israele

Lo stesso vale per la situazione attuale del Paese conosciuto come Stato ebraico. A quanto pare, è un Paese di persone scelte da Dio. I suoi figli più cari. Eppure, sembra uno straccio non lavato. Violento, feroce, corrotto, razzista e patetico. Dov’è il bene promesso da Dio? La maggior parte dei responsabili della situazione è opera del Padrone dell’Universo: gli ultraortodossi nella loro ingordigia, gli ultraortodossi sionisti nella loro malvagità, i mesessianisti nella loro retorica, gli oziosi nella loro pigrizia, gli sciovinisti nel loro razzismo e i bibi-isti nella loro follia. Nessuno di loro produce altro che disgrazia e disintegrazione del Paese. Dov’è esattamente il bene celeste che si nasconde in loro? Ma poiché la halakha mi impone (sono un ebreo!) di arrendermi all’esistenza del bene divino, non ho alzato subito le mani. Mi sono grattato e grattato la fronte. Mi sono impegnato a fondo e credo di averlo trovato: Dunque, come è noto, il Santo, che sia benedetto, è un’entità di lunghissima data. Forse addirittura prima del Big Bang. In ogni caso, le cronache complete del suo popolo eletto sono sparse davanti a lui. E questo perspicace Maestro dell’Universo ha scoperto qualcosa di interessante e problematico. Ogni volta che il popolo ebraico cerca di fondare uno Stato “ebraico” per sé, il tentativo finisce con la testa contro il muro e la catastrofe. Così è stato nel periodo del Primo Tempio, così è stato con la dinastia asmonea, così è stato durante il Secondo Tempio e la brevissima rivolta di Bar Kokhba. Ogni volta si trattava di indipendenza, poi di uno Stato, poi di una catastrofe. Non per niente il nostro Maestro mandò i suoi saggi a impedire ogni tentativo di ritorno e di fondazione di uno Stato “ebraico”. Il compito di fondare lo Stato è stato affidato per sempre al Messia (che verrà solo alla fine dei giorni, come ricorda la preghiera mattutina shaharit).

Leggi anche:  Israele: come combattere la strategia della negazione

Eppure, sta accadendo di nuovo. Gli ebrei ci stanno riprovando. Ancora una volta stanno fondando uno Stato e ancora una volta lo chiamano “ebraico” e ancora una volta la testa è vicina a scontrarsi con il muro. Di nuovo c’è un sentore di distruzione nell’aria. Oy vey. Il Santo, che sia benedetto, è naturalmente accorso in soccorso. I suoi angeli del sabotaggio hanno prontamente messo in piedi l’“impresa degli insediamenti”, i partiti religiosi e l’idea che lo Stato debba comprendere l’intera Terra d’Israele. Hanno incoronato Benjamin Netanyahu e gli ultraortodossi e hanno reso la plebaglia adeguatamente stupida. Tutto questo faceva parte di uno sforzo per accelerare la disintegrazione e quindi prevenire la vera catastrofe che si sta avvicinando. Tutto il resto è storia.

Di conseguenza, dovremmo smettere di arrabbiarci con questi agenti di distruzione. Stanno solo facendo la volontà del loro padre nei cieli. Stanno cercando ancora una volta di insegnare agli ebrei che uno Stato “ebraico” non è stata un’idea di grande successo. Creare un Paese normale, sano e illuminato, come quello descritto nel romanzo di Theodor Herzl “Altneuland”? Assolutamente sì. Ma uno Stato “ebraico”? Come quello in cui stiamo affogando ora? Dio abbia pietà di noi e ci salvi. E per concludere, due commenti sugli eventi attuali. In primo luogo, non c’è motivo di temere che il piano di cessate il fuoco proposto dal presidente americano Joe Biden impedisca agli agenti di Dio di compiere la loro missione. Secondo loro, tutti gli intrighi del presidente americano non sono altro che una piccola piega nel tallit.

In secondo luogo, non dovremmo deridere l’affermazione degli ultraortodossi secondo cui lo studio della Torah salva le vite. È vero. Lo studio della Torah salva sicuramente delle vite. Soprattutto la vita di coloro che la studiano a tempo pieno. Non sono molte le madri che hanno visto uccidere i propri figli nelle tende della Torah. E tanto di cappello a loro per questo”.

Native

Articoli correlati