I "tre dilemmi" che segneranno il futuro della Palestina. E non solo
Top

I "tre dilemmi" che segneranno il futuro della Palestina. E non solo

Il dopo guerra e i tre dilemmi che ipotecano il futuro. Oltre la cronaca, l’analisi. Ciò che caratterizza Globalist. Con il decisivo contributo dei più autorevoli studiosi internazionali.

I "tre dilemmi" che segneranno il futuro della Palestina. E non solo
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

20 Febbraio 2024 - 12.44


ATF

Il dopo guerra e i tre dilemmi che ipotecano il futuro. Oltre la cronaca, l’analisi. Ciò che caratterizza Globalist. Con il decisivo contributo dei più autorevoli studiosi internazionali. 

In questa ottica, di straordinaria rilevanza, è l’analisi di Daniel Kurtzer e Aaron David Miller. Kurtzer è professore di studi politici sul Medio Oriente presso la Woodrow Wilson School of Public and International Affairs dell’Università di Princeton. In trent’anni di carriera diplomatica è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Israele e in Egitto. Miller è Senior Fellow presso il Carnegie Endowment ed ex analista e negoziatore del Dipartimento di Stato per il Medio Oriente in amministrazioni repubblicane e democratiche. Il suo ultimo libro è “End of Greatness: Perché l’America non può avere (e non vuole) un altro grande presidente”.

I tre dilemmi

“Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha giurato che non si tornerà allo status quo del 6 ottobre 2023.

Se fa sul serio, il presidente ha intrapreso un’impresa di dimensioni galattiche che non solo comprende la creazione di una nuova realtà postbellica a Gaza, ma che affronta i fattori di fondo che hanno sostenuto un conflitto la cui soluzione è sfuggita a tutti i suoi predecessori.

Per rendere le cose ancora più complesse, Biden ha sostenuto il sostegno a Israele in prossimità di un’elezione presidenziale che potrebbe essere tra le più importanti della storia americana. Vincere la rielezione è una priorità più grande di qualsiasi altra sfida di politica estera, certamente superiore a qualsiasi sforzo per risolvere un conflitto israelo-palestinese in cui i leader israeliani e palestinesi mostrano così poco interesse a impegnarsi. Scelte politiche sagge su questo tema saranno quasi certamente in conflitto con la sua politica di rielezione.

Come se la strada da percorrere non fosse già abbastanza dura nella sostanza, l’assenza di una leadership renderà la montagna difficile da scalare. Biden potrà contare sull’aiuto degli europei e forse delle Nazioni Unite e, nelle giuste circostanze, degli Stati arabi più importanti. Ma quasi certamente gli mancheranno dei leader israeliani e palestinesi forti che gli facilitino il compito. Avrà a che fare con due comunità traumatizzate, la cui fiducia reciproca è inesistente e che si troveranno a fare i conti con la politica interna, ognuna a modo suo.

Sia il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu lotteranno disperatamente per rimanere al potere. Nessuno dei due ha molta fiducia nell’amministrazione Biden. In effetti, opporsi a un’iniziativa degli Stati Uniti e imporre condizioni che potrebbero rendere impossibile il lavoro di Biden potrebbe essere una parte della loro strategia per rimanere in carica. A Biden manca quindi ciò di cui ha più bisogno: partner credibili e disposti a prendere decisioni. E non li avrà, sicuramente non prima delle elezioni presidenziali del novembre 2024.

È possibile che si verifichino dei cambiamenti di leadership e Biden potrebbe svolgere un ruolo di supporto. Infatti, se Biden dovesse ottenere un secondo mandato, potrebbe essere in grado di mediare e facilitare un processo che metterebbe sia gli israeliani che i palestinesi su una strada migliore.

