Israele-Iran: non c'è peggior politica della vendetta
Top

Israele-Iran: non c'è peggior politica della vendetta

La “politica” della vendetta porta al disastro. La vendetta contro l’Iran. 

Israele-Iran: non c'è peggior politica della vendetta
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

17 Aprile 2024 - 14.17


ATF

La “politica” della vendetta porta al disastro. La vendetta contro l’Iran. 

La peggior politica

A spiegarne le ragioni, su Haaretz, è uno degli analisti di punta israeliani: Zvi Bar’el.

Annota Bar’el: “Non c’è atto più inutile e pericoloso della cieca vendetta che il governo di Israele è così determinato a compiere contro l’Iran. Ma non si può ignorare il fatto che è stato Israele a innescare questa catena di eventi quando ha assassinato Mohammad Reza Zahedi, capo della forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie iraniane in Siria e Libano.

È ancora più importante ricordare che questo assassinio, per quanto importante, non sarebbe avvenuto se non ci fosse stata l’idea preconcetta che Teheran non avrebbe risposto.

Dopo tutto, si è trattenuto dopo l’uccisione dei suoi esperti nucleari, tra cui Mohsen Fakhrizadeh, il capo del programma nucleare; il capo dell’intelligence del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche in Siria lo scorso dicembre; il coordinatore delle relazioni tra Iran e Hezbollah un mese dopo, per non parlare di decine di altri scienziati e funzionari iraniani nel corso degli anni.

La colpa è ovviamente dell’Iran. Ha abituato Israele a dare per scontato che sarà “dissuaso” o che almeno sarà contenuto. Così come Hamas si era adattato all’esistenza di Israele e non avrebbe mai scatenato un conflitto totale, e così come Hezbollah aderisce al principio di reciprocità con Israele e gioca secondo certe regole.

Poi all’improvviso, come disse notoriamente il vicepresidente degli Stati Uniti Spiro Agnew, “I bastardi hanno cambiato le regole e non me l’hanno detto”. Israele, che sa esattamente dove dorme ogni alto funzionario iraniano e in quale auto guidano i figli e i nipoti di Ismail Haniyeh, diventa incapace di analizzare e comprendere le intenzioni dei nemici.

Israele sapeva che Hamas stava pianificando un attacco, ma semplicemente non credeva che lo avrebbe portato a termine. Allo stesso modo, Israele ha sentito i leader iraniani dire a gran voce che questa volta avrebbero risposto con forza, ma non ha capito fino quasi all’ultimo che Teheran stava parlando di un attacco diretto di natura massiccia e senza precedenti.

Ora, a quanto pare, la rabbia che si sta accumulando in Israele dopo il bombardamento iraniano non riguarda l’attacco in sé, che è stato sventato con successo, ma l’insolenza iraniana e, soprattutto, la clamorosa svista dell’intelligence che non ha previsto le conseguenze dell’uccisione di Zahedi.

Questo affronto richiede una risposta, insistono i leader israeliani. Senza una strategia, la vendetta è un’alternativa allettante. Senza di essa, Israele perderà la deterrenza, per non parlare del suo onore in patria e nella comunità delle nazioni. Questa è una rara opportunità per colpire l’Iran così duramente da non dimenticarlo mai. Ma di quale deterrenza e di quale onore sta parlando questo governo?

Nonostante il terribile disastro del 7 ottobre e i fallimenti che ha messo in luce, Israele è ancora convinto che l’immagine dell’uomo folle – un paese che schiuma dalla bocca, colpisce senza controllo in ogni direzione, distrugge e uccide indiscriminatamente – garantirà la sua sicurezza.

Ma è proprio la stessa follia vendicativa che lo ha reso un lebbroso. La sua debolezza interiore, creata e alimentata dal Primo Ministro, è ciò che ha minato la sua capacità di deterrenza.

