Il Regno Unito non sospende la vendita di armi a Israele e Sunak spiega il perché
Top

Il Regno Unito non sospende la vendita di armi a Israele e Sunak spiega il perché

Rishi Sunak ha difeso la decisione del Regno Unito di non sospendere le vendite di armi a Israele, affermando che "nessuno dei nostri più stretti alleati" ha sospeso le licenze di esportazione esistenti

Il Regno Unito non sospende la vendita di armi a Israele e Sunak spiega il perché
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Aprile 2024 - 10.03


ATF

Rishi Sunak ha difeso la decisione del Regno Unito di non sospendere le vendite di armi a Israele, affermando che “nessuno dei nostri più stretti alleati” ha sospeso le licenze di esportazione esistenti, ma ha aggiunto che Benjamin Netanyahu “deve fare di più” per alleviare le sofferenze a Gaza.

Rispondendo a una chiamata durante la sua intervista telefonica alla LBC, il primo ministro ha detto:

 È stata una tragedia scioccante quello che è successo ai nostri veterani mentre portavano altruisticamente missioni di aiuto a Gaza e ho anche detto più volte che la situazione a Gaza è sempre più intollerabile, sapete, la sofferenza umanitaria che le persone stanno vivendo non è giusta e Il primo ministro Netanyahu deve fare di più per alleviare questo problema. Glielo ho spiegato molto chiaramente."

Secondo l’Autorità Palestinese, Sunak ha affermato che il Regno Unito ha un “processo consolidato” relativo al regime di esportazione di armi e “esaminiamo queste cose regolarmente”.

“Ciò non ha portato a alcun cambiamento. In realtà nessuno dei nostri più stretti alleati ha attualmente sospeso le licenze sulle armi esistenti, quindi continuiamo a discutere queste cose con i nostri alleati”, ha aggiunto.

Leggi anche:  Libano, il futuro Vietnam israeliano
Native

Articoli correlati