L'Aia: gli Stati Uniti contrari al ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati
Top

L'Aia: gli Stati Uniti contrari al ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati

La maggior parte dei relatori ha chiesto che Israele ponga fine alla sua occupazione, avvenuta dopo la guerra arabo-israeliana dei sei giorni nel 1967, ma Washington è intervenuta oggi in tribunale in difesa del suo alleato.

L'Aia: gli Stati Uniti contrari al ritiro di Israele dai territori palestinesi occupati
Corte internazionale de l'Aia
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Febbraio 2024 - 23.55


ATF

Alla fine continua la politica di totale adesione alle posizioni di Israele a danno dei palestinesi. Gli Stati Uniti hanno dichiarato alla Corte internazionale di Giustizia che Israele non dovrebbe essere legalmente obbligato a ritirarsi dai territori palestinesi occupati senza garanzie di sicurezza. La Corte Internazionale di Giustizia terrà una settimana di udienze dopo una richiesta delle Nazioni Unite, con un numero senza precedenti di 52 Paesi che esprimeranno il loro punto di vista sull’occupazione israeliana.

La maggior parte dei relatori ha chiesto che Israele ponga fine alla sua occupazione, avvenuta dopo la guerra arabo-israeliana dei sei giorni nel 1967, ma Washington è intervenuta oggi in tribunale in difesa del suo alleato.

«La corte non dovrebbe ritenere che Israele sia legalmente obbligato a ritirarsi immediatamente e incondizionatamente dal territorio occupato», ha affermato Richard Visek, consulente legale presso il Dipartimento di Stato americano.

«Qualsiasi azione verso il ritiro di Israele dalla Cisgiordania e da Gaza richiede la considerazione delle reali esigenze di sicurezza di Israele», ha affermato.

Leggi anche:  L'Iran avverte Israele che se sarà attaccata sul suo territorio la reazione sarà più intensa

«Ci siamo ricordati tutti di queste esigenze di sicurezza il 7 ottobre», ha detto, riferendosi agli attacchi di Hamas che hanno scatenato l’attuale conflitto. L’Onu ha chiesto alla Corte Internazionale di Giustizia di emettere un «parere consultivo» sulle «conseguenze legali derivanti dalle politiche e dalle pratiche di Israele nei territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme Est».

Native

Articoli correlati