Israele-Iran: è vera guerra? Opinioni a confronto
Top

Israele-Iran: è vera guerra? Opinioni a confronto

Israele-Iran: è vera guerra? Il dibattito è aperto. Soprattutto in Israele. A darne conto sono due preziosi contributi analitici su Haaretz.

Israele-Iran: è vera guerra? Opinioni a confronto
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

20 Aprile 2024 - 15.35


ATF

Israele-Iran: è vera guerra? Il dibattito è aperto. Soprattutto in Israele. A darne conto sono due preziosi contributi analitici su Haaretz.

Scenari multipli

Il primo è di uno dei più accreditati analisti geopolitici israeliani, storica firma del giornale progressista di Tel Aviv: Amos Harel. 

Annota Harel: “Sono giorni storici in Medio Oriente, ma per le ragioni sbagliate. Sabato sera, l’Iran ha attaccato direttamente Israele per la prima volta in assoluto, inviando centinaia di missili balistici, missili da crociera e droni. L’attacco, che era una risposta all’uccisione del generale iraniano Hassan Mahdavi (noto anche come Mohammad Rezahedi) in Siria due settimane prima, è stato completamente sventato grazie all’aiuto dei paesi occidentali e dei paesi arabi amici. Venerdì mattina è arrivata la risposta di Israele. Secondo quanto riportato dall’Iran, Israele ha preso di mira un’installazione militare vicino alla città di Isfahan, che ospita anche alcuni impianti nucleari iraniani.

Ciò che è particolarmente importante è chi c’è dietro l’attacco. I funzionari dell’amministrazione Biden hanno già chiarito che si tratta di un’azione cinetica israeliana sul suolo iraniano. Sembra che siamo più vicini che mai a un’ampia guerra regionale, nonostante il fatto che la comunità internazionale molto probabilmente farà grandi sforzi per deescalare le tensioni.

Questa azione è la prima nel suo genere. In precedenza, Israele era stato accusato di aver colpito una fabbrica di droni a Kermanshah circa due anni fa, oltre a una serie di omicidi di personale nucleare iraniano di alto livello.

Finora non c’erano stati attacchi come quello che l’Iran ha subito: Un attacco chiaro e clamoroso, che apparentemente non può essere nascosto o negato. Nonostante ciò, due ore dopo l’attacco, i media iraniani hanno iniziato a dichiarare che l’attacco era stato sventato e che in realtà non era successo nulla. Potrebbe trattarsi di un tentativo di deescalation per liberare Teheran dalla necessità di una rappresaglia.

Il lancio di missili e droni da parte dell’Iran nella notte di sabato scorso rappresenta un cambiamento strategico da parte di Teheran. Per anni, il regime della Guida Suprema, l’Ayatollah Ali Khamenei (il cui 85° compleanno ricorre venerdì) ha perseguito una politica di attacco a Israele, mostrando però anche pazienza.

L’Iran ha sostenuto milizie e organizzazioni terroristiche che hanno creato un “anello di fuoco” intorno a Israele, secondo la visione di Qassem Soleimani, ma di solito ha evitato un confronto diretto con Israele.

Gli attacchi di Israele nella cosiddetta guerra tra le guerre si sono concentrati sulla Siria, combinando uccisioni mirate delle Guardie Rivoluzionarie iraniane e attacchi aerei contro installazioni militari e convogli di armi di contrabbando. Questi attacchi sono stati in genere accolti con risposte iraniane di scarso rilievo.

Questa volta, invece, sono stati lanciati centinaia di missili contro Israele, il che sembra indicare una maggiore percezione di forza da parte di Teheran e la convinzione che Israele non si impegnerà in una guerra totale mentre combatte su due fronti: Gaza e Libano.

Almeno a livello pubblico, l’Iran non è preoccupato che il suo attacco contro Israele sia stato sventato. Teheran ha puntato sul futuro, ha aggiunto altre minacce contro Israele e ha persino accennato alla possibilità di far avanzare il suo programma nucleare fino al suo obiettivo finale: una bomba nucleare.

Leggi anche:  Chef Rubio aggredito e massacrato sotto casa, denuncia: "Erano in sei, una squadraccia sionista"

I funzionari israeliani non credono che l’attacco iraniano sia finito. Si è trattato di un attacco diffuso che mirava deliberatamente al territorio sovrano israeliano (alcuni missili balistici hanno colpito la base aerea di Nevatim, il punto principale dell’attacco). La risposta notturna israeliana sembra essere più limitata e mirata, e a prima vista più efficace. I sistemi di difesa aerea iraniani sono inferiori a quelli israeliani, la loro capacità di intercettazione dei missili è limitata e l’Iran non si avvale dell’aiuto dell’intelligence dei paesi sunniti, come pare sia avvenuto quando l’attacco a Israele è stato sventato.

