Iran, Stati Uniti, Russia, Iraq: tutti contro tutti
Top

Iran, Stati Uniti, Russia, Iraq: tutti contro tutti

Qualche giorno fa, riflettevo su Putin che non aveva alcun interesse a solleticare troppo Washington, a pochi mesi dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti

Iran, Stati Uniti, Russia, Iraq: tutti contro tutti
Milizie sciite in Iraq
Preroll

globalist Modifica articolo

2 Febbraio 2024 - 00.58


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

Verso gli scioperi in Iran?

Qualche giorno fa, riflettevo su Putin che non aveva alcun interesse a solleticare troppo Washington, a pochi mesi dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, con il rischio di generare una reazione di autodifesa che avrebbe emarginato il suo puledro Trump.

Ci siamo dentro.

Lo sciopero non è ufficialmente russo ma arabo, proveniente da milizie irachene filo-iraniane, addestrate ed equipaggiate dai Pasdaran. Teheran, tuttavia, nega qualsiasi coinvolgimento nel bombardamento della base “Torre 22” sul confine tra Iraq-Giordania e Siria. A 200 metri dal confine siriano e un chilometro dal confine iracheno, la “Torre 22” è un posto strategico di sorveglianza e spedizione. Una fortezza protetta da un immediato attacco, situata all’incrocio delle uniche strade asfaltate in questo angolo del deserto, base arretrata della gestione e della sorveglianza americana, è a priori meno esposta – perché situata nella Giordania alleata – rispetto alla base avanzata di Al Tanf in Siria, sull’autostrada Damas-Baghdad.

A meno di 20 km di distanza, Al Tanf accoglie ancora 200 soldati americani e 500 uomini dei Commandos Rivoluzionari Armati (RCA) provenienti dall’Esercito Siriano Libero ribelle, il cui quartier generale è posizionato lì. I combattenti delle Forze Speciali sono ad Al Tanf, specialisti della logistica e della comunicazione della Torre 22, occhio e orecchio di Washington, punto chiave di tutto il traffico, comprese le armi ma anche il captagon, prodotte in Siria da milioni di armi che ogni mese tentano di attraversare il confine giordano nel deserto. L’attacco esplosivo dei droni ha ucciso tre soldati americani e ne ha feriti più di 40; il 13% dello staff è rimasto ferito o ucciso.

A quanto pare, Washington non crede a Teheran e gira voce di una risposta significativa, forse anche in Iran, direttamente, sui siti della Guardia Rivoluzionaria.

Questo è il problema dei proxy: non li controlli mai completamente. Sotto forma di Tomahawk, possono fare molto male, ma d’altra parte, la Casa Bianca non vuole un’escalation, tanto meno una guerra aperta con l’Iran.

Leggi anche:  La "notte dei droni", la débacle iraniana e l'enigma Netanyahu

A differenza dei repubblicani, che chiedono una risposta schiacciante. Trump ha preso il comando, accusando Biden di essere colpevole. Sostiene di aver lasciato l’Iran permanentemente imbavagliata, senza un centesimo in tasca, mentre Biden avrebbe allentato le corde del mercato azionario, offrendo miliardi di dollari all’Iran, usati per attaccare le forze americane.

Diciamolo: è una grande bugia.

La rottura unilaterale da parte di Trump dell’accordo di Vienna sul nucleare iraniano ha portato alla ripresa del programma nucleare di Teheran, permettendole di produrre una bomba atomica nel 2025. Ecco perché l’Iran non vuole la guerra troppo presto.

L’accordo finanziario di Biden ha permesso lo scambio di 6 prigionieri iraniani con 6 americani, ma lo sblocco del denaro (che apparteneva all’Iran ed era bloccato in Corea del Sud) sarebbe avvenuto solo alla fine, se l’Iran si fosse astenuta dalla provocazione, cosa che non è accaduta. Così i 6 miliardi sono rimasti bloccati e non sono mai stati pagati. Nel frattempo, i droni utilizzati nella Torre 22 costano solo poche migliaia di dollari, alla portata di qualsiasi gruppo. Infine, se l’Iran non è nella sua migliore forma economica, il Paese non è mai stato rovinato: Khamenei e il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie, i famosi Pasdaran, stanno guidando un affare in contanti da oltre 90 miliardi di dollari, saccheggiato dal popolo e dagli industriali iraniani da 45 anni.

Ali Khamenei è il “direttore”.

L’atteggiamento di Trump è odioso, ma non è una novità: cerca di usare la morte dei soldati americani per la sua battaglia politica personale e mette in imbarazzo i repubblicani del Senato, propensi a firmare l’accordo di frontiera negoziato con la Casa Bianca, che sbloccherebbe le consegne di armi all’Ucraina. Biden ha fatto serie concessioni e per i repubblicani sarebbe una vittoria, ma Trump non la vuole soprattutto perché intende essere nelle condizioni di continuare ad attaccare Biden per la sua inazione sul confine. Sta facendo pressione sulla base del partito, di cui detiene il controllo, per evitare che i repubblicani volino via dalle loro stesse ali. E, comunque, blocca gli aiuti all’Ucraina.

