L'accusa di Olmert: Israele è in mano ad una banda di "pogromisti"
Top

L'accusa di Olmert: Israele è in mano ad una banda di "pogromisti"

Ehud Olmert può essere definito un conservatore illuminato. O se preferito un moderato di destra che non ha mai flirtato con la destra ultranazionalista e razzista israeliana

L'accusa di Olmert: Israele è in mano ad una banda di "pogromisti"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

24 Febbraio 2024 - 17.58


ATF

Ehud Olmert può essere definito un conservatore illuminato. O se preferito un moderato di destra che non ha mai flirtato con la destra ultranazionalista e razzista israeliana. E’ stato uno dei pezzi forti del Likud prima dell’avvento di Benjamin Netanyahu. Soprattutto, Ehud Olmert è una persona perbene. Un ex primo ministro che sa cosa significhi guidare un paese che si vive perennemente in trincea. Ehud Olmert è preoccupato, di più, per il futuro d’Israele. Un futuro in mano ad un governo di incalliti “pogromisti”, che conoscono e praticano solo il linguaggio della forza. 

Il j’accusse di Ehud

Scrive Olmert su Haaretz: “L’obiettivo supremo del duo di estrema destra composto dal Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir e dal Ministro delle Finanze Bezalel Smotrich non è l’occupazione della Striscia di Gaza.

Nemmeno l’insediamento in tutta la Striscia devastata è l’obiettivo finale del gruppo di allucinatori messianici che ha preso il potere nello Stato di Israele. Gaza è solo il capitolo introduttivo, la piattaforma che questa banda vuole costruire come base su cui si svolgerà la vera battaglia che hanno in mente: quella per la Cisgiordania e il Monte del Tempio.

L’obiettivo finale di questa banda è “epurare” la Cisgiordania dai suoi abitanti palestinesi, ripulire il Monte del Tempio dai suoi fedeli musulmani e annettere i territori allo stato di Israele. Il modo per raggiungere questo obiettivo è intriso di sangue. Sangue israeliano, nello stato e nei territori che controlla da 57 anni, ma anche sangue ebraico in altre parti del mondo. Oltre a molto sangue palestinese, ovviamente, nei territori, a Gerusalemme e, se non ci sono alternative, anche tra i cittadini arabi di Israele.

Questo obiettivo non sarà raggiunto senza un esteso conflitto violento. Armageddon. Una guerra totale. Nel sud, a Gerusalemme, nei territori della Cisgiordania e, per quanto necessario, anche al confine settentrionale. Una guerra del genere darà l’impressione che stiamo combattendo per le nostre vite, per la nostra stessa esistenza. In una guerra per la sopravvivenza è lecito fare cose insopportabili e i giovani delle colline dimostrano ogni giorno che tra loro ci sono molti capaci di fare proprio questo.

Leggi anche:  Così i "signori della terra" hanno conquistato Israele e distrutto ogni speranza di pace

Questa banda di pogromisti ha avuto successo nella prima fase che precede il tumulto e la guerra totale che, a quanto pare, sperano scoppi qui. Hanno preso il controllo del governo di Israele e hanno reso l’uomo che lo guida un loro servo. La possibilità che smantellino il governo e che estromettano il primo ministro dalla gestione delle questioni di stato non è da escludere. È un processo che si sta svolgendo proprio in questo momento, passo dopo passo.

Per prima cosa, Ben-Gvir e Smotrich hanno deciso di sacrificare gli ostaggi. Con l’intenzione di impedire la possibilità di porre fine alla fortunata campagna militare che finora ha portato alle Forze di Difesa Israeliane successi impressionanti, anche se a caro prezzo. È chiaro che siamo lontani dalla “vittoria totale”. Una vittoria del genere non è possibile. Anche se l’azione militare dovesse continuare per molti altri mesi, il prezzo che sta imponendo non vale la “visione” di una vittoria che non c’è alcuna possibilità reale di raggiungere.

Continuare l’azione militare ora trascinerà Israele a Rafah – e questo è ciò che vogliono. Una simile mossa metterà palesemente e immediatamente in pericolo l’accordo di pace tra Israele ed Egitto. Non c’è dubbio che l’Egitto, la Giordania, gli Emirati Arabi Uniti, l’Autorità Palestinese e l’Arabia Saudita sperino che Hamas crolli. Tuttavia, l’Egitto sa che c’è una notevole possibilità che il proseguimento dell’attività militare israeliana faccia uscire i Fratelli Musulmani dal loro stato di quiescenza.

L’Egitto ha già visto come il regime egiziano abbia imposto una dura disciplina militare per bloccare gli elementi estremisti fondamentalisti. Non è stato in grado di resistere alle manifestazioni di centinaia di migliaia di persone a Piazza Tahrir, nel cuore della capitale, Il Cairo. Solo un enorme sforzo, con il tacito sostegno della comunità internazionale, ha permesso agli elementi più moderati guidati dal presidente Abdel-Fattah al-Sisi di riprendere il controllo dell’Egitto e di guidarlo come entità diplomatica e militare che sta contribuendo a stabilizzare il Medio Oriente.