In gran parte del Medio Oriente, l’Iran è meno popolare di Israele. È una dittatura assassina, che abusa del suo popolo, mina i governi rivali e favorisce e finanzia il terrorismo in tutta la regione. Nessun governante arabo ha versato lacrime per l’attacco alla sovranità iraniana; si può solo immaginare che siano preoccupati che l’incendio si propaghi in modo da destabilizzare i loro paesi.

Se l’attacco israeliano ha effettivamente preso di mira un sito a Isfahan, che non è direttamente collegato al programma nucleare iraniano, sembra essere più che altro una dimostrazione di capacità, oltre che un messaggio al regime: possiamo causarvi ingenti danni. Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, che da 20 anni minaccia di attaccare l’Iran, ha realizzato un sogno, o almeno una parte di esso. La domanda è: e noi, il popolo?

Un tentativo di smuovere le acque

Oltre alla risposta diretta all’attacco iraniano, l’azione in Iran (di cui Israele non si è finora assunto la responsabilità ufficiale) potrebbe riflettere una certa frustrazione per la trappola strategica regionale. La guerra a Gaza è iniziata con il massacro di Hamas il 7 ottobre. Un giorno dopo, Hezbollah si è unito alla mischia con combattimenti a bassa intensità sul confine libanese.

Più di sei mesi dopo, Israele non ha ancora raggiunto gli obiettivi dichiarati. La maggior parte degli ostaggi non è stata restituita (110 sono stati restituiti lo scorso novembre; 133 sono ancora detenuti da Hamas e molti di loro sono morti). Hamas non è ancora del tutto sconfitto e non è stata trovata una soluzione per allontanare le forze di Hezbollah dal confine settentrionale. Decine di migliaia di israeliani, sia del nord che del sud, rimangono rifugiati nel loro paese.

Giovedì sera, il programma d’inchiesta di Channel 12 “Uvda” ha mandato in onda un lungo reportage del giornalista Itai Engel, dalla città abbandonata di Metula, nel nord di Israele. Questa realtà è stata descritta spesso negli ultimi mesi, anche su questo giornale, ma vederla è impagabile. Molti spettatori hanno reagito con sgomento: come è possibile che Israele abbia evacuato la popolazione dall’intera regione di confine e permetta a un’organizzazione terroristica, molto più debole dell’Idf, di colpire le comunità quasi senza ostacoli?

Questa settimana le Forze di Difesa Israeliane hanno intensificato l’uccisione di figure di spicco della Forza Radwan di Hezbollah nel sud del Libano. Nel frattempo, l’organizzazione ha apparentemente sviluppato una nuova tattica di attacco che combina droni e missili anticarro. Questa settimana, le forze israeliane hanno subito decine di vittime in tre attacchi di questo tipo lungo il confine, oltre a un incidente in cui le truppe che hanno attraversato il confine con il Libano sono rimaste ferite dall’esplosione di ordigni inesplosi.

Leggi anche:  Militari israeliani 'talpe' dei coloni di estrema destra: davano indicazioni sui convogli da assaltare

Lo stallo dei negoziati per un accordo sugli ostaggi con Hamas sta mettendo ancora una volta alla prova il piano degli Stati Uniti di ottenere una pausa nelle ostilità a Gaza e di approfittarne per raggiungere un cessate il fuoco e un accordo a lungo termine anche sul confine con il Libano. L’amministrazione Biden ha iniziato a esaminare un’idea di proposta di compromesso in Libano, nel tentativo di calmare quel fronte ribollente e pericoloso.

Washington sospetta che il Segretario Generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, preferirebbe porre fine ai combattimenti, ma al momento è bloccato dal suo impegno nei confronti dell’Iran e dei suoi partner di Hamas. L’opinione dell’Idf è che le parti abbiano qualcosa da discutere, ma dubitano che Nasrallah voglia fare una mossa del genere proprio in un momento di escalation tra Israele e Iran.

Questo è lo stato d’animo generale del paese, che si è diffuso nella leadership. L’Iran, che continua a finanziare e incoraggiare Hezbollah e Hamas, è in gran parte responsabile del sanguinoso pasticcio in cui si trova Israele e ne sta pagando a malapena il prezzo. Oltre alla risposta, l’attacco dell’altra notte dovrebbe essere considerato un tentativo di scuotere la barca regionale per raggiungere nuovi accordi che fermino i combattimenti su più fronti e sottolineino alle parti coinvolte il prezzo che ci si può aspettare da una guerra regionale totale.

