Iraq, le milizie sciite filo-iraniane: "Intensificheremo gli attacchi alle basi americane"
Top

Iraq, le milizie sciite filo-iraniane: "Intensificheremo gli attacchi alle basi americane"

Lo spiega Haider Al-Ami, leader di al-Nujaba (Movimento del Partito dei Nobili di Dio), ufficialmente la 12 esima Brigata, formazione sciita irachena vicina all'Iran e appartenente alla rete della Resistenza islamica in Iraq (Iri)

Iraq, le milizie sciite filo-iraniane: "Intensificheremo gli attacchi alle basi americane"
Milizie sciite filo-iraniane in Iraq
Preroll

globalist Modifica articolo

5 Febbraio 2024 - 12.09


ATF

«Intensificheremo gli attacchi alle basi americane, la guerra si allargherà e al nostro fianco combatteranno altri popoli di Asia e Caucaso».

Lo spiega Haider Al-Ami, leader di al-Nujaba (Movimento del Partito dei Nobili di Dio), ufficialmente la 12 esima Brigata, formazione sciita irachena vicina all’Iran e appartenente alla rete della Resistenza islamica in Iraq (Iri).

«L’aggressione contro l’Iraq e l’attacco alle Forze di Mobilitazione Popolare avranno una risposta speciale e appropriata – prosegue -. Tutti i siti Usa sono obiettivi della Resistenza Islamica in Iraq. Quell’attacco alla Tower 22 in Giordania è stato tra i più specifici che Iri abbia fatto e non sarà certo l’ultimo, raggiungeremo ogni singolo pertugio nella regione dove si nascondono gli americani. Abbiamo messo le nostre capacità al servizio della causa palestinese e in risposta all’aggressione sionista a Gaza, di cui gli Usa sono complici. Sino ad oggi abbiamo utilizzato droni, missili a corto e a lungo raggio che hanno raggiunto i territori occupati e distrutto obiettivi vitali a Eilat, nel Mar Morto e nel Mediterraneo. E non è tutto, abbiamo altre armi da impiegare, ma che non è il caso di rivelare adesso».

Leggi anche:  Gaza, ennesima denuncia dell'Oms: "La distruzione degli ospedali è straziante"

«Sì, siamo in guerra con gli occupanti americani e sionisti – ammette -. Posso dirvi che i nostri nemici devono essere pronti perché l’asse di resistenza si espanderà nel prossimo decennio sino ad abbracciare Paesi dell’Asia e del Caucaso».

Native

Articoli correlati