Xi Jinping e Biden, prove di dialogo ma su Russia e Taiwan restano le distanze
Top

Xi Jinping e Biden, prove di dialogo ma su Russia e Taiwan restano le distanze

Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno tenuto una discussione telefonica di oltre un'ora e mezzo per valutare lo stato dei loro rapporti dopo il summit tenutosi in California nel novembre 2023

Xi Jinping e Biden, prove di dialogo ma su Russia e Taiwan restano le distanze
Biden e Xi Jinping
Preroll

globalist Modifica articolo

2 Aprile 2024 - 23.48


ATF

Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno tenuto una discussione telefonica di oltre un’ora e mezzo per valutare lo stato dei loro rapporti dopo il summit tenutosi in California nel novembre 2023. Durante la conversazione, i due leader hanno affrontato una vasta gamma di argomenti, spaziando dall’intelligenza artificiale al cambiamento climatico, passando per la lotta contro il traffico di fentanyl, i cyberattacchi e la situazione in Medio Oriente.

La Casa Bianca ha descritto il dialogo come “franco” e “costruttivo”, evidenziando ancora una volta le tensioni riguardanti Taiwan e l’Ucraina, nonché le differenze economiche tra le due nazioni.

Pur notando che la Cina in quanto Paese sovrano può decidere i suoi rapporti con Mosca, Biden ha sollevato con Xi le preoccupazioni americane sul «sostegno» di Pechino «alla Russia nel ricostruire la sua industria di difesa», in particolare per l’impatto che «potrebbe avere sulla sicurezza europea nel lungo termine». La guerra di Putin contro Kiev sarà probabilmente uno dei temi che il segretario di Stato Antony Blinken affronterà nel suo viaggio in Cina nelle prossime settimane. Una trasferta durante la quale potrebbe tornare a premere sul Pechino affinché faccia leva sull’Iran per allentare le tensioni nel Mar Rosso dove gli attacchi degli Houthi «stanno esacerbando le tensioni, l’instabilità e i flussi commerciali», ha riferito un funzionario della Casa Bianca.

Leggi anche:  Joe Biden appoggia la sua vice Kamala Harris come sostituta per battere Trump

In agenda per Biden e Xi anche un altro tema caldo: Taiwan. A un mese dall’insediamento nell’isola del nuovo presidente filo-occidentale Lai Ching-te, il presidente americano ha ricordato a Xi il rispetto degli Stati Uniti per la politica dell’Unica Cina e messo in evidenza l’importanza di mantenere la «pace e la stabilità» nello stretto di Taiwan, oltre che rispettare «la legge e la libertà di navigazione nel Mar della Cina». Il presidente cinese ha risposto secco: la questione di Taiwan «è la prima linea rossa insormontabile nelle relazioni sino-americane» e Pechino non intende «lasciare che le attività separatiste, la connivenza esterna e il sostegno alle forze dell’indipendenza di Taipei restino incontrollati».

Divergenze fra i due leader sono emerse anche sul fronte economico, dove i dazi dominano i rapporti bilaterali. Gli Stati Uniti continuano infatti ad essere preoccupati dalle politiche scorrette e non di mercato applicate dalla Cina e che saranno oggetto della prossima visita del segretario al Tesoro. Janet Yellen volerà a Pechino a giorni con l’obiettivo, ha fatto sapere il Tesoro americano, di capire meglio lo stato di salute del settore immobiliare cinese e soprattutto per recapitare un messaggio chiaro: gli Stati Uniti continueranno ad «agire affinché la tecnologia avanzata americana non minacci la sicurezza nazionale del Paese», come ha detto Biden a Xi riferendosi alla stretta alle esportazioni di semiconduttori verso Pechino per contenere l’avanzata cinese nell’intelligenza artificiale e non solo. Un blocco più volte criticato dalla Cina: se gli Stati Uniti «insistono nel sopprimere lo sviluppo high-tech della Cina e nel privarla del legittimo diritto allo sviluppo, non staremo a guardare», è stato il monito di Xi.

Leggi anche:  Joe Biden appoggia la sua vice Kamala Harris come sostituta per battere Trump

I rischi dell’Ia sono stati un altro dei temi toccati dai due, così come i cyberattacchi e le interferenze sulle elezioni. Su questo «siamo stati sempre molto chiari con la Cina e tutti gli altri Paesi», ha spiegato un funzionario della Casa Bianca illustrando i contenuti del colloquio. I cyberattacchi sono una «delle preoccupazioni che gli Stati Uniti hanno da tempo verso la Cina. Siamo stati chiari pubblicamente e privatamente sul fatto che agiremo di fronte alle minacce alla nostra sicurezza nazionale».

Native

Articoli correlati