Il dilemma palestinese

L’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre e la guerra di Israele contro Hamas a Gaza hanno reso il movimento nazionale palestinese più debole, decentrato e diviso che mai. Né l’Olp né l’Autorità Palestinese sono in grado di formulare una strategia coerente per una governance efficace, per non parlare dei negoziati con Israele. Anche prima del 7 ottobre, l’Autorità Palestinese – minata dalla sua stessa corruzione e dalle sue politiche autoritarie, nonché dalle attività di insediamento e dalle operazioni antiterrorismo di Israele in Cisgiordania – aveva una credibilità quasi nulla presso la stragrande maggioranza dei palestinesi. Recenti sondaggi riflettono la grande maggioranza dei palestinesi: quasi l’88% rifiuta Abbas, vuole che si dimetta e vuole una nuova leadership.

È facile capire perché. Abbas è visto come un subappaltatore della sicurezza di Israele. La popolarità di Hamas è aumentata e quella di Abbas è crollata. La capacità di Hamas di garantire il rilascio dei prigionieri palestinesi e l’incapacità dell’Autorità Palestinese di farlo hanno ulteriormente aumentato la popolarità di Hamas. I raid antiterrorismo dell’Idf in Cisgiordania e le azioni dei coloni estremisti hanno ulteriormente dimostrato la debolezza dell’AP e indurito la popolazione contro Israele. Si stima che dal 7 ottobre circa 280 palestinesi della Cisgiordania siano morti per mano di soldati e coloni israeliani.

Se Hamas dovesse sopravvivere all’assalto di Israele – e quasi certamente lo farà in qualche forma – lascerà la politica palestinese ancora più incerta e disorganizzata. Infatti, Abbas potrebbe credere di avere poca scelta se non quella di cercare il sostegno di Hamas per sopravvivere, per non parlare di tornare a governare Gaza.

Leggi anche:  A Gaza si muore ancora di fame: Netanyahu non ha mantenuto la promessa di far arrivare più aiuti

L’amministrazione Biden ha in mente di aiutare a creare quella che descrive come una Autorità Palestinese rivitalizzata. Parlare di rivitalizzare la leadership palestinese va benissimo. Ma molti ostacoli si frappongono.

Innanzitutto c’è Abbas stesso e il gruppo di persone che lo circondano. Non si farà da parte di buon grado. È chiaro che è necessario un catalizzatore per legittimare una nuova leadership e riformare le istituzioni dell’Olp e dell’AP. Le elezioni che Abbas ha cancellato nel 2021 sono fondamentali. Ma è difficile credere che possano essere organizzate nel prossimo futuro – non in Cisgiordania e certamente non a Gaza.

Sulla base della nostra esperienza, sappiamo che il modo migliore per indebolire una nuova leadership è che gli Stati Uniti siano visti come attori della politica palestinese. In effetti, l’amministrazione Biden deve evitare questa situazione e lavorare sul proprio approccio nei confronti dei palestinesi. Ciò richiederà di legare qualsiasi sforzo su Gaza a un’iniziativa più ampia sulla statualità palestinese e sui passi che ciascuna parte dovrebbe compiere per raggiungerla.

Ciò significa affrontare le questioni dei diritti politici e delle rivendicazioni territoriali palestinesi, degli insediamenti israeliani e dei requisiti di sicurezza di Israele. In effetti è difficile vedere una leadership palestinese credibile disposta a correre rischi con un partner israeliano impegnato ad annettere la Cisgiordania.

C’è poi il problema di Hamas, la cui popolarità in Cisgiordania è triplicata. Alcuni funzionari dell’Autorità palestinese parlano apertamente della necessità di un sostegno da parte di Hamas, persino di un governo di unità, come chiave per un ritorno dell’Autorità a Gaza.

Chiaramente, qualsiasi partecipazione di Hamas al futuro di Gaza sarebbe un anatema per Israele e molto probabilmente per gli Stati Uniti. L’idea che in qualche modo la sua leadership esterna con sede a Doha, Beirut o in Turchia possa entrare a far parte di un nuovo governo sembra surreale dopo il 7 ottobre e ha già scatenato il dissenso della leadership militare di Gaza. In breve, né Hamas né Abbas sono leader per il futuro dei palestinesi.

