Benjamin Netanyahu, un "re Mida" a rovescio
Top

Benjamin Netanyahu, un "re Mida" a rovescio

Benjamin Netanyahu, ovvero un “re Mida a rovescio” Tutto ciò che fa si rivela un disastro. Per Israele. Per la sua democrazia. Per la pace. 

Benjamin Netanyahu, un "re Mida" a rovescio
Benjamin Netanyahu
Preroll

globalist Modifica articolo

30 Marzo 2024 - 14.52


ATF

Benjamin Netanyahu, ovvero un “re Mida a rovescio” Tutto ciò che fa si rivela un disastro. Per Israele. Per la sua democrazia. Per la pace. 

Disastri a catena

A darne conto è un editoriale, come sempre puntuto e documentato, di Haaretz: I”l Primo Ministro Benjamin Netanyahu continua a spingere Israele verso il baratro. È stato un clamoroso fallimento su ogni fronte possibile. Questa settimana, con le sue stesse mani, è riuscito a creare una grave crisi diplomatica con gli Stati Uniti.

Il suo rifiuto di ascoltare il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha lasciato al più grande alleato di Israele l’unica scelta di astenersi dal porre il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. La risposta di Netanyahu, che ha incluso l’annullamento di un viaggio programmato a Washington da parte di alti funzionari israeliani, è stata una deprimente dimostrazione della sua mancanza di consapevolezza del potere e dello status di Israele in generale, e in questo specifico momento in particolare.

Sono passati quasi sei mesi dal 7 ottobre, ma gli ostaggi languono ancora nella prigionia di Hamas. Nella loro disperazione per l’abbandono dei loro cari da parte del governo, i genitori dei soldati rapiti hanno rotto il loro silenzio giovedì. In una dichiarazione rilasciata all’esterno dell’ufficio di leva dell’Idf a Tel Hashomer, Orna Neutra, madre del soldato rapito Omer Neutra, ha detto che gli ostaggi che sono tornati in Israele hanno raccontato che i soldati “subiscono torture e sofferenze quotidiane sottoterra, al freddo” e sono tenuti “in gabbie minuscole, senza vedere la luce del giorno e affamati”. Ha poi aggiunto ciò che dovrebbe essere già chiaro: dopo sei anni, “tutti loro, compresi i giovani, sono tutti casi umanitari”.

Anche la guerra non sta andando da nessuna parte. Nonostante si protragga da quasi sei mesi, con un bilancio delle vittime gazane che supera i 32.000 morti, secondo il Ministero della Salute di Gaza gestito da Hamas, questa settimana sono stati nuovamente lanciati razzi contro Ashdod e Sderot. Nel frattempo, 60.000 residenti del nord rimangono sfollati dalle loro case e per tutto questo tempo Hezbollah ha lanciato razzi contro Israele. Allo stesso tempo, la Knesset mostra indifferenza per la situazione degli sfollati, saltando spudoratamente le riunioni indette per discutere dei loro problemi.

Guidato da un governo estremista i cui membri parlano apertamente di espulsione dei palestinesi e di una seconda Nakba, mentre si rallegrano delle scene di distruzione e del disastro umanitario nella Striscia di Gaza e si rifiutano categoricamente di discutere i piani per il dopoguerra o la fine della guerra, Israele è diventato uno stato paria, accusato di genocidio ed esposto a minacce ed embarghi sulle armi.

Nonostante tutto questo, gli ultraortodossi continuano a evitare il servizio militare, a spese dello Stato. E a parte la Corte Suprema, nessuno impedisce a Netanyahu di ipotecare il futuro di Israele. Questo governo deve terminare il suo mandato prima che sia troppo tardi. L’opinione pubblica deve scendere in piazza e chiedere la restituzione degli ostaggi, la fine della guerra e le elezioni anticipate”.

