Israele, prigionieri della "sindrome Netanyahu"
Top

Israele, prigionieri della "sindrome Netanyahu"

Tra i nemici nel mirino della destra messianico-fascista al potere oggi in Israele, ci sono anche i capi del Mossad e di Shin Bet. Incapaci, traditori...Nessuno si salva. Siamo alla riedizione del mussoliniano “tanti nemici, tanto onore”. 

Israele, prigionieri della "sindrome Netanyahu"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

5 Febbraio 2024 - 20.34


ATF

Tra i nemici nel mirino della destra messianico-fascista al potere oggi in Israele, ci sono anche i capi del Mossad e di Shin Bet. Incapaci, traditori…Nessuno si salva. Siamo alla riedizione del mussoliniano “tanti nemici, tanto onore”. 

Ne scrive Yossi Verter, con il quale proseguiamo, e concludiamo, il viaggio di Globalist nella destra estrema d’Israele.

Tutti nel mirino

Annota Verter: “Al momento della stampa di questa edizione, il Primo Ministro non ha ancora trovato il tempo di condannare le dichiarazioni del suo collega del Likud,  la parlamentare Tally Gotliv sui capi del Mossad e del servizio di sicurezza Shin Bet. È molto improbabile che lo faccia. In primo luogo, perché la sua sfrenata delegittimazione serve al suo scopo. Gotliv è il braccio parlamentare dei ministri Miri Regev e David Amsalem. In secondo luogo, ha paura di perdere il suo voto.

Gotliv ha accusato falsamente il capo del Mossad David Barnea di essersi incontrato con Shikma Bressler, uno dei leader del movimento di protesta contro il golpe giudiziario. “Edna Karnaval riferisce”, ha twittato entusiasta Gotliv (riferendosi a un sito web specializzato nella diffusione di cospirazioni e fake news) che il marito di Bressler aveva parlato al telefono con il leader di Hamas di Gaza Yahya Sinwar qualche giorno prima del 7 ottobre e che i due si erano addirittura incontrati.

Ha accusato il capo dello Shin Bet Ronen Bar di “intimidazione” dopo che questi aveva chiesto un’indagine penale contro di lei per aver rivelato dettagli su un membro anziano dell’organizzazione. Ha scritto che è responsabile dei fallimenti del 7 ottobre e che nel migliore dei casi è stato “criminalmente negligente”. Dal podio della Knesset, ha avvertito Barnea di non cercare di danneggiare il suo buon nome. Non è chiaro perché mai pensi di avere un buon nome; forse ha letto qualcosa su Edna Karnaval.

Leggi anche:  La sciagurata guerra demografica di Israele in Palestina

Gotliv è una specie di curiosità. È entrata in politica da un panel televisivo pro-Bibi dove si scagliava contro la magistratura, i giornalisti e tutti coloro che la irritavano, sempre con una retorica incendiaria accompagnata da teorie dubbie. Un avvocato che ha acquisito la sua fama grazie alla difesa appassionata degli stupratori e all’umiliazione delle loro vittime in tribunale, ha ottenuto il sostegno entusiasta dei Netanyahu ed è riuscita a farsi strada nella Knesset.

La sua salute mentale è oggetto di vivaci discussioni nel plenum e nei media. Una volta il Dr. Ahmad Tibi le ha raccomandato dal podio di andare in terapia e in un’altra occasione ha invitato gli uscieri a metterle la camicia di forza e a portarla all’ospedale psichiatrico più vicino. La donna ha presentato un reclamo contro di lui presso il Comitato Etico e la fazione Hadash-Ta’al ha presentato una controdenuncia contro Gotliv per commenti razzisti (ha raccomandato di sparare un missile Jericho con testata strategica contro Gaza). Un’altra denuncia è stata presentata contro di lei dopo che ha sputato sul podio durante un discorso del parlamentare  Ayman Odeh.

C’è stato un momento divertente per chi segue gli eventi del plenum quando Gotliv si è azzuffata con la sua collega di partito Galit Distel-Atbaryan, che l’ha accusata di “spaventare gli elettori dal Likud”.

