Volker Turk (Onu): Israele e Hamas hanno commesso crimini di guerra
Top

Volker Turk (Onu): Israele e Hamas hanno commesso crimini di guerra

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volker Turk ha affermato che tutte le parti coinvolte nel conflitto tra Israele e Hamas hanno commesso crimini di guerra

Volker Turk (Onu): Israele e Hamas hanno commesso crimini di guerra
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Febbraio 2024 - 11.20


ATF

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volker Turk ha affermato che tutte le parti coinvolte nel conflitto tra Israele e Hamas hanno commesso crimini di guerra, chiedendo che vengano indagati e che i responsabili siano ritenuti responsabili.

“Chiare violazioni dei diritti umani internazionali e delle leggi umanitarie, compresi crimini di guerra e forse altri crimini ai sensi del diritto internazionale, sono state commesse da tutte le parti”, ha detto Turk al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra.

“È tempo, ormai passato, per la pace, le indagini e la responsabilità.” Secondo i conteggi israeliani, gli uomini armati di Hamas hanno ucciso 1.200 persone e catturato 253 ostaggi in un attacco contro Israele il 7 ottobre.

L’attacco ha scatenato un’offensiva israeliana nella Gaza gestita da Hamas, che si dice abbia lo scopo di salvare gli ostaggi rimasti e sradicare Hamas. Le autorità sanitarie di Gaza affermano che circa 30.000 persone sono state uccise durante l’offensiva.

Turk, che stava presentando un rapporto sulla situazione dei diritti umani a Gaza e nella Cisgiordania occupata da Israele, ha detto che il suo ufficio ha registrato “molti incidenti che potrebbero costituire crimini di guerra da parte delle forze israeliane”.

Leggi anche:  A Gaza perpetrato uno sterminio: il rapporto Onu che inchioda Israele

Ha detto che ci sono anche indicazioni che le forze israeliane si siano impegnate in “bersagli indiscriminati o sproporzionati” in violazione del diritto internazionale.

Israele ha affermato che sta facendo tutto il possibile per ridurre al minimo i danni ai civili.

Turk ha affermato che anche i gruppi armati palestinesi che lanciano proiettili indiscriminati nel sud di Israele e la detenzione di ostaggi violano il diritto umanitario internazionale.

Il mese scorso, la Corte internazionale di giustizia (ICJ) dell’Aia ha ordinato a Israele di prevenire atti di genocidio contro i palestinesi e di fare di più per aiutare i civili, anche se non ha ordinato un cessate il fuoco.

Turk ha affermato che la prospettiva di un attacco di terra israeliano nella città di Rafah, al confine meridionale, dove si stima siano stipate circa 1,5 milioni di persone dopo essere fuggite dalle loro case più a nord per sfuggire all’offensiva israeliana, “porterebbe l’incubo inflitto alla popolazione di Gaza nel una nuova dimensione distopica.”

Native

Articoli correlati