Sullo sfondo, giovedì, il Wall Street Journal, che ha stretti legami con l’ufficio di Netanyahu, ha pubblicato un’altra notizia ottimistica su un imminente accordo di normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita. Tuttavia, non bisogna sbagliarsi: Israele aveva il pieno diritto di rispondere all’attacco dell’Iran. Tuttavia, quando è guidato da un primo ministro che da tempo ha perso il sostegno della maggioranza dell’opinione pubblica e la cui legittimità per qualsiasi azione è fortemente messa in dubbio, il governo sta giocando con il fuoco contro l’Iran. La situazione potrebbe comunque finire molto male per tutti”, conclude Harel.

Stanchi di guerre

Altro contributo interessante è quello di linda Dayan: Sabato sera, – scrive – gli israeliani hanno ricevuto una notifica particolarmente triste dalla loro app di notizie: l’Iran aveva lanciato centinaia di droni contro Israele, la risposta tanto attesa all’assassinio da parte di Gerusalemme di alti esponenti delle Guardie Rivoluzionarie a Damasco il 1° aprile.

Come molti altri, avevo molti pensieri per la testa: Morirò? La mia casa sarà distrutta? Non ho un rifugio: sarà sufficiente la mia misera camera blindata? I miei amici e la mia famiglia fuori città saranno al sicuro? Avrò il tempo di farmi una doccia?

Dopo che il portavoce delle Forze di Difesa Israeliane ha confermato che i droni avrebbero impiegato diverse ore per raggiungere Israele – dandomi il tempo di farmi una doccia – ho preparato una piccola borsa e mi sono diretta verso gli uffici di Haaretz, che hanno un vero e proprio rifugio antiatomico.

Leggi anche:  Israele ha attaccato almeno 8 volte convogli umanitari e le loro strutture a Gaza

Durante il tragitto, ho incrociato altri giovani del mio quartiere diretti verso amici e parenti, con un paio di giorni di vestiti nello zaino. Tutti sembravano ugualmente esausti, sia per l’ora tarda che per il fatto che questa situazione è, per dirla semplicemente, assurda.

Dopo sei mesi di combattimenti contro Hamas senza apparentemente nessun piano e nessun risultato – a parte la distruzione di massa di Gaza – anche i membri dell’estrema destra con cui ho parlato di recente mentre protestavano davanti alla casa del procuratore generale mi hanno detto che volevano che la guerra finisse.

Al confine settentrionale, circa 80.000 persone sono state evacuate dalle loro case a causa degli incessanti missili di Hezbollah. E ora entriamo in guerra con la repubblica islamica guidata dagli stessi uomini che hanno commesso il più grande massacro di ebrei dopo l’Olocausto?

“Assurdo” è la stessa parola usata da Arash Azizi, il professore, scrittore e autore di “What Iranians Want: Women, Life, Freedom” (Cosa vogliono gli iraniani: donne, vita, libertà), che mi ha detto nel podcast di Haaretz. Da quello che ha sentito dire da chi si trova in Iran, quando si è diffusa la notizia che l’Iran ha sparato una raffica massiccia contro Israele, “c’era molta paura, molta incertezza e molta rabbia nei confronti di un governo che ora li sta coinvolgendo potenzialmente in un conflitto con il quale vogliono davvero avere poco a che fare”.

Mentre noi israeliani facevamo le corse ai minimarket dell’ultimo minuto per rifornirci in caso di catastrofe, anche gli iraniani facevano la fila per ore alle stazioni di servizio. Stanno affrontando un nuovo giro di vite sulle donne che si rifiutano di rispettare i leader teocratici e mostrano i capelli in pubblico. Coloro che si sono rivolti a internet per esprimere le proprie frustrazioni – o addirittura preoccupazioni – riguardo all’attacco iraniano e alle sue possibili ripercussioni sono stati presi di mira da una nuova campagna di repressione, ha detto Azizi.

Ha spiegato che, sebbene gli iraniani amino il loro Paese e vogliano difenderlo, “in generale, gli iraniani non sostengono [il regime] per la ragione fondamentale che considerano la sua politica estera come se avesse portato loro solo miseria, isolamento economico e isolamento internazionale”.

Vogliono questo conflitto tanto quanto noi: neanche un po’. Entrambi questi Paesi hanno conosciuto la guerra e le perdite e non vogliono sperimentarne altre. Ma purtroppo per noi, Iran e Israele sono guidati da persone che antepongono l’avidità, l’orgoglio e l’ostilità al loro popolo, nonostante i movimenti di protesta di massa in entrambi i Paesi per porre fine a tutto questo.

Prima che noi israeliani percorriamo la stessa strada di miseria, isolamento economico e isolamento internazionale – sembra che siamo su una corsia preferenziale per tutte e tre le cose – dobbiamo essere il più chiari possibile: Nessuno di noi vuole questa guerra”, conclude Linda Dayan.

Speriamo che sia davvero così, e che quel “noi” investa anche le leadership dei due popoli. Cosa, quest’ultima, per niente scontata. 

Native

Articoli correlati