Israele, riuscirà Gallant dove ha fallito Biden?
Top

Israele, riuscirà Gallant dove ha fallito Biden?

Sarà dunque il “fuoco amico” a eliminare politicamente Benjamin Netanyahu? In altre parole, Yoav Gallant riuscirà laddove sembra aver fallito anche il presidente dell’iperpotenza mondiale, Joe Biden?

Israele, riuscirà Gallant dove ha fallito Biden?
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

16 Maggio 2024 - 13.14


ATF

Sarà dunque il “fuoco amico” a eliminare politicamente Benjamin Netanyahu? In altre parole, Yoav Gallant riuscirà laddove sembra aver fallito anche il presidente dell’iperpotenza mondiale, Joe Biden?

Gallant all’attacco

Ne scrive Harretz in un editoriale “pepato”: “Con raro coraggio civile per un membro del partito Likud di Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Gallant ha convocato una conferenza stampa mercoledì in cui ha dichiarato che non avrebbe permesso l’istituzione del dominio militare nella Striscia di Gaza e ha chiesto un dibattito sostanziale su “il giorno dopo”.

“La fine della campagna militare deve essere un atto politico. Il giorno dopo Hamas sarà raggiunto solo attraverso il dominio di elementi palestinesi che formano un’alternativa a Hamas. Soprattutto, questo è un interesse israeliano. Sfortunatamente, nessun piano di questo tipo è stato portato in discussione e, peggio ancora, non è stata presentata alcuna alternativa al suo posto”. Le osservazioni di Gallant dovrebbero essere di grave preoccupazione per i cittadini israeliani. Il ministro della Difesa ha detto di aver chiesto più e più volte che si tenesse un dibattito sulle alternative a Hamas, ma la sua richiesta non è stata soddisfatta. Ha anche sottolineato che “non prendere una decisione equivale a una pericolosa decisione di installare il governo militare e civile israeliano nella Striscia di Gaza”. In altre parole, Netanyahu, attraverso la sua riluttanza a tenere un dibattito il giorno dopo, sta portando Israele alla peggiore realtà politica possibile immaginabile: invertire il disimpegno.

Gallant ha dichiarato ciò che gli americani hanno gridato per mesi: il rifiuto di Israele di discutere del giorno dopo significa che la guerra si trascinerà. Mercoledì, Il Segretario di Stato Usa Anthony Blinken ha ancora una volta invitato Israele a formulare un piano chiaro per il futuro di Gaza e ha avvertito che non dobbiamo raggiungere un vuoto di potere che porta al caos.

Questa è la seconda volta che Gallant si è assunto l’onere presentare la realtà a un governo “negazionista”, uso a gettare sabbia negli occhi del pubblico ed esporre il paese a pericoli esistenziali. Questa volta, proprio come era già accaduto, , i suoi colleghi del governo lo hanno ripagato chiedendo il suo licenziamento. Con loro, questo è quello che succede quando qualcuno osa dire la verità. Tutti i soliti sospetti dell’estrema destra si sono scagliati contro di lui: Itamar Ben-Gvir, Shlomo Karhi, Bezalel Smotrich, Yariv Levin e Orit Strock

Il pubblico deve decidere di chi si fida: deve scegliere tra la banda di estremisti guidata da Netanyahu che ha fatto precipitare Israele nella peggiore crisi della sua storia, o quelli che hanno cercato di fermarli prima del 7 ottobre e ora stanno avvertendo il pubblico di nuovi pericoli.

“È nostro dovere portare il paese in un posto migliore ora, questo è il nostro compito. Dobbiamo prendere decisioni difficili e preferire l’interesse nazionale anche se ci sono costi politici da pagare”, ha detto Gallant.

Le sue osservazioni sono un’ulteriore prova dei pericolo che il governo Netanyahu rappresenta per il futuro di Israele e sottolineano quanto sia urgente che il primo ministro venga sostituito”.

Corsa contro il tempo

Amos Harel è ritenuto, a ragioni, uno dei più equilibrati e documentati analisti politici israeliani. A riprova è l’analisi del momento che delinea sul quotidiano progressista di Tel Aviv: “: Per la prima volta, mercoledì sera, il ministro della Difesa Yoav Gallant ha parlato pubblicamente contro la politica guidata dal primo ministro Benjamin Netanyahu.

Leggi anche:  Gaza, l'estremista di destra Smotrich non vuole la fine della guerra e attacca Gantz

Ha avvertito che il rifiuto di Netanyahu di discutere la creazione di un’alternativa al dominio di Hamas a Gaza potrebbe invertire i risultati militari delle forze di difesa israeliane nella guerra e portare Israele ad essere risucchiato in un lungo e lungo soggiorno nella Striscia. Il ministro della Difesa ha delineato uno scenario in cui Israele potrebbe essere costretto al dominio militare a Gaza e in una guerra lunga, pericolosa e costosa. Le dichiarazioni di Gallant sono illustrative della crescente spaccatura tra la leadership politica e della difesa negli ultimi mesi.