Le voci sul ritorno di leader come Muhammed Dahlan, l’ex capo della sicurezza dell’AP a Gaza, sul rilascio dell’attivista di Fatah Marwan Barghouti, che ora sta scontando cinque ergastoli nel carcere israeliano, o sul ritorno di tecnocrati come l’ex primo ministro palestinese Salam Fayyad, abbondano. Ma rimangono solo questo. La realtà politicamente scomoda è che la leadership palestinese rimarrà caotica e incerta nel prossimo futuro.

Questo caos è in gran parte il risultato della disfunzione dei palestinesi e delle politiche disastrose perseguite da Benjamin Netanyahu negli ultimi dieci anni. Ma, a prescindere dalla causa, l’enigma della leadership rappresenta una sfida importante per qualsiasi iniziativa statunitense di successo.

Il dilemma israeliano

Israele dovrà fare i conti dopo la fine della guerra. Ma non è del tutto chiaro come e quando avverrà. I sondaggi attuali riflettono il fatto che la popolarità di Netanyahu è in calo. Se le elezioni si tenessero oggi, il blocco di Netanyahu otterrebbe 41 seggi e l’opposizione ben 79 seggi. I capi militari e dell’intelligence si sono già assunti la responsabilità delle straordinarie carenze operative e di intelligence che hanno permesso ad Hamas di avere successo il 7 ottobre. Netanyahu si è sottratto alla responsabilità, cercando inizialmente di incolpare solo i comandi militari e dell’intelligence.

Da quando è stato messo sotto tiro per questo motivo, Netanyahu ha ignorato del tutto la questione della responsabilità e delle responsabilità, affermando solo che si tratta di questioni da affrontare dopo la guerra. Mentre proseguiva la guerra, tuttavia, Netanyahu si è impegnato nella politica dell’evitamento e della deviazione, ripetendo vecchi tropi che solo lui può impedire all’Autorità Palestinese di prendere il controllo di Gaza, alla soluzione dei due Stati di nascere e resistendo alle pressioni degli Stati Uniti. Un primo ministro credibile si sarebbe assunto la responsabilità del giorno più sanguinoso della storia di Israele e si sarebbe concentrato sull’interesse nazionale. Non Netanyahu, che si è comportato in modo fedele e ha pensato prima di tutto alla sua sopravvivenza politica.

Non c’è ancora una pistola fumante che colleghi Netanyahu ai fallimenti operativi e di intelligence che hanno portato al 7 ottobre. Ci vorrà una commissione d’inchiesta statale per stabilire cosa sapeva della possibilità di un’incursione massiccia oltre confine e quando lo sapeva. Ma non c’è dubbio che le politiche e le valutazioni errate di Netanyahu su Hamas siano al centro della sottovalutazione da parte di Israele delle intenzioni e delle capacità di Hamas.

Leggi anche:  L'ex presidente della Corte Suprema e 600 giuristi: "Londra viola il diritto internazionale dando armi a Israele"

Per anni, Netanyahu ha visto in Hamas la chiave per prevenire le pressioni per una soluzione a due Stati. Preferendo Hamas all’AP, Netanyahu ha guadagnato tempo e spazio per consolidare il controllo di Israele sulla Cisgiordania. Fino a quando Hamas avrebbe governato Gaza, il movimento nazionale palestinese sarebbe rimasto diviso e incapace di collaborare per la pace. Netanyahu è stato preso in giro da Hamas, che ha fatto capire di essere soddisfatto di governare Gaza, anche se con periodici scoppi di violenza. Netanyahu, ingannato, ha aiutato e favorito la strategia di Hamas.

Netanyahu ha acconsentito a che il Qatar fornisse centinaia di milioni di dollari ad Hamas, sotto forma di valigie piene di contanti attraverso l’aeroporto Ben Gurion. Netanyahu ha supervisionato il rilascio di 1.027 prigionieri palestinesi nel 2011 per ottenere la liberazione di Gilad Shalit, che Hamas aveva rapito; eppure si è ripetutamente rifiutato di rilasciare prigionieri alla PA.

L’unica eccezione è avvenuta sotto la diplomazia del Segretario di Stato americano John Kerry, quando Israele ha rilasciato 84 prigionieri in nove mesi. In effetti, Netanyahu ha rafforzato Hamas e indebolito la già debole Autorità Palestinese, privandola di fondi e diminuendo la sua credibilità attraverso un’attività di insediamento senza sosta.