Israele ha un enorme debito non con la deterrenza e il prestigio, ma con gli Stati Uniti e l’inaspettato sostegno dei paesi arabi moderati, che hanno collaborato per sventare l’attacco iraniano. Ora, nel loro intimo, si rendono conto di essere caduti in un circolo vizioso di “tit-for-tat” che Israele sta pianificando.

Leggi anche:  Israele indaga sulla morte di palestinesi catturati a Gaza

Ma agli occhi del governo e di gran parte dei vertici dell’esercito, una difesa efficace e l’aver sventato l’attacco iraniano non possono essere considerati un risultato se non sono seguiti da una vendetta. È vero il contrario: una difesa efficace è una parte essenziale della deterrenza e della sicurezza, molto più di una vendetta selvaggia.

Dopo tutto, se il 7 ottobre avessimo avuto lo scudo difensivo e le contromisure dimostrate lo scorso fine settimana, la storia di Israele sarebbe molto diversa.

Ed ecco l’assurdità: Nonostante il fatto che la vendetta a Gaza non abbia raggiunto gli obiettivi della guerra, l’opinione pubblica – che è pronta a ingoiare l’insulto e a fermare la guerra a Gaza per liberare gli ostaggi – non esita a ingoiare la bugia che la vendetta contro l’Iran sia l’unico modo per garantire la sicurezza del Paese”.

Quell’alleanza “messianica”

Di cosa e di chi si tratti, lo argomenta efficacemente, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Noa Landau. “In un momento in cui la maggior parte degli israeliani si sta ancora riprendendo dalla notte dell’attacco iraniano e aspetta con ansia che la pericolosa escalation si fermi – scrive Landau – ci sono molti che guardano da lontano con estasi religiosa questi eventi allarmanti.

Non sono i guerrafondai messianici qui in Israele, ma i sostenitori del governo Netanyahu, gli “amici di Israele”, i cristiani evangelici.

Il giorno dopo aver sventato l’attacco, centinaia di leader evangelici si sono riuniti a Capitol Hill a Washington per implorare i membri del Congresso degli Stati Uniti di non agire per evitare che la situazione si aggravi.

Sì, avete capito bene, non per evitare un’escalation. Il pastore John Hagee, fondatore di Christians United for Israel, lo stesso gruppo che, tra le altre cose, ha fatto pressione su Donald Trump affinché spostasse l’ambasciata americana a Gerusalemme, ha spiegato ai suoi seguaci che l’attacco iraniano dimostra che “profeticamente, siamo sull’orlo della guerra di Gog e Magog che Ezechiele ha descritto nei capitoli 38 e 39”.

Questo è lo stesso Hagee che nei suoi sermoni parla spesso in questo modo: “Quando Israele è coinvolto in una guerra importante, prestate attenzione… Quando vedete questi segni, alzate la testa e gioite. La vostra redenzione si avvicina”. E così, secondo il suo pensiero, la raffica di droni e missili iraniani è un evento felice.

Il desiderio comune di apocalisse ha ora unito i fanatici religiosi di Teheran e Gaza con quelli di Gerusalemme e Washington. Quando pronuncia le sue parole di “sostegno” a Israele contro Hamas e l’Iran, Hagee sta in realtà dicendo che per avvicinare la redenzione cristiana, i credenti devono sostenere la guerra in Medio Oriente e – Dio non voglia – fare il necessario per vanificare gli sforzi dell’amministrazione Biden di allentare le tensioni.

La storia d’amore tra la destra israeliana e la destra evangelica risale a molti anni fa e si basa su una sorta di ammiccamento teologico reciproco. La parte cristiana ritiene di dover sostenere le politiche della destra israeliana per realizzare la profetica “fine dei giorni” e la seconda venuta di Cristo.

Spoiler: sarà quando tutti gli ebrei si convertiranno al cristianesimo o verranno uccisi. La parte ebraica accoglie il sostegno politico e finanziario degli evangelici agli insediamenti e all’occupazione perché non crede nella profezia cristiana della fine dei giorni.