Gallant ha invitato Netanyahu a non assumere   il controllo civile della Striscia. Ha proposto una leadership palestinese alternativa a Gaza (un suggerimento sul coinvolgimento dell’Autorità palestinese nella gestione dell’enclave, anche se non l’ha espressamente menzionata per nome). Netanyahu ha respinto inequivocabilmente questa idea, dal momento che è tenuto prigioniero dai suoi partner estremisti della coalizione di destra.

Tuttavia, questa è in una certa misura un argomento sulla pelle di un orso che deve ancora essere ucciso. L’AP non è quasi seduta in attesa di una richiesta israeliana per assumere un ruolo di primo piano nella gestione di Gaza. In ogni caso, si può anche supporre che Hamas sia ancora abbastanza forte da porre ostacoli sufficienti per impedire che un tale scenario si svolga. Tuttavia, il segnale di avvertimento dato da Gallant è di grande importanza.

La dichiarazione di Gallant contraddiceva le osservazioni fatte dal primo ministro in un messaggio registrato solo poche ore prima. Netanyahu ha promesso che Israele avrebbe combattuto Hamas fino alla fine e ha detto che non aveva senso discutere il ‘giorno dopo’ “fino a quando l’organizzazione terroristica non fosse stata sconfitta e rimossa dal potere a Gaza.

Subito dopo che Gallant ha fatto la sua dichiarazione, Netanyahu ha rilasciato un nuovo videomessaggio dicendo che non avrebbe accettato di sostituire “Hamastan con Fatahstan”. I parlamentari del Likud e il blocco estremista di destra della coalizione si sono uniti agli attacchi. Si può supporre che Hamas stia guardando la divisione aperta tra la leadership israeliana con un certo interesse e una certa soddisfazione. La situazione attuale creerà ancora più difficoltà nel muoversi verso un accordo di ostaggio, poiché Hamas è stato probabilmente convinto che la sua situazione strategica stia migliorando.

L’ultima volta che Gallant si è rivolto apertamente contro Netanyahu è stato nel marzo dello scorso anno. La ragione per cui quel tempo era la preoccupazione del ministro della Difesa che la revisione giudiziaria   avrebbe avuto un impatto negativo sull’Idf e sulla sicurezza di Israele. Netanyahu ha risposto licenziando Gallant, ma la decisione non è mai stata messa in pratica  poiché centinaia di migliaia di israeliani sono scesi in piazza per protestare. Questa volta siamo nel bel mezzo di una guerra ed è dubbio che la dichiarazione di Gallant servirà da scintilla per riaccendere le proteste contro Netanyahu e portarle a un nuovo livello.

Fino ad ora, nonostante molte previsioni contrarie, questo scenario non è successo. La dichiarazione di Gallant di mercoledì è stata chiara e schietta e ha messo i riflettori sul silenzio dei ministri dell’Unione nazionale Benny Gantz e Gadi Eisenkot. Avrebbero dovuto uscire molto tempo fa per dire pubblicamente ciò che ha detto Gallant.

Leggi anche:  In Israele Netanyahu dichiara guerra ai vertici militari

Alti funzionari del servizio di sicurezza dell’Idf e dello Shin Bet hanno recentemente lanciato avvertimenti simili a Netanyahu. Il portavoce dell’Idf Daniel Hagari, mentre parlava ai media all’incrocio di Kerem Shalom di  all’inizio di questa settimana, ha detto che “un’alternativa a Hamas creerà pressione su di esso”. Si è affrettato ad affermare che “questa è una domanda per chi ha responsabilità politiche”, ma il suo messaggio ha risuonato forte e chiaro.

Queste dichiarazioni esprimono crescente preoccupazione tra i tre ministri e i capi delle forze di sicurezza per la direzione che sta prendendo la guerra con Hamas. La questione non è solo “il giorno dopo” e la raccomandazione che il governo abbia fissato un obiettivo diplomatico in aggiunta ai suoi obiettivi militari. Ci sono anche domande sullo stallo dei negoziati sugli ostaggi, sulla continuazione dei combattimenti a Rafah e sulle crescenti frizioni con l’Egitto e gli Stati Uniti.

Crisi con l’Egitto

Anche se era chiaro che qualsiasi operazione a Rafah avrebbe richiesto comprensivi complessi con il Cairo, è scoppiata una crisi. L’Egitto è furioso perché la bandiera israeliana sia stata issata sopra il valico di Rafah e ha intensificato le sue misure contro Israele. Ha aderito alla petizione del Sudafrica alla Corte internazionale di giustizia   dell’Aia, chiedendo un’ingiunzione per fermare la guerra. Una delegazione di sicurezza ha visitato il Cairo mercoledì per cercare di risolvere la crisi. Gli egiziani stanno anche ponendo ostacoli all’ingresso degli aiuti umanitari dalla penisola del Sinai a Gaza, portando così Israele a violare i suoi impegni nei confronti degli Stati Uniti.