In uno straordinario video del 2017, Netanyahu ha descritto in dettaglio la sua comprensione dell’operazione che Hamas voleva portare a termine, un’operazione che assomiglia in modo sorprendente a ciò che è accaduto il 7 ottobre.

Nel maggio del 2022, l’intelligence militare israeliana preparò un rapporto di 40 pagine, intitolato “Muro di Gerico”, che descriveva in dettaglio i piani di Hamas. È assurdo credere che Netanyahu non sia stato informato di questo rapporto. E tre mesi prima dell’attacco vero e proprio, un analista veterano dell’Unità 8200 di Israele ha osservato un’esercitazione di un giorno di Hamas che ha confermato le tattiche descritte nel rapporto.

Israele conosceva – e presumibilmente Netanyahu conosceva – l’entità delle finanze di Hamas, che poteva acquistare ciò che voleva. Israele era ben consapevole che Hamas stava acquistando armi, ma non ha agito sulla base delle informazioni. Israele sapeva – e Netanyahu sicuramente lo sapeva – che Hamas stava costruendo tunnel in tutta Gaza e li utilizzava per contrabbandare armi e per arricchirsi riscuotendo tariffe per le merci che vi passavano. Secondo un funzionario del Ministero della Difesa israeliano, i tunnel erano un argomento frequente nella Commissione Affari Esteri e Sicurezza della Knesset.

Un ex alto funzionario dell’Autorità Palestinese ci ha anche detto anni fa che Israele sapeva quanto denaro Hamas guadagnava grazie al controllo del commercio attraverso i tunnel, ma non faceva nulla al riguardo.

In conclusione, Netanyahu aveva un ampio preavviso: Netanyahu ha avuto ampie avvisaglie e prove che Hamas stava preparando un grande attacco. Ha ignorato le prove, le ha minimizzate o le ha ignorate del tutto perché affrontare il problema avrebbe interferito con la sua strategia più ampia di lasciare che Hamas vivesse come contrapposizione all’Autorità Palestinese.

Anche questa non è una storia completa. L’utilizzo degli islamisti come contrappeso alla laica Olp ha una lunga storia prima di Netanyahu. All’inizio degli anni ’80, quando uno di noi era di stanza in Israele come ufficiale politico, era chiaro che gli islamisti stavano prosperando a Gaza – costruendo moschee e un’università con denaro che arrivava apertamente, probabilmente da fonti private saudite, mentre i nazionalisti, l’Olp, erano sotto pressione per i fondi.

Dopo aver sollevato la questione più volte con il governo militare e l’amministrazione civile, alla fine hanno ammesso che gli islamisti erano una scommessa migliore per Israele rispetto ai nazionalisti, in quanto gli islamisti volevano essere lasciati in pace a praticare la loro religione. Furono questi stessi islamisti a diventare Hamas nel 1987.

Nella sua carta costitutiva, Hamas aveva affermato chiaramente che tutta la Palestina è un waqf o una dotazione islamica che non può essere governata da non musulmani e che Israele deve essere distrutto. Lungi dall’essere un fallimento dell’immaginazione, il 7 ottobre è stato un chiaro caso di negazione: Netanyahu e i suoi colleghi hanno fatto finta che Hamas potesse essere un buon vicino di casa, perché ha indebolito Abbas, ha alleggerito la pressione su Netanyahu per avviare un processo di pace e ha dato a Israele tempo e spazio per perseguire politiche annessionistiche in Cisgiordania. Netanyahu non era il solo a pensarla così: Bezalel Smotrich, uno dei partner di coalizione di Netanyahu con una mentalità annessionista, ha descritto Hamas come una risorsa e l’AP come un deficit.