Patto scellerato

Di cosa si tratti lo declina molto bene Sami Peretz. “Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu e i partiti ultraortodossi hanno un accordo permanente – annota Peretz su Haaretz – Lui preserva lo stile di vita degli ultraortodossi e loro, in cambio, preservano il suo stile di vita come primo ministro.

Questo accordo esiste da molti anni e ha danneggiato gravemente lo stile di vita di milioni di israeliani, che sono stati costretti a finanziarlo e a prestare servizio militare extra. Ora la questione ha raggiunto il punto di ebollizione, a causa della necessità di espandere l’esercito in risposta ai gravi danni che gli attacchi del 7 ottobre hanno causato alla sicurezza di Israele e al senso di sicurezza degli israeliani.

Leggi anche:  L'appello del Sudafrica all'Aia: "Salvate Rafah o la società palestinese sarà distrutta almeno per una generazione"

Il pubblico israeliano non ha raccolto nulla di buono da questo accordo dubbio, corrotto e immorale, che sposta l’intero onere del servizio militare sulle comunità sioniste laiche, tradizionali e religiose. Eppure, Netanyahu non solo non sta affrontando questa disparità di oneri, ma la sta addirittura aumentando, ampliando il servizio obbligatorio di quattro mesi e raddoppiando il servizio di riserva annuale.

Questo è il momento in cui ci si aspetterebbe che Netanyahu chiarisca ai suoi partner che il 7 ottobre è successo qualcosa e che la situazione della sicurezza richiede un cambiamento. Tra gli alleati, questa è una richiesta legittima in queste difficili circostanze, che finora hanno portato alla morte di 595 soldati e al ferimento di migliaia di altri. Se Netanyahu è così desideroso di dimostrare di essere forte e tenace, come sta cercando di fare con il governo degli Stati Uniti, ha avuto l’opportunità di effettuare un cambiamento radicale e di ottenere l’arruolamento degli ultraortodossi.

Invece, sta cercando di mettere insieme qualche accordo dubbio e privo di significato che possa sopravvivere a un ricorso in tribunale e guadagnare tempo. Più tempo per mantenere il suo stile di vita e il suo potere, mentre gli ultraortodossi mantengono il loro stile di vita, anche se la vita di decine di migliaia di israeliani evacuati dalle loro case sia nel sud che nel nord è stata completamente sconvolta, mentre la vita di centinaia di migliaia di riservisti è stata ipotecata per lo sforzo di difesa nazionale.

Gli obiettivi ufficiali della guerra nella Striscia di Gaza sono lo smantellamento delle capacità militari e governative di Hamas, il ritorno a casa degli ostaggi e il ripristino della pace e della sicurezza nelle comunità del Negev occidentale. Nessuno di questi obiettivi è stato ancora raggiunto, nonostante sia passato quasi mezzo anno dall’inizio della guerra. Per raggiungerli, abbiamo bisogno di un piano d’azione per il giorno successivo alla sconfitta di Hamas (ovvero chi governerà Gaza), di un sostegno internazionale, di una stretta collaborazione con gli Stati Uniti, di solidarietà sociale e di più soldati. Molti soldati.

Tutto questo richiede leadership e coraggio. Ma in questi giorni Israele non ha un leader. Ha solo un politico invischiato in una battaglia per la propria sopravvivenza politica, che non è in grado di prendere decisioni coraggiose. Annullare il previsto viaggio di una delegazione israeliana a Washington per un incontro con i funzionari statunitensi per protestare contro l’astensione dell’America nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su una risoluzione che chiede il cessate il fuoco e la restituzione degli ostaggi non è coraggio, ma un inutile irrigidimento dei muscoli che non fa avanzare nessuno degli obiettivi della guerra.

Dopo tutto, in Israele non c’è una vera discussione sulla necessità di continuare a smantellare le capacità di Hamas. Ma Netanyahu ha gonfiato la questione dello smantellamento dei quattro battaglioni di Hamas a Rafah fino a farla diventare una questione dello stesso ordine della minaccia iraniana. L’obiettivo, ancora una volta, è guadagnare tempo.