Leggi anche:  Il Regno Unito non sospende la vendita di armi a Israele e Sunak spiega il perché

Sisi e la leadership militare non correranno un rischio che rischia di far precipitare l’Egitto in un caos dal quale sarà difficile salvarsi. Il proseguimento della campagna militare a Rafah, che è sovraffollata da oltre un milione di palestinesi, è esattamente la miccia che incendierà le strade delle città egiziane e, successivamente, anche quelle della Giordania, un altro paese le cui relazioni con Israele sono essenziali per la nostra sicurezza.

Prima che gli eventi degenerino, ci troveremo di fronte a diversi paesi arabi che avranno perso i resti della fiducia nella capacità di creare una relazione basata sulla cooperazione con Israele. Tuttavia, gli Stati Uniti d’America – l’alleato che si è prodigato per aiutare Israele nel momento di crisi senza precedenti, quando il governo era sotto shock e il suo leader aveva perso gli ultimi brandelli di buon senso e responsabilità – adotteranno misure che scuoteranno la capacità di Israele di condurre la battaglia militare e diplomatica e la sua stabilità economica.

In tutto questo, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha deciso di dare fuoco al Monte del Tempio. Quando inizieranno le rivolte per la libertà di culto dei cittadini musulmani di Israele e dei palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme, si scatenerà una vasta ondata di terrore. Questa decisione merita una condanna speciale alla luce delle recenti manifestazioni di responsabilità e solidarietà dei cittadini arabi israeliani nei confronti del disagio che sta vivendo il loro paese.

Invece di rispettare la solidarietà della comunità araba, Netanyahu e Ben-Gvir la stanno inimicando e incitando contro di essa. Ogni persona ragionevole può certamente vedere questa dinamica inevitabile. Lo capiscono anche Ben-Gvir e Smotrich e con loro i giovani violenti delle colline e molti altri nei territori, che ancora mantengono un certo grado di moderazione.

Non c’è modo di spiegare il loro comportamento se non con la consapevolezza che questo è esattamente ciò che vogliono. Questo è ciò che sperano. E quando l’ondata di terrore esploderà, gli allucinatori messianici ci spiegheranno che la forza è necessaria per prevenire il terrore. Così, la guerra divamperà in tutta la Cisgiordania.

Leggi anche:  L'Iran invoca una coalizione di eserciti islamici per combattere Israele

E non abbiamo ancora parlato del confine settentrionale. È possibile cercare di raggiungere un’intesa con il Libano per una soluzione alla questione del confine, che potrebbe domare le fiamme che si sono già accese e che hanno costretto decine di migliaia di israeliani a fuggire dalle loro case.

Forse una gestione ragionevole e contenuta, senza dichiarazioni vanagloriose e minacce infinite, creerà un’equazione che consentirà a Hezbollah di dare l’impressione di aver raggiunto una soluzione al conflitto che dura da anni, concentrandosi su pochi punti lungo l’attuale confine e giustificando il ritiro sulla linea a nord del fiume Litani in Libano. Questo permetterebbe a Israele di restituire la sensazione di sicurezza agli abitanti della Galilea e di riportarli a casa per altri 17 anni di tranquillità. Come è stato fatto con la Seconda Guerra del Libano.

Ma Ben-Gvir e Smotrich non vogliono la tranquillità sul fronte settentrionale. Una guerra anche lì non farà altro che rafforzare l’affermazione che non c’è altra scelta se non quella di distruggere tutti i nostri nemici, su tutti i fronti, in tutti i settori – qualunque sia il prezzo di questo conflitto.

Il Primo Ministro comprende le inevitabili conseguenze derivanti da questa resa totale alla banda di pogromisti che controlla il suo governo. Vede, capisce, ma collabora. In definitiva (e forse a priori), Netanyahu è pronto a cedere gli ostaggi e a minare gli accordi di pace con l’Egitto e la Giordania, che sono pilastri essenziali dell’infrastruttura di sicurezza dello Stato di Israele.

È pronto a minare le relazioni con gli Stati Uniti fino al punto di una crisi visibile con il presidente più impegnato in assoluto per la sicurezza di Israele, Joe Biden. Netanyahu è consapevole che la prosecuzione di un processo sconsiderato porterà all’isolamento di Israele nella comunità internazionale come non ha mai sperimentato prima. Le cose sono così terribili che non c’è modo di evitare di dirlo forte e chiaro: Netanyahu, questo finirà con molto più sangue. Fai attenzione: sei stato avvertito”.

Parola di una persona perbene. 

Native

Articoli correlati