L’offensiva di Rafah è arrivata in mezzo a una crescente spaccatura con gli Stati Uniti con l’amministrazione Biden che ha congelato una spedizione di armi di migliaia di armi di precisione per l’aeronautica israeliana e lo stesso presidente Joe Biden che ha espresso pubblicamente la sua contrarietà   una manovra militare israeliana.

Mentre l’operazione israeliana a Rafah si sta gradualmente espandendo, l’Idf non è finora entrata nelle dense aree urbane nel cuore della città. È ragionevole supporre che Israele si asterrà dal lanciare una grande offensiva prima degli Stati Uniti. Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan arriva nella regione nei prossimi giorni.

Tuttavia, sono in corso intensi combattimenti in diverse aree della Striscia di Gaza che gestiscono tre quartier generali divisionali con più squadre di combattimento di brigata di quelle operate a Gaza negli ultimi due mesi. Mercoledì sono stati rilasciati i nomi di tre israeliani uccisi negli ultimi due giorni: un civile ucciso da un missile anticarro nel nord, un dipendente del Ministero della Difesa morto per le sue ferite da un attacco di mortaio al confine di Gaza e un soldato ucciso in un incidente di carro armato all’interno di Gaza.

Il pericolo, come in passato, è che gli eventi sul campo detteranno un’escalation senza che siano state prese decisioni politiche. Dal momento in cui le forze iniziano operazioni offensive all’interno della Striscia, tengono terra e vengono contro il fuoco, può verificarsi una situazione in cui i comandanti sul campo decidono di far avanzare le forze sul terreno di cui hanno bisogno per respingere i combattenti di Hamas per ridurre il pericolo per le loro truppe. Queste sono cose che possono accadere in combattimento, e Israele potrebbe trovarsi molto più in profondità nel territorio palestinese nella Striscia meridionale di quanto autorizzato dai gabinetti.

Leggi anche:  Israele si prepara ad attaccare il Libano per scatenare una 'guerra totale' a Hezbollah

Sembra che in queste difficili circostanze, Netanyahu sia stato attanagliato dalla paralisi. La maggior parte del suo sforzo è investito nella sua sopravvivenza personale, nel mantenere la sua presa sul potere e nel mantenere la sua coalizione con l’estrema destra e gli ultraortodossi. Il risultato è una politica incredibilmente passiva. L’attuale dottrina di Netanyahu è quella di gestire un paese in guerra senza prendere decisioni significative. Il primo ministro continua a commercializzare sciocchezze e invenzioni al pubblico. Le sue promesse di vittoria totale e le affermazioni che siamo a un passo da essa sono state ora accresciute dall’importanza gonfiata di entrare a Rafah.

Il primo ministro prevede di mantenere il potere con tutti i mezzi necessari. Ciò è evidente dalle sue dichiarazioni, dalle reazioni dei suoi sostenitori, che si stanno gradualmente radunando intorno a lui ancora una volta, e la campagna condotta per lui quasi 24 ore al giorno da Channel 14 e molti dei suoi altri portavoce. E mentre Netanyahu si attiene a una politica di azione diplomatica zero, è molto più proattivo quando si tratta della sua sopravvivenza politica.

L’ultimo esempio è arrivato mercoledì, quando Netanyahu ha annunciato all’ultimo momento che al posto del disegno di legge sull’obbligo di leva esteso agli studenti delle yeshiva, che stava per presentare con i suoi partner ultraortodossi, intendeva promuovere quello presentato da Benny Gantz quando il leader dell’Unione nazionale era il ministro della Difesa nel governo Bennett-Lapid nel 2022. Alcuni commentatori hanno reagito all’acrobazia di Netanyahu lodandolo per essere qualche passo avanti ai suoi rivali. Gantz stava riflettendo se lasciare il governo di emergenza a causa della disputa sulla bozza ultraortodossa. Ora, Gantz sembra essere stato frenato

L’ammirazione per la mossa di Netanyahu è totalmente ingiustificata. Quello che Netanyahu ha fatto in coordinamento con i partiti Haredi è solo un altro trucco sporco a spese dei cittadini israeliani. In primo luogo, lo schema originale di Gantz non promuove davvero l’uguaglianza nel portare il peso militare; è più simile a un cerotto su un’enorme ferita sanguinante. In secondo luogo, le cose dovevano cambiare in meglio dopo lo scoppio della guerra. Con i riservisti che servono mesi, con il discarico per i riservisti da combattimento rimandato all’età di 45 anni, con il servizio obbligatorio per gli uomini esteso a tre anni, le vecchie soluzioni semplicemente non andranno, come ha rimarcato lo stesso Gantz mercoledì. ì. L’acrobazia di Netanyahu potrebbe essere sufficiente per Gantz e il suo partito per considerare di lasciare il governo sulla base che avevano originariamente considerato: la pietosa gestione diplomatica della guerra da parte del primo ministro e il fallimento dei negoziati sugli ostaggi”.

Così Harel. Il “fuoco amico” su Netanyahu. Andrà a buon fine? Lo vedremo solo vivendo. 

Native

Articoli correlati