Non sta promuovendo alcuna idea pratica per il controllo di Gaza dopo la guerra. Sta creando una crisi con Washington. Non sta nemmeno cercando di risolvere l’urgente problema della carenza di soldati arruolando gli ultraortodossi. Invece, come al solito, sta dando un calcio alla strada.

Leggi anche:  Scozia-Israele di calcio femminile si giocherà a porte chiuse

La sua coalizione di governo si basa sui partiti ultraortodossi, che incoraggiano i loro elettori a rinunciare alla leva. Eppure, sta usando la maggioranza di questa coalizione nella Knesset per estendere il servizio obbligatorio e raddoppiare il servizio di riserva annuale per le persone che hanno già prestato servizio e combattuto per quattro o cinque mesi di fila.

In questo modo sta sputando in faccia a coloro che prestano servizio. E questo non si concilia in alcun modo con i suoi appelli all'”unità” e con il suo obiettivo di impedire le elezioni anticipate.

Chiunque intenda continuare la guerra e allo stesso tempo preservare una qualche forma di unità deve garantire che questa disuguaglianza si riduca anziché aumentare. Questo è il minimo che dovremmo chiedere a Netanyahu, i cui fallimenti diplomatici e la decisione di fare del colpo di stato giudiziario la priorità del suo governo ci hanno fatto cadere addosso il peggior disastro della storia del paese”.

La rivolta degli ultraortodossi e il doppiogioco di Bibi

Lo documenta, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Ravi Hecht: “All’infinita lista di fallimenti del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, ora possiamo aggiungerne un altro, anche se, almeno per ora, non è costato nessuna vita umana come i suoi predecessori. Netanyahu è riuscito persino a non rispettare la sua parte di alleanza corrotta con i partiti ultraortodossi, che ora stanno imparando una o due lezioni sul loro vitello d’oro e su quanto siano disconnessi dalla società in cui vivono.

Non solo gli ultraortodossi sono ben lontani dall’ottenere ciò che volevano – un’esenzione permanente e generalizzata dal servizio militare – ma da quando è stato formato questo governo, e soprattutto da quando la guerra è iniziata il 7 ottobre e ha puntato i riflettori sul loro rifiuto di prestare servizio, sono anche diventati il gruppo più odiato in Israele in ogni altro settore della società israeliana. Gli altri israeliani li considerano scandalosamente estranei al trauma nazionale e ai sacrifici nazionali.

La fallimentare gestione della questione ultraortodossa da parte di Netanyahu, che, come al solito, ha comportato procrastinazione, inganno e una lettura errata della realtà, mette in pericolo innanzitutto proprio quegli studenti di yeshiva che i partiti ultraortodossi vogliono proteggere. Se e quando la Corte Suprema farà la cosa giusta e porrà fine all’oltraggiosa discriminazione del governo nel trattare la vita di alcuni israeliani come se valesse più di altri e alla profanazione del principio di uguaglianza, le yeshiva cesseranno di ricevere i finanziamenti governativi.

Il fatto stesso che, poche ore prima che lo Stato dovesse presentare la sua risposta alla corte al termine di numerosi rinvii, il procuratore generale stesse ancora conducendo una campagna di pressione su un altro accordo fraudolento volto a ingannare la corte, rivela il vergognoso stile di gestione di Netanyahu, che ha trasformato Israele da una potenza regionale in una baraccopoli corrotta e aperta ai suoi nemici.

I febbrili negoziati sono stati condotti dal vecchio-nuovo operatore di Netanyahu, il Ministro della Giustizia Yariv Levin – un’altra persona con un fantastico curriculum di aver assicurato la distruzione della società israeliana nonostante non sia riuscito ad approvare nemmeno una legge del suo tentativo di revisione giudiziaria.