Leggi anche:  Gerusalemme, scontri tra ultra-ortodossi e polizia israeliana

È più che probabile che una volta terminata la fase più attiva della guerra, i capi militari e della sicurezza presenteranno formalmente le loro dimissioni. E a un certo punto, nel 2024, si dimetterà anche Benny Gantz, la cui partecipazione al gabinetto di guerra ha rimpolpato la coalizione di Netanyahu. Questo lascerebbe comunque alla coalizione di Netanyahu una maggioranza risicata. È possibile che la pressione dell’opinione pubblica, che ha costretto alle dimissioni Golda Meir, il primo ministro che ha presieduto al fallimento dell’intelligence della guerra dell’ottobre 1973, costringa Netanyahu a dimettersi.

Ma si batterà strenuamente per rimanere nel tentativo di garantire che l’inevitabile indagine statale sulla disfatta del 7 ottobre sia alle sue condizioni per evitarne le conseguenze.

Ma è difficile credere che ci riuscirà. Avendo presieduto il peggior attacco terroristico della storia di Israele e il giorno più sanguinoso per gli ebrei dai tempi dell’Olocausto, Netanyahu non potrà sfuggire al giudizio di peggior primo ministro della storia dello Stato di Israele.

Gantz, il probabile successore di Netanyahu, si è guadagnato la fiducia del pubblico grazie alla sua volontà di mettere da parte la politica e di unirsi al gabinetto di guerra in un momento di emergenza nazionale.

Ma Gantz non rappresenta una soluzione magica. È un politico di centro-destra avverso al rischio, severo in materia di sicurezza e che potrebbe essere più duro e cauto quando si tratta dei palestinesi, soprattutto dopo il 7 ottobre.

Israele è un paese di centro-destra e, se il passato è prologo alla guerra in Medio Oriente, il futuro sarà rivendicato più dalla destra che dal centro o dalla sinistra. Gantz cercherà probabilmente di spostare le questioni al centro, evitando l’annessione e l’aumento delle attività di insediamento e non permettendo alla destra di entrare nella sua coalizione. Solo un anno fa Gantz aveva dichiarato di non vedere alcun accordo con i palestinesi per il “prossimo futuro”. Si spera che ora veda le cose in modo diverso.

Il dilemma di Biden

A parte i fallimenti della leadership di Abbas e Netanyahu e le conseguenze che ne derivano, nessuna delle due società ha dimostrato il tipo di leadership necessaria per guardare oltre le attuali turbolenze e i traumi e cercare una strada per il futuro.

Le due società traumatizzate probabilmente usciranno dalle macerie indurite dal terrore e dalla violenza. I palestinesi sfollati dalle loro case sono diventati nuovamente rifugiati. E anche 200.000 israeliani sono stati sfollati dalle loro case, sia nei pressi di Gaza che lungo il confine con il Libano.

Biden si trova di fronte a una triste realtà: può incoraggiare e partecipare alla necessaria ricostruzione di Gaza e della periferia di Gaza in Israele e può cercare di mobilitare il sostegno internazionale per il duro lavoro che deve essere fatto fin dal primo giorno: legge e ordine di base, ripristino di un’autorità civile temporanea, impedire che Hamas torni a terrorizzare la propria società e Israele e incoraggiare l’Autorità Palestinese a riformarsi e ad essere pronta a governare e a fare la pace.

Ma per avere una possibilità di successo, Biden dovrà anche definire un orizzonte politico che consenta di sperare nella sicurezza di Israele, nell’indipendenza della Palestina e nella creazione di due Stati.

Poiché i dilemmi della leadership in entrambe le società richiederanno tempo per essere risolti, cercherà di attingere alla riserva di buona volontà degli israeliani grati per la sua leadership in questo periodo di crisi, agli interessi strategici di arabi ed europei e alla sua esperienza diplomatica.

I mesi immediatamente successivi alla fine dei combattimenti saranno particolarmente difficili, poiché né Israele né l’AP saranno in vena di pensare in modo positivo o creativo. Ma abbiamo appena visto nel modo più letale cosa succede senza una visione. Biden dovrà essere solo e portare con fermezza tutto il peso del potere diplomatico americano per far avanzare le prospettive di pace nel più difficile dei contesti”.

La soluzione di questi “tre dilemmi” segneranno il futuro del Medio Oriente, e non solo.

Native

Articoli correlati