Questa santa/non santa alleanza si è rafforzata nel corso degli anni a tal punto che Ron Dermer, confidente di Netanyahu, una volta ha ammesso che in qualità di ambasciatore del governo israeliano a Washington preferiva investire più tempo con gli evangelici che con gli ebrei americani, che sono per lo più – come dire – democratici.

Leggi anche:  Israele attacca la Corte penale internazionale e dice di non riconoscerne l'autorità

La gioia che oggi attanaglia Hagee e i suoi amici è un’ulteriore prova degli errori della politica di Benjamin Netanyahu, i cui governi di destra ci hanno portato al disastro del 7 ottobre e alla crescente minaccia proveniente dall’Iran.

Netanyahu ha ripetutamente affermato che la questione palestinese è uscita dall’agenda globale, che l’Autorità Palestinese dovrebbe essere indebolita e che il dominio di Hamas a Gaza dovrebbe essere rafforzato. Ha sabotato i legami con l’ebraismo americano e il Partito Democratico a favore dei venditori di Gog e Magog di Hagee. E dopo tutto questo, la destra osa ancora dire che è la sinistra a dover smaltire la sbornia. Israele non ha bisogno di amici ambigui come Hagee che vogliono farci bruciare nelle fiamme dell’inferno; Israele ha bisogno di amici come il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che estende ripetutamente un ombrello di difesa senza precedenti su di noi, mentre ci sta davanti con specchi e freni. Ogni israeliano sano di mente dovrebbe preferire la visione di calma a quella di Gog e Magog che ci offre Netanyahu”.

Un’opportunità diplomatica da cogliere

A darne conto è un uomo che le guerre le combatte per “mestiere”, ma che proprio per questo dimostra un pragmatismo che non appartiene ai falchi che oggi governano Israele, la maggior parte dei quali il campo di battaglia l’hanno visto col binocolo. Il Maggior Generale della riserva Yair Golan è stato vice-capo di stato maggiore dell’Idf, capo del Comando Nord e capo del Comando del Fronte Interno.

Così scrive su Haaretz: “L’attacco dell’Iran contro Israele ha creato un’opportunità diplomatica e strategica senza precedenti per Israele. La realizzazione di questa opportunità dipende dalla visione politica, dalla leadership e dalla lucidità di pensiero.

In termini commerciali, Israele può ora uscire e realizzare i nuovi vantaggi creati. Una politica di uscita e di realizzazione di questo tipo è ciò che un governo responsabile, sano e serio dovrebbe adottare, e in fretta.

L’attacco iraniano del 14 aprile è un’opportunità per rimodellare la dura realtà in cui il Paese è stato immerso per mesi. Sembra esserci un cambiamento nell’opinione pubblica mondiale. Il fatto che Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Giordania si siano schierati al fianco di Israele, con il silenzioso sostegno degli Stati del Golfo, pone fine al crescente isolamento del Paese, che aveva raggiunto un punto di pericolo per la sua sicurezza.

Questa nuova realtà non deve essere data per scontata. I membri dell’alleanza regionale – guidata dagli Stati Uniti – hanno evitato di agire quando l’Iran ha attaccato le risorse strategiche saudite. Il cambio di direzione politica da parte del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden non durerà se Israele non lo sfrutterà per cambiare in modo significativo la disastrosa politica del governo Netanyahu.

Israele deve cambiare l’equilibrio strategico, realizzare i suoi importanti risultati militari a Gaza e fermare la guerra. Deve creare le condizioni per la restituzione degli ostaggi detenuti a Gaza, proteggere la propria libertà d’azione e contemporaneamente realizzare la visione di un’alleanza difensiva regionale guidata dagli Stati Uniti sotto la guida del Presidente Biden.