Il deputato Gideon Sa’ar (Nuova Speranza), che si è dimesso dal governo, ha detto chiaramente che non intende sostenere un’altra proposta di governo ingannevole che rende un servizio a parole senza realizzare un vero cambiamento, e possiamo presumere (o almeno sperare) che gli sforzi del partito Likud per “convertirlo” falliranno. Ma lo dobbiamo già ringraziare per una cosa: senza un procuratore generale come Gali Baharav-Miara, da lui nominato mentre era ministro della Giustizia nel precedente governo, Israele sarebbe stato svenduto senza nemmeno lottare a una coalizione di governo composta da renitenti alla leva e criminali.

Leggi anche:  Cameron definisce 'spaventosi' gli attacchi israeliani ai convogli umanitari diretti a Gaza

“Abbiamo costantemente avvertito Netanyahu che le cose stavano andando in questa direzione e che una massa di verbosità senza senso, senza quote di leva e calendari chiari, avrebbe portato allo stesso vicolo cieco”, ha dichiarato una fonte della coalizione di governo. “Lo avevamo avvertito, ma come al solito ci ha ignorato e ha rimandato le cose. Nessuno crede ancora al suo pentimento”.

È difficile sopravvalutare quanto Netanyahu sia pericoloso per la sicurezza di Israele e persino per la sua stessa esistenza. Ma in questo episodio, i politici ultraortodossi lo hanno aiutato, in un commovente spettacolo di stupidità politica. Fino all’ultimo momento, i partiti ultraortodossi non erano disposti a cedere un centimetro, con grande disappunto dei loro partner di coalizione e nonostante le proteste degli elementi moderati della comunità ultraortodossa.

“Gruppi estremisti lunatici come la Fazione di Gerusalemme, che non sono nemmeno rappresentati nella Knesset, hanno più influenza di chiunque altro e stanno calpestando il mainstream ultraortodosso, che capisce che il 7 ottobre è successo qualcosa che non può essere ignorato”, ha detto uno di questi moderati.

I partiti ultraortodossi, che hanno minacciato di abbandonare il governo, si sono rifiutati categoricamente di includere nel disegno di legge i numeri effettivi delle quote di leva. Questo dimostra che qualsiasi legge venga presentata dal governo, non porterà all’arruolamento di un solo ultraortodosso.

Anche se il governo riuscisse miracolosamente a continuare a ingannare la Corte Suprema e a guadagnare un po’ di tempo in più, il fallimento di Netanyahu va ben oltre il danno economico alle yeshivas, ammesso che ci sia. Se la Corte sarà costretta a fare ciò che avrebbe dovuto fare da tempo e a cacciare il governo – che tratta le vite di alcuni israeliani come se valessero più di altre e viola il principio di uguaglianza – dal tribunale, gli ultraortodossi solleveranno un’aspra protesta. L’incitamento contro il tribunale si intensificherà e verranno gettati altri fiammiferi sul falò degli odi interni, che hanno già fatto pagare un prezzo troppo alto a Israele.

Ecco un elenco provvisorio dei fallimenti di Netanyahu dall’8 ottobre, senza menzionare il massacro del 7 ottobre: Non è riuscito a sconfiggere Hamas; a quasi sei mesi dall’inizio della guerra, il suo leader a Gaza, Yahya Sinwar, si sente abbastanza sicuro e potente da poter rinfacciare a Israele. Non è riuscito a riportare a casa gli ostaggi, violando così il più basilare contratto civico dello Stato con loro e con le loro famiglie: l’obbligo di provvedere al benessere dei propri cittadini.

Ha fallito nel gestire la politica estera di Israele e nel promuoverne gli interessi; al contrario, Israele è diventato uno stato paria. Non è riuscito a riportare gli sfollati nelle loro case; vaste aree di Israele sono diventate zone di sicurezza prive di abitanti. E infine, per un po’ di sollievo comico: non è riuscito a placare gli odi interni nel momento più difficile che Israele abbia mai conosciuto”.

Questo è oggi Benjamin Netanyahu. Un tragico, pericoloso, “re Mida a rovescio”. 

Native

Articoli correlati