Biden-Putin, gara a chi alza più i toni: "Impegno sacro a difendere ogni centimetro di Nato"
Top

Biden-Putin, gara a chi alza più i toni: "Impegno sacro a difendere ogni centimetro di Nato"

Lo afferma Joe Biden in una nota per i 75 anni della Nato, un'Alleanza «oggi più grande, più forte e più determinata che mai», dopo l'ingresso di Svezia e Finlandia.

Biden-Putin, gara a chi alza più i toni: "Impegno sacro a difendere ogni centimetro di Nato"
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Aprile 2024 - 17.57


ATF

«Dobbiamo ricordare che il sacro impegno che assumiamo verso i nostri alleati – difendere ogni centimetro del territorio della Nato – rende anche noi più sicuri e fornisce agli Stati Uniti un baluardo di sicurezza senza eguali in nessun’altra nazione al mondo. E come i nostri predecessori, dobbiamo chiederci cosa possiamo fare – cosa dobbiamo fare – per creare un futuro più pacifico».

Lo afferma Joe Biden in una nota per i 75 anni della Nato, un’Alleanza «oggi più grande, più forte e più determinata che mai», dopo l’ingresso di Svezia e Finlandia.

 «Abbiamo aggiunto – ricorda il presidente Usa – la Finlandia e la Svezia all’Alleanza: due democrazie, con due eserciti altamente capaci. Negli ultimi tre anni, i nostri alleati della Nato hanno aumentato la propria spesa annuale per la difesa di quasi 80 miliardi di dollari. Mentre i nostri avversari complottavano per rompere la nostra straordinaria unità, le nostre democrazie sono rimaste incrollabili. E questo luglio, gli Stati Uniti ospiteranno il vertice Nato di Washington, che riunirà i nostri alleati per modernizzare la nostra difesa e deterrenza».

Leggi anche:  La Casa Bianca dirà al Congresso che ha accettato le assicurazioni di Israele sull'uso corretto delle armi

«Questa – prosegue Biden – è la più grande alleanza militare nella storia del mondo. Ma non è successo per caso, né era inevitabile. Generazione dopo generazione, gli Stati Uniti e i nostri compagni alleati hanno scelto di unirsi per difendere la libertà e respingere l’aggressione, sapendo che quando lo facciamo siamo più forti e il mondo è più sicuro».

«Lo abbiamo visto – aggiunge – durante la Guerra Fredda, quando eravamo uniti contro le forze del totalitarismo sovietico. Lo abbiamo visto di nuovo quando l’America è stata attaccata l’11 settembre 2001 e i nostri alleati hanno invocato l’Articolo 5 della Nato – un attacco contro uno, è un attacco contro tutti – per la prima e unica volta nella storia. E lo abbiamo visto negli ultimi due anni, quando gli alleati si sono fatti avanti per sostenere il coraggioso popolo ucraino di fronte alla feroce invasione della Russia, la più grande guerra in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale»

Native

Articoli correlati