La diagnosi di Distel-Atbaryan su Gotliv è esatta. Le possibilità che entrambi facciano parte della prossima lista di candidati del Likud sono molto basse. Ma sono solo una variante del virus che sta divorando il Paese dall’interno, ovvero Netanyahu. La gente è completamente stufa e disgustata di lui; è difficile capire se è più stufa di lui o se lo odia di più. Nella sua ovvia disperazione, sta cercando di lanciare campagne che possano riconquistare gli elettori: campagne contro uno stato palestinese e contro l’Autorità Palestinese che prende il controllo di Gaza. Questi temi non godono necessariamente del sostegno della destra. Ma in ogni caso, tutti i suoi sforzi stanno fallendo. A parte la sua base profonda, nessuno è disposto a comprare un’auto usata da lui o una Autorità Palestinese rivitalizzata.

Leggi anche:  Democratici Usa: così cresce la fronda anti-Netanyahu

Netanyahu non tira più in ballo gli accordi di Oslo degli anni ’90 e il ritiro da Gaza del 2005 come fattori che hanno portato al massacro di Hamas, ma continua a ignorare i suoi 14 anni da primo ministro. In ogni caso, solo la destra fanatica crede al suo messaggio inverosimile.

Ora sta alimentando le fiamme contro gli “studi televisivi”, che secondo lui impediscono all’Idf di vincere. Questa settimana ha incontrato i comandanti delle compagnie dell’Idf e ha usato anche questo forum per incitare. “Sento dire negli studi, dai commentatori e da tutti i tipi di persone… che spiegano che ‘non possiamo e non dobbiamo vincere’. Possiamo, dobbiamo, e non abbiamo scelta. Vittoria assoluta”.

Netanyahu ha lanciato la sua campagna “la colpa è degli studios” con una conferenza stampa una settimana fa il cui unico scopo era quello di spingere questo pietoso spin (che non lo farà uscire dal suo crollo nei sondaggi). Sta cercando di creare un contraccolpo che la sua macchina del veleno interpreterà come un atto anti-israeliano. Anche i sondaggi mostrano che la maggior parte degli israeliani vuole che la guerra continui, ma non con lui al timone.

In un sondaggio di Channel 13 di questa settimana, il 53% degli intervistati ha dichiarato che le decisioni di Netanyahu sono motivate da interessi personali. Continua a essere in svantaggio rispetto a Benny Gantz per quanto riguarda l’idoneità a diventare primo ministro e ora è dietro anche al collega di partito di Gantz, Gadi Eisenkot, entrambi membri del governo di emergenza. (Secondo il sondaggio, se Eisenkot si candidasse alla guida del suo Partito di Unità Nazionale, quest’ultimo otterrebbe più seggi alla Knesset rispetto a Gantz, 39 contro 37. Quindi c’è tensione anche tra questi due ragazzi).

Leggi anche:  Israele accusa Erdogan di sacrificare l'economia turca pur di difendere Hamas

Persino Nir Barkat, il noioso ministro dell’economia e dell’industria di tutti i giorni, ottiene cinque seggi in più come capo del Likud rispetto al suo attuale leader, 21 a 16.

Questi sondaggi rendono Netanyahu ancora più pericoloso e irresponsabile. La sua cassetta degli attrezzi non è più in grado di funzionare. L’unica cosa che gli resta da fare è mantenere le sue cattive abitudini: incasinare i processi, creare il caos – l’unica situazione in cui prospera politicamente – e mettere i settori dell’opinione pubblica gli uni contro gli altri.

I problemi sono le variabili che rimarranno parte della sua equazione tossica: soldati caduti, genitori di soldati, riservisti e famiglie di ostaggi.

Ciò che lo ostacola – o più precisamente, ci danneggia – è la sua caratteristica di essere un piccolo politico, anche in questi tempi. Non riesce a trattenersi. Mette alle strette Regev e Amsalem con il capo dell’Idf Herzl Halevi e poi dice: “Hanno fatto buone domande”. È stato citato mentre diceva a Regev, dopo l’agguato al gabinetto contro il capo di stato maggiore, “Hai fatto un buon lavoro”.

Permette che vengano stanziati miliardi di shekel per le esigenze della coalizione. Non riesce a impedire che si parli in modo disastroso della ricostituzione degli insediamenti a Gaza.

Non proibisce ai ministri e ai legislatori del Likud di partecipare alla “conferenza della vittoria” di domenica prossima, in cui si celebreranno gli sforzi per riportare l’impresa degli insediamenti a Gaza. Non si occupa dei ministri che propongono la distruzione di massa o il trasferimento dei palestinesi, né dei legislatori che diffondono pericolose cospirazioni. Cosa ha detto una volta qualcuno? “Il carattere è il destino”.

(seconda parte, fine)

Native

Articoli correlati