Leggi anche:  Khamenei ribadisce la promessa di ritorsioni contro Israele per l’uccisione di generali iraniani

La buona notizia è che tutto questo motiva gli europei a mettere la finire di dipendere dal sostegno americano, specialmente in Ucraina, anche in caso di vittoria di Trump.

I cechi stanno facendo scorta di F35, i tedeschi stanno costruendo fabbriche di armi a tutta velocità – anche in Ucraina – e i francesi stanno quadruplicando le loro fabbriche, sia Cesar che Rafale.

Questa volta l’Europa ha capito la lezione.

Il sostegno all’Ucraina passa anche attraverso i 50 miliardi di euro che l’UE ha raccolto e l’Ungheria finora ha cercato di fare cortocircuito.

A Bruxelles, qualcuno ha deciso di rivelare alla stampa l’esistenza di un piano, volto semplicemente a rimuovere tutti gli aiuti e gli investimenti europei nell’economia ungherese, che ne ha più bisogno.

Servire Putin o vedere la sua economia distrutta?

Orban ha dovuto scegliere e ha scelto la sua economia: quindi lascia andare gli aiuti all’Ucraina come ha promesso di far entrare finalmente la Svezia nella NATO.

Sul fronte, la Russia avanza a passo di formica nel Nordest, al costo di più di 1.000 morti al giorno, dieci volte più di quanto difendano gli ucraini. Nel Sudovest, l’Ucraina rafforza la sua riva destra del Dnipro.

Il raccapricciante conteggio delle vittime russe ieri ha superato i 383.000 soldati definitivamente fuori combattimento, mentre una ventina di soldati donna, ben poca cosa, manifesta ogni settimana davanti al Cremlino.

Boris Nadejdine sostenuto dalla maggior parte degli avversari lo sostiene, quando in realtà il suo piano di pace non è uno: chiede la partenza di Zelenski e la conservazione delle terre occupate russe. Va detto che la sua candidatura servirà principalmente da banca dati al Cremlino: 100.000 potenziali avversari hanno fornito nomi, indirizzi e qualità!

Leggi anche:  La sfida degli iraniani alle restrizioni del governo per preservare tradizione e identità

Quello che sta succedendo tra Israele e i suoi vicini è una tragedia. I torti sono chiaramente condivisi, da tempo, tra Israele, palestinesi e comunità internazionale – prima URSS poi Russia – che hanno fatto di tutto per sabotare ogni speranza di pace, ma anche qualsiasi normalizzazione della questione palestinese.

La folle aggressività dei coloni israeliani ha solo alimentato l’odio. Non contenti che abbiano truffato la Cisgiordania con insediamenti ebrei, ora vogliono fare lo stesso a Gaza. Netanyahu pianifica di attaccare Hezbollah nel sud del Libano mentre respinge i palestinesi nel Sinai dopo aver a sua volta occupato il sud di Gaza. La sinistra israeliana, sperando di saldare il suo conto “dopo la guerra” potrebbe dover aspettare a lungo.

L’odio verso l’altro e la necessità di una guerra ai propri confini sono due caratteristiche essenziali del fascismo.

Sul lato palestinese, l’ipertrofia dell’UNRWA è il simbolo di una volontà deliberata di sostenere la ferita piuttosto che curarla. Diventando uno Stato dell’ONU, l’UNRWA raccoglie da solo molti più fondi e personale di tutti gli altri rifugiati del mondo messi insieme, eppure molto più numerosi e talvolta molto più miserabili.

Si sa da anni che l’UNRWA è completamente fagocitata da Hamas e dalla Fratellanza Musulmana, che gli aiuti vengono dirottati, che nei “loro locali2” addestrano miliziani e che essi servono da sbocco per attività terroristiche, ma la notizia secondo cui più di una dozzina dei suoi dipendenti avrebbe partecipato alle stragi del 7 ottobre va oltre la comprensione.

La cecità è diventata complicità.

Nel registro degli aneddoti, ieri è stato estradato un nazista neo-suprematista Niçois, dall’entità serba della Bosnia alla Francia, dove era ricercato dopo una fuga dalla casa di detenzione di Nizza. Colleziona armi e distintivi nazisti, tiene un blog razzista di estrema destra. Nella sua biografia, riassunta dalla stampa, afferma di aver combattuto con Azov in Ucraina nel 2014.

Ma cosa ci faceva un filo-ucraino in Serbia?

Native

Articoli correlati