Un tribunale Ue toglie le sanzioni contro due importanti oligarchi russi
Top

Un tribunale Ue toglie le sanzioni contro due importanti oligarchi russi

Un tribunale dell’Unione europea ha rimosso le sanzioni legate alla guerra contro i prominenti miliardari Petr Aven e Mikhail Fridman, con una vittoria a sorpresa per gli oligarchi russi nella loro lotta contro le sanzioni occidentali.

Un tribunale Ue toglie le sanzioni contro due importanti oligarchi russi
L'oligarca russo Petr Aven
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Aprile 2024 - 12.51


ATF

Un tribunale dell’Unione europea ha rimosso le sanzioni legate alla guerra contro i prominenti miliardari Petr Aven e Mikhail Fridman, con una vittoria a sorpresa per gli oligarchi russi nella loro lotta contro le sanzioni occidentali.

La Corte europea ha stabilito che il Consiglio europeo non ha presentato prove sufficienti per stabilire che i miliardari fossero coinvolti in iniziative che “minano o minacciano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina”.

Fridman e Aven sono stati inseriti nell’elenco delle sanzioni dell’UE poco dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina.

Il Consiglio dell’UE che annunciò le sanzioni nel febbraio 2022 definì Aven “uno degli oligarchi più vicini a Vladimir Putin” e affermò che Fridman “è riuscito a coltivare forti legami con l’amministrazione di Vladimir Putin, ed è stato definito uno dei principali finanziatori russi e facilitatore di La cerchia ristretta di Putin”.

Sono partner a lungo termine che hanno guadagnato miliardi di dollari in Russia dal petrolio, dalle banche e dalla vendita al dettaglio.

Fridman e Aven, insieme a dozzine di altri oligarchi russi, hanno contestato le sanzioni nei tribunali dell’UE, descrivendole come “spurie e infondate”.

Leggi anche:  Kiev ha ritirato le truppe dai villaggi a nord di Kharkiv: i russi avanzano

Aven e Fridman rimangono nell’elenco delle sanzioni del Regno Unito, dove i due uomini risiedevano prima della guerra. Aven, che ha un patrimonio stimato di 5,5 miliardi di dollari, possiede Ingliston House, vicino a Virginia Water, su 8,5 acri di terreno in una tenuta recintata vicino al campo da golf di Wentworth.

Fridman, nato in Ucraina, che è stato elencato come l’undicesima persona più ricca del Regno Unito nella lista dei ricchi del Sunday Times con una fortuna stimata di 11 miliardi di sterline, possiede Athlone House, una villa da 65 milioni di sterline a Highgate, a nord di Londra.

Entrambi gli uomini hanno espresso solo critiche caute alla guerra di Putin in Ucraina, con Fridman che nelle prime settimane del conflitto ha affermato che si è trattato di una “tragedia” e che la guerra “non potrà mai essere la risposta”.

La decisione della corte di mercoledì è stata criticata dall’opposizione russa che ha sostenuto che i due oligarchi russi non si sono espressi abbastanza apertamente riguardo all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Leggi anche:  Europee: la Ue denuncia che con l'avvicinarsi del voto cresce la disinformazione putiniana

Leonid Volkov, uno stretto alleato del defunto leader dell’opposizione russa Alexei Navalny, ha scritto su X: “Fridman e Aven non hanno mai detto pubblicamente una parola contro la guerra, né si sono scontrati con Putin. La Corte europea ha semplicemente dato loro quello che volevano su un piatto d’argento… Che segnale invia la Corte a Putin, ai suoi amici, agli oligarchi russi?”

Native

Articoli correlati