La dimostrazione di intenti minacciosi e pericolosi dell’Iran, che ha combinato una serie di capacità di attacco, si è scontrata con il miglior arsenale difensivo di Israele, che ha mostrato le sue ammirevoli capacità militari, scientifiche e ingegneristiche.

Leggi anche:  Israele,"Da madre di tre soldati vi scrivo...": una lezione di vita indimenticabile

Ma ancora più importante è ciò che è accaduto qui nei giorni precedenti l’attacco iraniano: la creazione di un’alleanza di difesa de facto con i principali membri militari della NATO – Stati Uniti, Regno Unito e Francia – insieme agli Stati moderati del Golfo e al nostro vicino a est, la Giordania.

L’esposizione dello scopo dell’alleanza regionale sottolinea quanto sia pericolosa la politica diplomatica del Primo Ministro Benjamin Netanyahu e quanto siano disastrose le sue mosse isolazioniste e quelle dei partner fascisti del suo governo. La combinazione di queste capacità di intelligence, difensive e offensive sono una garanzia di pace regionale, ma anche di sopravvivenza dello Stato di Israele.

La campagna contro l’Iran è in corso e Israele arriva a questo confronto quando non è al meglio. La società si sta disintegrando, la resistenza nazionale è gravemente compromessa e il nostro popolo, le nostre donne, i nostri bambini e i nostri anziani sono stati abbandonati. Il proxy iraniano a nord (Hezbollah) è tutt’altro che sconfitto e Israele ha perso importanti mezzi di deterrenza che richiederanno una preparazione continua e il rinnovo delle capacità e delle forniture.

Soprattutto, sarà necessario rinnovare la fiducia dell’opinione pubblica, dopo che Israele si è ritirato dalla sua strategia fondamentale e ha stabilito una striscia di sicurezza all’interno del suo territorio trasformando migliaia di cittadini in rifugiati all’interno del loro stesso Paese.

Interrompere i combattimenti a Gaza nelle nuove condizioni create il 14 aprile serve agli interessi di Israele, rafforza la sicurezza e crea nuove condizioni per un possibile scontro futuro. Per la prima volta, Israele sta realizzando un risultato militare per un valido scopo diplomatico.

Hamas ha subito un duro colpo. Israele può mantenere la piena libertà di sicurezza a Gaza e trasferire i poteri di sicurezza a una forza multinazionale regionale e la responsabilità civile all’Autorità Palestinese. Questa situazione crea le condizioni ottimali per la restituzione degli ostaggi e il ritorno dei palestinesi sfollati alle loro case nel sud e nel nord.

La creazione di un’alleanza regionale sarà utile a Israele nel confronto con Hezbollah e nelle sue richieste all’Autorità Palestinese. La gestione del rischio è cambiata e Israele beneficia di un’equazione di gran lunga migliore contro l’Iran, che non è mai stato così vicino alla capacità di dotarsi di armi nucleari.

Optando per un’uscita tardiva da Gaza, per la prima volta metteremmo alla prova l’asse democratico liberale sunnita moderato contro l’asse sciita fondamentalista, l’Iran, la Russia e la Cina – un asse estremista e violento che distrugge la stabilità regionale e globale. Israele deve scegliere a quale asse vuole appartenere.

È del tutto evidente che senza un approccio regionale adeguato, incentrato sulla volontà di fare passi avanti nell’arena palestinese, non ci sarà un’alleanza regionale che costituisca un solido fronte di sicurezza. La violazione dell’attacco iraniano chiarisce inequivocabilmente la portata della decisione che Israele deve prendere.

Il piano di uscita che propongo e la sua realizzazione richiedono una leadership con una visione a lungo termine che colga l’equilibrio strategico creato da questa opportunità. Deve trattarsi di una leadership che si impegni sempre per la sicurezza del Paese e non per la sopravvivenza dei suoi leader falliti. Un’opportunità del genere non si ripeterà”.

Più chiaro di così…

Native

Articoli correlati